Ginepro coccolone

bacche di ginepro coccolone

Arbusto o alberello di modeste dimensioni (3-6 m.) con portamento cespuglioso eretto, con chioma piuttosto irregolare e lassa, rami eretti, talvolta penduli.

Corteccia grigio-bruno tendente a squamarsi in lunghe strisce.

Foglie in verticilli di 3, aghiformi, pungenti, persistenti, lunghe 15-25 mm., con due bande stomatifere glauche sulla pagina superiore; nervatura centrale evidente.

Infiorescenze maschili e femminili generalmente su piante diverse, posizionate all'ascella delle foglie. Galbulo di 14 -22 mm. di diametro, globoso o globuloso trigono, pruinoso di colore rosso-brunastro opaco, contiene 3 semi appiattiti.

Extra:

Si tratta di una sottospecie importante e meno diffusa (ma in Sardegna frequente) del Juniperus oxycedrus  il cui nome comune è "ginepro coccolone"; è caratterizzata galbuli più grandi e da una maggiore rarità.  Anche questa sottospecie ha due righe bianche negli aghi, ma questi sono più corti e la pianta ha un portamento meno verticale.

Corologia:
Tipico delle aree costiere nel bacino del Mediterraneo.
Fenologia:
Fiorisce da gennaio a marzo e fruttifica nell’autunno dell’anno successivo.
Habitat:
Specie esclusiva delle zone litoranee, predilige le dune sabbiose, dove da luogo a formazioni pure, spesso impenetrabili.
Forma biologica:
Arbusto sempreverde o più raramente alberello di modeste dimensioni. Microfanerofita
Somiglianze e varietà:
è una sottospecie importante del Juniperus oxycedrus (Ginepro rosso). Ma il "ginepro coccolone" è caratterizzata dai galbuli più grandi e da una maggiore rarità. Anche questa sottospecie ha due righe bianche negli aghi, ma questi sono più corti e la pianta ha un portamento meno verticale.
Curiosità:
Il nome coccolone deriva dalla produzione di grezze drupe chiamate "coccole". Le bacche sono un ottimo alimento per volpi, mustelidi ed uccelli. Viene impiegato per il consolidamento delle dune e come frangivento per i retrostanti rimboschimenti, infatti è una specie resiste bene all’areosol marino anche se è di lento accrescimento ed il seme è di scarsa germinabilità . Il legno è compatto, duro, resistentissimo e molto profumato, ha un colore giallastro esternamente mentre la parte centrale e rossastra e con sottili venature. Si presta ad essere levigato ed intarsiato ed è stato utilizzato fin dai tempi remoti per statue, imbarcazioni, travature e solai. Dalla distillazione del legno si ottiene un olio particolare utile soprattutto per curare le affezioni della pelle mentre in veterinaria per combattere la scabbia e le ulcere dei bovini. Con i galbuli si preparano marmellate e conserve. Facendo macerare galbuli, interi o frantumati, in acquavite o alcool si preparano liquori (da tavola o anche medicinali): es. gineprini o gin.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Juniperus oxycedrus L. ssp. macrocarpa
Nome sardo:
Ghiniperu mascru, Nibaru, Niberu.
Flora:
Divisione:
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Approfondimenti

Potrebbe interessarti anche:

  • Noto anche come Erba scodellina , è una pianta fiorita, carnosa, perenne e commestibile della famiglia delle Crassulaceae. La pianta si trova nel sud e nell'ovest d'Europa, spesso...
  • Simile alla Tamerice comune ma con corteccia rossastra . Si tratta di un albero o arbusto di altezza tra 1 e 5 metri con rami giovani esili. Foglie di 1-2,5 mm, imbronciate,...
  • Piccolo arbusto alto sino a 2 metri a foglie caduche , molto ramificato, forma cespugliosa sferica o tondeggiante , con fusto e rami dicotomi (si biforcano in due apici). Fusti...
  • Arbusto suffruticoso sempreverde di 1-3 m, rampicante , con internodi provvisti di pochi aculei robusti e lievemente adunchi. Foglie composte, con 3-7 foglioline lanceolato-...
  • Arbusto sempreverde fortemente aromatico di circa un metro di altezza; cespuglioso con rami a corteccia biancastra rivestiti di peli stellati. Portamento a pulvino ; corteccia...
  • Erbacea alta tra 40 e 150 cm. L’ infiorescenza è in cima al fusto, composta da fiori lunghi (3-5 cm) tutti rivolti sullo stesso lato, color porpora con macchie rosso scure e...
  • Noto anche come Scornabecco , o Brentine , è comune nelle macchie e al margine dei boschi di leccio. Con foglie persistenti di color verde-grigiastro e fiori larghi , profumati,...
  • Piccolo albero (max. 10 metri) con chioma larga ed espansa, generalmente bassa. Pianta a foglia caduca , semplice, trilobata. Coloratissimo in autunno : dove è presente si scorge...
  • Il tasso è conosciuto come albero della morte in quanto tutta la pianta, escluso l’arillo (molto appetito dagli uccelli) è molto tossica e contiene una sostanza mortale, la...
  • Arbusto caducifoglio alto da 1-3 metri con rami giovani verdi flessibili, eretti, scanalati. La struttura è costituita da molteplici fusti che si originano dalla base e si...
  • Arbusto, alto 1-2 metri. Rami eretti e flessibili, pubescenti da giovani. Fusto legnoso con corteccia color verde-olivacea. Foglie trifogliate, la fogliolina centrale più grande...
  • Il ciclamino primaverile è una pianta erbacea perenne, piccola tuberosa dai delicati fiori rosati. Si trova al centro–sud e nelle isole fino a 1200 m s.l.m..