Foliage: le foglie degli alberi nei colori autunnali

01 Novembre 2020
foliage accanto a una strada, presso Gairo Taquisara (C.Mascia)

La caduta del fogliame

Innegabilmente l'autunno porta con sé un fascino speciale, fatto di colori e di contrasti, dal verde al giallo attraverso le varie gradazioni del rosso (in verità abbastanza raro in Sardegna, ad eccezione forse dell'Acero minore) per la caduta delle foglie tipica della stagione. Anche nei boschi della Sardegna questo è ben visibile, per le numerose piante caducifoglie (tra le altre: roverella, castagno, nocciolo, acero minore, carpino nero, ontano, sorbo montano, orniello etc...). 

Il fenomeno naturale diventa moda

Ultimamente il foliage sta diventando una vera attrazione turistica: tantissime persone fanno propria una tendenza (o "moda") con diversi benefici. 
Passeggiare nel bosco o tra gli alberi in autunno, per ammirare lo spettacolo di sfumature autunnali creato dai tappeti di foglie caduche, ha sicuri risvolti positivi per la salute
Stare a stretto contatto con la Natura fa bene alla mente, al corpo e allo spirito: respirare all’aria aperta, calarsi nella tranquillità colorata e profumata di una foresta o lungo un viale alberato è un toccasana contro lo stress.

Il Foliage: un termine straniero, per la riscoperta del nostro paesaggio autunnale

Come spesso accade, non ci sarebbe bisogno di ricorrere a termini inglesi, ma la parola foliage sembra un irrinunciabile "compressore semantico" per descrivere i colori autunnali che assumono le foglie delle piante decidue nella stagione che gli alberi utilizzano per prepararsi ai rigori dell'inverno.  Foliage è un anglicismo (legato al francesismo "feuillage") che letteralmente significa "fogliame" ma che nella sua accezione legata al fenomeno turistico richiama il "fall foliage" (appunto il fogliame autunnale) e quindi anche il paesaggio autunnale, il fascino delle foglie caduche e la simbolica transizione delle stagioni, che si materializza nelle piante che mutano dal verde primaverile ed estivo alle tinte gialle autunnali che precedono lo spoglio inverno.

Perchè gli alberi perdono le foglie, e come avviene il cambio del colore

Innanzitutto è utile ricordare che non tutti gli alberi perdono le foglie nella stagione autunnale, e non tutti presentano lo stesso foliage.

Caducifoglie vs. sempreverdi

Il cambio di colore autunnale è tipico delle piante caducifoglie (caratteristica diffusa soprattutto nelle latifoglie, alberi o arbusti con foglie ampie e forma varia) mentre ce ne sono altre (sempreverdi) che mantengono le foglie anche nella stagione fredda. Con l'arrivo dell'autunno l'irraggiamento solare perde di intensità, le temperature calano e le piante caducifoglie entrano fisiologicamente in una sorta di "modalità a basso consumo", riducendo l'idratazione verso le foglie che sono state ampiamente sfruttate in primavera ed estate. Avviene così che diventano meno vitali i cloroplasti (organuli cellulari vegetali che contengono la verde clorofilla e che svolgono la fotosintesi permettendo alla pianta di assorbire energia per produrre sostentamento sfruttando i raggi solari, l'acqua e l'anidride carbonica). Dopo mesi di intenso funzionamento queste cellule perdono la verde colorazione "clorofilliana" e lasciano maggiore visibilità ad altre sostanze, tra cui i carotenoidi, che danno alle foglie il caratteristico colore "caldo".   Insomma: con l'autunno le foglie - importantissima centrale energetica delle piante - diventano un peso - e persa la loro funzione la pianta se ne disfa (accumulando su di esse le scorie, e spostando le sostanze ancora utili nelle parti perenni, rami e gemme) prima che il freddo faccia ghiacciare e compunque comprometta i terminali dei rami.

