Resilienza e resistenza: la lezione dei boschi sardi

15 Marzo 2020
Leccio cresciutio tra i calcari ogliastrini (foto A.Saba)

In tempi di corona-virus, può essere utile ricordare uno dei più grandi insegnamenti della Natura: resistere, adattarsi, riprendersi con tenacia dopo ogni difficoltà (nonostante gli ostacoli e gli eventi imprevisti).

La Resilienza

In ecologia questo concetto viene spesso usato per descrivere la capacità di reazione, di auto-riparazione e rinnovamento dopo un evento naturale e non, dopo una minaccia o una perturbazione dell'ecosistema, dopo una interferenza esterna, dopo un trauma...

Questa "dote" - che si riassume con la parola resilienza - è talmente importante da essere usata in molte altre discipline, tra cui la psicologia (capacità  individuale di affrontare le difficoltà) l'ingegneria (capacità dei materiali di sopportare gli stress o di assorbire urtideformazioni ) in biologia (capacità di auto-riparare un danno a un organismo o un tessuto)...e persino in informatica e nelle scienze dei materiali (resistenza a stress di funzionamento e usura dei sistemi e dei materiali).

Insomma, come in altri ambiti umani, la resilienza è importante: è la capacità di adattarsi ad un cambiamento e andare oltre in modo da poter superare l'evento imprevisto e fare tutto il necessario anche in condizioni eccezionali.   L'origine latina della parola (dal latino resiliens, dal verbo resilire  che significa rimbalzare) rende ancor più chiaro il concetto.

Esempi quotidiani, banali ma esemplificativi, sono sotto i nostri occhi: un bosco che lentamente riprende terreno dopo un incendio, un ciuffo d'erba che sbuca dall'asfalto, la vegetazione che sopravvive tra il cemento, gli uccelli che si adattano alla vita in città, gli insetti che colonizzano qualunque ambiente...

RESISTENZA VS. RESILIENZA

C'è poi differenza tra resistenza resilienza.  Tanto più grande è un sistema, tanto più complesse sono le variabili che lo governano: nel caso degli eco-sistemi ha sempre affascinato gli studiosi lo studio della "capacità di reazione" per superare le difficoltà dell'ambiente (cioè la resistenza) ma altrettano interesse desta un'altra variabile (la resilienza) che si può descrivere come la rapidità di recupero di un organismo (o di un sistema, come il bosco) da un danno o un evento distruttivo. Attraverso la resilienza, si apprende e cosi ci si adatta al disturbo.
Di fronte al fuoco, ad esempio, alberi diversi reagiscono in modo diverso.
La sughera è una specie resistente a questo fattore: se non decorticata, riforma subito la chioma dopo il passaggio delle fiamme, perchè il sughero ne protegge i rami.
Il leccio è invece resiliente: dopo il passaggio del fuoco la parte aerea dell'albero muore...ma dalla parte ipogea e dalle radici (se non danneggiate dal fuoco) si sviluppano le gemme che daranno origine ad una nuova pianta.

C'è resistenza (ed una "tenacia" che ci piace definire "sarda") nei lecci e nei ginepri che crescono nelle rocce, nonostante le intemperie e la scarsità di nutrimento; c'è resistenza nell'edera che riesce a superare gli ostacoli naturali arrampicandosi sulle più impensabili superfici rocciose, c'è resistenza (e bellezza) nella la Peonia che proprio in questi giorni sbuca dai terreni rocciosi, colorandoli di tinte meravigliose.

La "tenacia" del bosco: maestro di resilienza e di resistenza 

Gli ecosistemi mediterranei come quello in cui viviamo, hanno dunque sviluppato una forte resilienza (affrontando e adattandosi nel tempo a grandi variazioni dell'Ambiente, temperature estreme, incendi, mareggiate, alluvioni, forti venti...) e questo ha permesso loro di conquistare (o conservare intatto) l'habitat. 

Ancora il leccio poi, emblema di resilienza (per la capacità di recupero da incendi e tagli, seppure nell'orizzonte di decenni) e resistenza: ci mostra spesso un suo particolare meccanismo di estrema difesa dal pascolo intensivo, in cui la ramificazione e le foglie della piantina si riducono ad un arbusto (cespuglio o pulvino con foglie spinose) per tenere lontano gli animali che ne brucherebbero tutte le giovani foglioline. 

La resilienza è ovunque in Natura...e spesso si differenzia (e si misura) con la rapidità di recupero: il sistema-bosco, attraverso la resilienza, apprende e cosi si adatta al disturbo (ma servono decenni).

Nelle belle immagini allegate a questo articolo, tantissimi esempi che raccontano la resilienza e la resistenza - in una parola la "tenacia" - dei boschi della Sardegna.

Condividi:

Notizie ed eventi

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...