La festa degli alberi nel 1959, un milione di Alberi nel 2016

21 Novembre 2016
la festa degli alberi del 1959

...la festa degli alberi si presenta alle più giovani generazioni nel duplice aspetto psicologico e positivo e parla nello stesso tempo alla fantasia e alla ragione, al cuore e alla mente; nell'oggi e nel domani.
[Alberto Maria Camaiti, ingegnere e docente presso l’Accademia di Scienze Forestali di Firenze, nel 1959 direttore generale del Corpo Forestale dello Stato]

La Brochure della festa degli alberi del 1959 [file .pdf]

Il documento ed i contenuti
Fra le continue meraviglie della natura, l'albero è forse la meraviglia che si avvicina di più a quella dell'uomo. Questa è una delle tante frasi presenti nell'opuscolo, stampato nel 1959 per pubblicizzare la festa degli alberi organizzata in Sardegna dall'allora Assessorato Agricoltura e Foreste e dall'Ispettorato ripartimentale delle foreste di Cagliari.
Sono presenti vari elementi di interesse, tra i quali:
- il programma della manifestazione ed alcune foto storiche;
- i discorsi introduttivi dell'allora ministro Mariano Rumor (Agricoltura e Foreste) e dell'assessore regionale Giovanni Cadeddu e del direttore del Corpo Forestale A.M. Camaiti;
- un "decalogo degli alberi" ed alcune pagine con discorsi a favore della natura (è interessante osservare lo stile comunicativo del tempo)
- un ricco elenco di opere di sistemazione forestale realizzate nella Sardegna degli anni '50.
La Brochure della festa degli alberi del 1959 [file .pdf]

Il concetto di Ambiente e quello di Educazione Ambientale
L'educazione ambientale, così come il concetto di Ambiente, ha attraversato una significativa evoluzione nel corso degli ultimi decenni.
Nata come educazione alla difesa ed alla conservazione della natura, attività scarsamente diffusa, si basava sulla mancata distinzione tra Ambiente e Natura (il che portava tra l'altro a non considerare tutto ciò che riguardava il territorio antropizzato).
L'affermarsi dell'Educazione Ambientale come settore di studi pedagogici e di pratiche di intervento è abbastanza recente, e va di pari passo con la crescente gravità di fenomeni degenerativi e l'emergenza di alcune grandi catastrofi ecologiche vissute come "minacce" per il pianeta: per lungo tempo l’educazione ambientale è stata semplicemente impegno per la difesa delle specie in via di estinzione.
Negli ultimi decenni del secolo scorso è valsa l'assunzione che maggiore informazione equivale a comportamenti più responsabili, e quindi educare implica sensibilizzare. Alcuni passaggi storici fondamentali, in questo senso, sono:
- (1972, conferenza ONU di Stoccolma) si parla di educazione sui problemi ambientali, essenziale per aumentare nella collettività il senso di responsabilità per la protezione dell'ambiente;
- (Conferenza UNESCO di Belgrado, 1975) l'educazione ambientale serve per formare una popolazione cosciente e preoccupata dell'ambiente[...];
- (UNESCO, dichiarazione di Tblisi, 1977) utilizzando le scoperte scientifiche e tecnologiche (...) l'Educazione deve creare comportamenti positivi nei confronti dell'Ambiente;
- (1992, conferenza di Rio, Agenda21) L'educazione riveste notevole importanza per la promozione di uno sviluppo sostenibile e migliorare la capacità degli individui ad interessarsi ai problemi dell'ambiente e dello sviluppo;
- (O.N.U. 1992) L'educazione (...) è essenziale per formare una coscienza informata (...) negli atteggiamenti e nelle competenze necessarie per uno sviluppo sostenibile;
- (dichiarazione di Salonicco, UNESCO 1997) l'E.A. contribuisce a ricostruire il senso di identità e le radici di appartenenza(...) creando anche un rapporto affettivo tra persone, comunità e territorio;
- (art. 7 della Carta dei Principi dell’educazione ambientale approvata al convegno di Fiuggi, comitato interministeriale di indirizzo e coordinamento, aprile 1997) l’E.A. non può essere una nuova materia d’insegnamento, non può essere circoscritta al solo tempo scolastico, ma deve contribuire a ricostruire il senso di identità e le radici di appartenenza, dei singoli e dei gruppi, a sviluppare il senso civico e di responsabilità verso la res pubblica, a diffondere la cultura della partecipazione e della cura per la qualità del proprio ambiente, creando anche un rapporto affettivo tra le persone, la comunità ed il territorio;
- Definizione di Intellligenza Ecologica: si riferisce alla nostra capacità collettiva di comprendere l’impatto umano sugli ecosistemi e di agire in modo da riattivarli e minimizzare questo impatto (Daniel Goleman, psicologo statunitense autore di ricerche sull'intelligenza emotiva e l'intelligenza sociale, e che ha coniato questo termine per definire quella che, dal suo punto di vista, è una prossima tappa nell’evoluzione del cervello umano, Intelligenza ecologica, 2009).

