Tutela dell’ambiente e degli animali in Costituzione

10 Febbraio 2022
Cisto in fiore

Tutela dell’ambiente e degli animali nella Costituzione: la riforma è legge

La Camera ha approvato martedì 8 agosto in via definitiva il Disegno di Legge (DDL) di riforma costituzionale che prevede la modifica di due articoli della Carta fondamentale: l’articolo 9 e l’articolo 41 della Costituzione. 
L’iter parlamentare del DDL è quindi terminato e il testo, dopo la promulgazione ad opera del Presidente della Repubblica, sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

COSA CAMBIA in COSTITUZIONE (art.9 - principi fondamentali)

In sintesi, viene aggiunto un nuovo comma nell'articolo 9 che, nella precedente versione, menzionava il paesaggio e il patrimonio storico-artistico senza citare espressamente l’ambiente. Nel testo riformato compare:

la tutela dell'ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi, anche nell'interesse delle future generazioni.  La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali

che dunque è inserita tra i principi fondamentali dalla Carta costituzionale, con un rinvio al legislatore per stabilire i modi e le forme di tutela degli animali.

COSA CAMBIA in COSTITUZIONE (art.41 - diritti e doveri dei cittadini)

In materia di iniziativa economica privata, la norma esistente (art. 41) viene integrata prevedendo che tale attività non possa svolgersi in modo da recare danno alla salute e all'ambiente. Inoltre è previsto (comma 3 dello stesso articolo) che:
 La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientaliLa riforma, come ha scritto il Ministero (MiTE) sulla propria pagina social sancisce che la salute e l’ambiente sono paradigmi da tutelare da parte dell’economia, al pari della sicurezza, della libertà e della dignità umana.

Considerazioni

La notizia è di quelle importanti: per la prima volta, è stato introdotto nella Costituzione il riferimento al valore dell'ambiente e degli animali, con la loro dignità e non più considerandoli come "oggetti inanimati".  

  1.  La conservazione dell'ambiente e degli animali è rilevante per la qualità della vita delle generazioni future (sviluppo sostenibile)
  2.  Gli animali sono esseri senzienti, e dobbiamo rispettarne la dignità, i bisogni e l'habitat

VALORE PRIMARIO

Il valore della riforma consiste nel considerare finalmente l’Ambiente come un valore primario costituzionalmente protetto; e questa tutela è rivolta alle generazioni future.

LA DIGNITà degli animali è riconosciuta e tutelata

Tutto questo è anche in linea con le norme europee:  infatti, la Carta di Nizza (Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, dicembre 2000 e dicembre 2007) parla tutela dell’ambiente all'art. 37, stabilendo che un livello elevato di tutela dell'ambiente e il miglioramento della sua qualità devono essere integrati nelle politiche dell'Unione e garantiti conformemente al principio dello sviluppo sostenibile.   Anche il Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) all’art. 191 definisce la politica ambientale comunitaria individuando gli obiettivi da raggiungere, ad esempio indicando (art.13 del trattato) che:  l'Unione e gli Stati Membri devono, poiché gli animali sono esseri senzienti, porre attenzione totale alle necessità degli animali, sempre rispettando i provvedimenti amministrativi e legislativi degli Stati Membri relativi in particolare ai riti religiosi, tradizioni culturali ed eredità regionali [...].   Per la prima volta, dunque, viene introdotto nella Costituzione il riferimento agli animali, riconoscendo la loro dignità e non considerandoli più alla come "oggetti inanimati".

ECONOMIA E INIZIATIVA PRIVATA DEVONO SOTTOSTARE ALLA TUTELA DELL'AMBIENTE

L'articolo modificato in Costituzione sancisce anche come le istituzioni, attraverso le leggi, i programmi e i controlli, possano orientare l’iniziativa economica pubblica e privata non solo verso fini sociali ma anche verso quelli ambientali: questo apre nuovi scenari sulla possibilità di affrontare diversamente i temi tra i più rilevanti per la gestione del territorio, della fauna e dell'ambiente: dalle speculazioni sulle rinnovabili al legame cacciatore/territorio per la corretta gestione della fauna di interesse venatorio, all'impato di eolico e linee elettriche su alcune specie di avifauna (rapaci, vulturidi...). Con la speranza che, attraverso nuovi strumenti di legge, si possano trovare migliori soluzioni sui tanti fronti, ragionando sul piano tecnico con tutti i portatori di interesse.

Condividi:

Notizie ed eventi

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...

24 Aprile 2024

Come disposto dalla DGR n° 10/71 del 23.04.2024 , la Regione ha pubblicato l’Avviso pubblico per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per...

11 Aprile 2024

Passi importanti nel bacino del Basso Flumendosa : Forestas ha posto in pre-accatastamento i tre nuovi percorsi tra Orroli e Nurri.

La RES cresce e raggiunge la parte centro-meridionale del Sarcidano-Barbagia di Seulo, un...

16 Aprile 2024
I GIORNI DEL GRIFONE NEL SUD SARDEGNA SONO ARRIVATI !

Nei giorni scorsi, sono finalmente iniziate le operazioni per il rilascio dei primi quindici grifoni nel sud Sardegna, a partire dalla base operativa presso il cantiere...

10 Aprile 2024

ANARF nel proprio sito ha reso pubblica la (proposta di) Carta dei Principi per la gestione sostenibile delle Foreste Demaniali che verrà discussa nel convegno del 12 Aprile 2024 organizzato a Roma in...

30 Marzo 2024

Altri 21 grifoni sono sbarcati nei giorni scorsi a Porto Torres provenienti dalla Spagna per diventare protagonisti del progetto LIFE Safe for Vultures , che mira ad assicurare la presenza e il benessere a lungo termine della...

28 Marzo 2024

Nella Strategia forestale dell’UE per il 2030 , la gestione forestale come un insieme di pratiche orientate a foreste multifunzionali - sia di conservazione della biodiversità e degli stock di carbonio , sia di...

28 Marzo 2024

Si svolgerà in Sardegna, tra Seneghe , Nuoro , Orgosolo e Bono - presumibilmente nel mese di maggio 2025 - con focus sulla gestione selvicolturale dei boschi a prevalenza di...