Due diverse strategie

Questa dunque la strategia delle caducifoglie: eliminare il superfluo, ridurre le superfici vitali, per sopravvive nella stagione fredda e ripartire in primavera.  Le piante sempre-verdi invece hanno trovato altri stratagemmi per sopravvivere alla stagione fredda: foglie più piccole e ricoperte di sostanze più resistenti al gelo, e continuità nel ciclo clorofilliano, che invece si interrompe per le caducifoglie. Il ricambio delle foglie, per le sempreverdi, è continuo ma meno accentuato, in tutte le stagioni, e di fatto la chioma è sempre color clorofilla.

Paesaggio e rappresentazione dei cicli naturali

La Natura, con i suoi segni, ci rende parte dei cicli naturali:  la successione delle stagioni sono tra questi.  Quale che sia la parola o la descrizione che ne diamo (foliage?) e l'apprezzamento che suscita in noi (persino un fenomeno "turistico" e veri e propri viaggi per ammirarlo) questo momento della stagione è sicuramente una caratteristica dei nostri boschi, del nostro splendido paesaggio naturale, che val la pena scoprire, capire, conoscere.   

Condividi:

Notizie ed eventi

20 Aprile 2021

Ha preso il via presso il vivaio Santu Loisu di Sorgono l'indagine sulle problematiche fitopatologiche dei vivai forestali gestiti dall'Agenzia Forestas.

Il progetto, in collaborazione con Agenzia...

19 Aprile 2021

I due bandi pubblicati lo scorso 21 dicembre sono stati ampliati e riaperti: sarà possibile presentare domante, per chi non l'avesse già fatto, sino al prossimo 19 maggio 2021.

14 Aprile 2021

La conferenza finale di INCREDIBILE si terrà online nelle giornate del 15 e 16 aprile 2021 .

Esplorerà e racconterà i risultati del progetto con un'enfasi speciale sulle iniziative chiave e sui ...

15 Aprile 2021

L’ Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Agenzia Forestas è operativo, sperimentalmente da oggi, anche su WhatsApp e TELEGRAM .

In questo particolare momento in cui l’accesso negli uffici è limitato, in applicazione dei protocolli anti-...

13 Aprile 2021

Forestas sta selezionando un biologo/naturalista esperto in pesca sportiva “ catch and release ” (C&R) per attuare un progetto di Tutela e gestione dei rifugi genetici della trota mediterranea in Sardegna

13 Aprile 2021

Si tratta di un ordinario taglio programmato di alcune piante pericolanti, programmato ed indifferibile per la sicurezza dei fruitori, come spiega l'Agenzia all'utente che aveva richiesto chiarimenti con una documentata segnalazione...

08 Aprile 2021

Nonostante l'emergenza Covid-19, è ripartito il 7 aprile il progetto " la Scuola nel Bosco " promosso da Forestas, Istituto scolastico e Comune di Dolianova...

06 Aprile 2021
SPLENDIDI PAESAGGI VENTOSI

Regione storica del Monte Acuto . Qui sughero e granito hanno rappresentato per anni la fonte economica di maggior rilievo: il territorio è ricco di boschi di leccio e principalmente querce da sughero...

03 Aprile 2021

Divieto di assembramento ed altre prescrizioni statali e regionali per il lockdown pasquale 2021 comportano in ogni caso l'impossibilità di fruire delle aree forestali demaniali destinate alla sosta e ai pic-nic dal 3 al...

30 Marzo 2021

Anche in Sardegna gli alberi di leccio ( Quercus ilex L.) sia nel verde pubblico che privato sono soggetti ad attacchi fungini che producono cancri corticali e decadimento strutturale del fusto: nei casi più...

29 Marzo 2021

Il 10 marzo 2021 è stato siglato tra le Agenzie regionali Forestas e Agris un accordo di collaborazione tecnico-scientifica per un progetto integrato, costruito grazie alle riunioni del Tavolo Tecnico per la difesa...

29 Marzo 2021

In questa pagina si rende disponibile la documentazione relativa a due ulteriori Piani Forestali Particolareggiati: quello del Supramonte ( Montes , Orgosolo) e di Is Cannoneris ( Gutturu Mannu , Domus de Maria e Teulada)...