Oggi è dunque cambiato il significato attribuito al termine Ambiente, non più riferito solo al campo dei fenomeni fisici e naturali (ambiente naturale) ma anche all'insieme dei fenomeni legati al rapporto uomo-ambiente (sfruttamento del territorio, ambiente sociale): finalità fondamentali dell’educazione ambientale diventano lo sviluppo della conoscenza e della coscienza (campagne per le raccolte differenziate dei rifiuti, adozioni e tutela di monumenti, i piani regolatori delle città orientati anche al recupero dei centri urbani, etc...). Il concetto di educazione ambientale vira verso quello di educazione allo sviluppo sostenibile, ed è ben diverso da quello emergente dal documento della festa degli alberi del 1959.

La festa degli alberi oggi
Nel 1951 una circolare del Ministero dell'Agricoltura e delle Foreste stabiliva che la "Festa dell'Albero" si dovesse svolgere il 21 novembre di ogni anno, con possibilità di differire tale data al 21 marzo nei comuni di alta montagna. La celebrazione si è svolta con regolarità e con rilevanza nazionale fino al 1979, successivamente è stata delegata alle Regioni che gestiscono localmente, con maggiore o minore efficacia, le varie iniziative ispirate a questo filo conduttore.
Nella nostra regione, citiamo ad esempio le campagne Un milione di alberi svoltasi in tutta l'Isola nel 2008-2009 e RIPROPOSTO DALL'AGENZIA REGIONALE Fo.Re.S.T.A.S. per il triennio 2016/2018 con l'omonima iniziativa voluta dalla Regione coinvolgendo anche i Comuni, e le Scuole.
Della festa degli alberi resta poi traccia nella legislazione nazionale (Legge 29 gennaio 1992, n. 113 - Obbligo per il comune di residenza di porre a dimora un albero per ogni neonato, a seguito della registrazione anagrafica).

Scarica e consulta il documento
la Brochure della festa degli alberi del 1959 [file .pdf]

Condividi:
Approfondimenti

Galleria immagini

Notizie ed eventi

18 Settembre 2020

Ad agosto è stato approvato il Piano forestale particolareggiato (PFP) della Foresta Demaniale di Is Cannoneris . Qui spieghiamo gli obiettivi e gli orientamenti gestionali, con qualche dato ed un cenno alle...

17 Settembre 2020

La pagina informativa contiene alcuni dettagli sul procedimento, ed informazioni sull'iter e su come i proprietari possono contattare Forestas, specie nel periodo CoViD con le relative restrizioni di accesso agli uffici...

17 Settembre 2020

Il Comune di Galtellì organizza, insieme a Foretas e Club Alpino, una giornata per presentare la variante del Sentiero Italia ipotizzata in seno al tavolo territoriale nuorese per la Rete Escursionistica della Sardegna, istituita con Legge...

16 Settembre 2020

Sulle scritte minacciose ai sindacalisti delle organizzazioni FLAI e FAI Il commissario straordinario e la Direzione Generale di Forestas esprimono solidarietà e condannano ogni forma di violenza...

15 Settembre 2020

Avviati anche gli interventi di completamento della Rete dei Sentieri nel Supramonte di Oliena, finanziati dal POR-FESR: dopo i rilievi, la progettazione e l'iter autorizzativo durati oltre un anno, gli operai hanno iniziato i lavori a giugno...

11 Settembre 2020

Nella mattinata del venerdì 11 settembre 2020 sono stati rilevati problemi ai server, che hanno reso impossibile raggiungere alcuni contenuti e sezioni informative del sito istituzionale, tra cui l' Albo Pretorio on-line ed altre...

04 Settembre 2020

Completate le prime tre fasi della complessa progettazione (rilievi sul campo e cartografici, progettazione, iter autorizzativo ambientale-paesaggistico) nei vari complessi forestali ci si prepara per la realizzazione degli...

04 Settembre 2020

L’Agenzia Fo.Re.S.T.A.S. sta trattando con il massimo rigore il caso dell’operaio coinvolto nelle indagini contro incendiari e bracconieri. In attesa del giudizio della magistratura, è stato cautelativamente sospeso dal...

03 Settembre 2020

Anche quest’anno, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, sono arrivate in Sardegna, liberate dall'ISPRA e volano già nei nostri cieli altre 7 aquile di Bonelli , che per il terzo anno consecutivo ...

01 Settembre 2020

Il sindaco di Nuoro ha espresso gratitudine e apprezzamento alle squadre Forestas, a nome della comunità per il supporto ed il grande aiuto dato dalle autobotti dell'Agenzia durante il periodo di crisi per la mancanza di acqua...

31 Agosto 2020

La società organizzatrice ha comunicato la variazione delle date di svolgimento della manifestazione, anticipandola al 8-11 ottobre 2020 ...

19 Agosto 2020

Con provvedimento del 6 agosto 2020 si è completato favorevolmente la procedura di Verifica di assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica ( VAS ) : così ora Forestas può passare alla fase...