La Mandra di La Giua

Carrubi

Il vivaio La Mandra di la Giua, sito nella località omonima in agro di Sassari, a 2,4 km dall’abitato di Li Punti, soddisfa il fabbisogno di piantine forestali di un vasto territorio della provincia di Sassari (la Nurra di Sassari e Alghero, l’Anglona, il Logudoro, il Meilogu, il Monte Acuto, il Goceano), abbracciando l’intera giurisdizione del Servizio di Sassari dell’Agenzia Forestas.

La produzione è destinata ai presidi  forestali dell’Agenzia Forestas presenti nel nord ovest della Sardegna, sia costieri sia interni, per rimboschimenti, rinfoltimenti di boschi esistenti, sistemazione idraulico - forestale; il surplus della produzione è inoltre destinato a concessioni gratuite agli enti pubblici per realizzare o abbellire aree di verde pubblico, alle associazioni impegnate nella diffusione della cultura ambientale, agli istituti di ricerca; parte della produzione infine è destinata alla vendita, per favorire la diffusione delle piante autoctone in tutti gli ambiti: realizzazione di giardini privati, di fasce frangivento, ripristino di cave e discariche, rinaturalizzazione di aree degradate.

Storia e descrizione della struttura

Il vivaio è sorto nei primi anni 50 su iniziativa del Corpo Forestale dello Stato con finanziamenti della Cassa per il Mezzogiorno, per poi passare alla gestione del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna, nel 2001all'Ente Foreste della Sardegna e infine all’Agenzia Forestas.
La superficie complessiva del vivaio è di poco più di due ettari; circa un terzo di questa è destinata alla produzione mentre il resto è occupato dai fabbricati di servizio (ufficio, sala mensa, magazzini per gli attrezzi e per i prodotti agricoli, serbatoi di accumulo dell’acqua di irrigazione, centrale di pompaggio, capannoni per la lavorazione della terra, per la composizione dei substrati destinati al riempimento di fitocontenitori e per il ricovero dei mezzi meccanici, serre-tunnel per la semina e la germinazione) e dalle infrastrutture (impianto di irrigazione e filtraggio, rete elettrica, viabilità interna).

Produzione del vivaio

La produzione si effettua sopra una platea di calcestruzzo di circa un ettaro. L’allevamento di piante in piena terra è da anni abbandonato.
L'ammodernamento del vivaio, avviato nel 1993, e le differenti tecniche adottate, hanno fatto registrare continui e consistenti incrementi nella produzione. La massima produzione è stata realizzata nel 1998 con quasi un milione di piante, favorita dalla politica forestale europea. Negli ultimi venti anni, a seguito della riduzione del personale attivo e della crisi economica, la produzione potenziale media si è stabilizzata intorno alle 100 mila piante/anno.

Si possono individuare tre finalità principali nella produzione del vivaio La Mandra di la Giua:

  • fornire piante autoctone e di qualità per rimboschimenti, interventi di ripristino ambientale, realizzazione di lavori finanziati con leggi comunitarie, nazionali, regionali, eseguiti da enti pubblici o da privati;
  • riprodurre e conservare piante endemiche, preservare e favorire la biodiversità locale, con riguardo alle specie officinali, tintorie, mellifere;
  • attivare rapporti di collaborazione con istituti di ricerca e con le università, orientati a reperire e propagare il germoplasma locale per scopi di studio.

Le specie principalmente prodotte sono:

  • tra le conifere: ginepro coccolone (scheda), ginepro fenicio (scheda), cipresso comune per frangivento, e in minor quantità pino d’Aleppo (scheda) e pino domestico (scheda);
  • tra le latifoglie: le specie quercine leccio (scheda), sughera (scheda), roverella (scheda), eucalipti (camaldulensis, globulus), bagolaro (scheda), carrubo (scheda), olivastro (scheda), frassino
  • le principali specie della macchia mediterranea: lentisco (scheda), alaterno (scheda), mirto (scheda), corbezzolo (scheda) , filliree, rosmarino, elicriso (scheda), lavanda (scheda), ginestra di Spagna (schede), viburno, alloro (scheda), timo (scheda) .

Qui i dati sulla consistenza regionale, per ciascun vivaio, aggiornata a settembre 2021.

Orari di apertura al pubblico

  • lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 08:00 alle ore 13:00
  • mercoledì: chiuso

 

Come richiedere le piantine (materiale di propagazione forestale)

Contatti

Responsabile vivaio La Mandra di La Giua
Telefono:
079 2018 257
Cellulare: 320 4331 198
Assistente amministrativo vivaio forestale
Telefono:
079 397633
Cellulare: 320 4331163
Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • Questa postazione di avvistamento, sita in comune di Sinnai , appartiene dal punto di vista gestionale al Complesso Forestale di Settefratelli . Lo sguardo della vedetta spazia su...
  • La vedetta, sita in un punto panoramicissimo, domina sia il mare (spaziando dall'Isola di Tavolara , a capo Coda Cavallo ...) che l'entroterra (monti di Padru). Si raggiunge lungo...
  • Il massiccio roccioso che sovrasta il paese di Arzana, nel suo versante Est che lambisce la Statale 389, raggiunge quota 1240 metri s.l.m. ed è in gran parte coperta da boschi di...
  • Questo piccolo vivaio, esteso meno di un ettaro, sito alle falde del Montalbo di Lula , accessibile attraverso una piccola deviazione dalla Strada Provinciale n.3; è parte della...
  • La visuale da questa postazione di avvistamento, tra le più affascinanti della costa occidentale sarda, spazia dai monti di Villanova Monteleone (ad est) al folgo di Alghero -...
  • Il centro, che si trova all'interno della foresta demaniale di Castiadas , si occupa di un programma di allevamento e ripopolamento della Lepre sarda sarda ( Lepus capensis...
  • E’ situato in località Gollei lungo la strada provinciale Oliena-Dorgali a circa 12 km da Nuoro.
  • Si trova sulla cima Antiogu Boi in comune di Sinnai . Ricade nell'area di competenza del Complesso Forestale Settefratelli. La visuale da questa vedetta spazia a 360° raggiungendo...
  • Noto anche come vivaio di San Giovanni, è luogo ideale per le specie delle numerose fasce fitoclimatiche dei rimboschimenti. Diventa vivaio conservazionistico per la vicinanza al...