L'importanza degli alberi, troppo spesso trascurata

21 Aprile 2022
Albero secolare ad Arzana (Ilixi 'e perreddu) - foto Cristian Mascia

Ogni anno il 21 novembre si festeggia la Giornata Nazionale degli Alberi, che insieme alle tante altre celebrazioni e giornate internazionali o mondiali, sono ottime occasioni per parlare dei più importanti esseri viventi del pianeta: che respirano e ci fanno respirare, si nutrono e ci nutrono, si riproducono e permettono la nostra stessa sopravvivenza.

Eppure faremmo bene a tener presente ogni giorno, in ogni istante della nostra vita, dopo ogni respiro, quale fondamentale parte "attiva" abbiano questi organismi sul nostro ambiente e sulla nostra cultura. Difenderli significa preservare il nostro benessere, tanto in campagna quanto in città.

Senza gli alberi, la vita sulla Terra sarebbe impossibile

Le specie vegetali forniscono l’ossigeno e sono al contempo una parte essenziale della catena alimentare del nostro pianeta. Grazie ai loro processi di respirazione e fotosintesi, gli alberi aiutano a combattere il riscaldamento climatico assorbendo l’anidride carbonica e contribuendo alla pulizia dell’aria; incamerano inquinanti come biossidi di zolfo, ozono, ossidi di azoto.  Più alberi nelle città, maggiore la termoregolazione ambientale offerta ai centri abitati.  Più alberi nelle campagne e nei monti, meno erosione del suolo e dissesto idrogeologico, maggiore salvaguardia degli argini e dei terreni attraversati dalle acque.

La dimensione metafisica e sociale

Insieme agli animali, gli alberi hanno accompagnato l'uomo fin dall’alba dei tempi ed ogni cultura ha sviluppato leggende, rispetto e ammirazione atavica per questi "spiriti verdi". Gli alberi non sono utili solo dal punto di vista ecologico, quindi, ma anche da quello sociale. In senso più moderno, basta pensare al paesaggio e ai benefìci offerti da un bosco in termini di bellezza percepita.  

Le funzioni fondamentali

Gli alberi non sono belli e utili dal punto di vista biologico e sociale: svolgono fondamentali funzioni e "servizi ecosistemici" per l'umanità: influenzano il microclima migliorando la qualità dell’aria (e la temperatura, attraverso l’ombreggiamento); svolgono un’azione di filtro atmosferico permettendoci di respirare aria pulita e combattono l’inquinamento (anche con la fotosintesi clorofilliana) e fungono da schermo contro il rumore. Il contributo degli alberi è essenziale per l’equilibrio idrogeologico ed ecologico: oltre al dissesto, in loro assenza non potrebbero trovare ospitalità e sostentamento la maggior parte delle specie di fauna selvatica. La presenza degli alberi, infine, dona grazia alle zone urbanizzate.  Gli alberi hanno la capacità di purificare le acque, attraverso il processo della fitodepurazione, con miglioramento dei suoli, in grado di intercettare composti organici ma anche idrocarburi e metalli pesanti. Le radici costituiscono il cuore di questi "impianti naturali" di filtraggio e depurazione, mentre le chiome offrono la termoregolazione e schermano il suolo dal sole e dagli eventi atmosferici e dalla pioggia torrenziale, stabilizzando i terreni in pendenza. Insieme agli ecosistemi dunali, gli alberi (foreste litoranee) aiutano a bloccare l'erosione marina delle coste.

I prodotti del bosco

Le foreste, i giardini urbani e i filari alberati periurbani sono veri e propri "ambienti naturali" in cui può svilupparsi un’alta biodiversità animale e vegetale. Gli alberi, oltre a produrre ossigeno, producono cibo per gli esseri viventi e danno riparo a una grande quantità di insetti, mammiferi, uccelli, aumentando la varietà delle forme di vita. Frutti, resine, semi, legname e fogliame, parti morte dell’albero, humus nel soprassuolo: la lista potrebbe continuare, ma il comun denominatore è che qualunque parte dell’albero è vita ed utilità

Il benessere psico-fisico e la protezione dall'inquinamento dell'aria e acustico

Parchi urbani e foreste (litoranee, fluviali, montane e collinari) hanno un effetto benefico sulla nostra salute e sulla psiche. oltre alla capacità di abbattere polveri sottili e gas inquinanti, gli alberi sono efficaci nel combattere depressione, stress ed altri mali moderni: basterebbe pensare alla loro postura, tesa verso l'alto, e alla loro energetica immobilità, così opposta alla frenesia dei tempi moderni: camminare o pedalare lungo sentieri immersi nella natura fa bene alla mente e al fisico e rallenta l’invecchiamento.
Nelle città inquinate in cui scarseggia il verde e dove le infrastrutture verdi sono fortemente degradate, la qualità della vita percepita (e misurata) è bassissima, specie al confronto di quanto avviene nelle città più "verdi" dove si è puntato sugli alberi e sui giardini. Ben nota, ma troppo spesso trascurata, è l'importanza di filari alberati e siepi per la mitigazione dei rumori del traffico (tra le maggiori cause di stress) nelle città. Gli alberi stimolano la creatività e il benessere nei bambini: la loro bellezza, la longevità e la resistenza e resilienza alle avversità sono fonte di insegnamento per tutti noi.

Per concludere

Forse, se potessimo o sapessimo ascoltare il linguaggio degli alberi, li sentiremmo pronunciare un antico verso del Satyricon di Petronio:

Serva me, servabo te

(proteggimi, e ti proteggerò).

Condividi:

Notizie ed eventi

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...