Bidderosa

Una bellissima pineta di pino d’Aleppo e di pino domestico insieme ad una ricca vegetazione spontanea costituiscono la foresta costiera di Bidderosa, la perfetta cornice in una delle più pregiate aree costiere della Sardegna.  La foresta costiera di Bidderosa è formata da cinque comparti: Biderosa (532 ettari), Tuttavista (317 ettari), Istiotta (165 ettari), e le fasce litorali di Fuile 'e Mare (54 ettari) e di Senna 'e Sachita (16 ettari).

La parte costiera di Bidderosa comprende inoltre cinque splendide calette, meta ambita del turismo balneare estivo, gestite da una cooperativa locale.
 

La visita di questo angolo della Sardegna rappresenta un'occasione unica per ammirare lo straordinario panorama costiero dell'isola che in quest'area offre un suggestivo susseguirsi di rilievi granitici, guarniti da ginepri secolari, che incorniciano l'azzurro del mare e sublimi scorci di un litorale di sabbia bianchissima.

Inquadramento geografico:
Provincia: Nuoro Comune: Orosei Superficie: 1086 ha
Aspetti climatici:
L'area forestale presenta condizioni climatiche tipiche del regime mediterraneo; gli inverni sono moderatamente freddi potendo usufruire dell’azione termoregolatrice del mare con Gennaio mese più freddo (5,7°C) e le estati calde con agosto mese più caldo (30,4°C).
Aspetti geopedologici:
Dal punto di vista geologico l’area della foresta è composta in parte da rocce di origine sedimentarie del giurese con dolomie e calcari massicci stratificati e in parte da rocce granitiche e rocce basaltiche.
Aspetti vegetazionali:
Le fasce litorali di Senna e Sachita e di Fuile e Mare sono in gran parte ricoperte da una splendida pineta di circa 55 anni, costituita da pino d'Aleppo e da pino domestico. Nelle zone interne di Biderosa e di Monte Tuttavista la vegetazione è invece di tipo spontaneo ed è costituita da sughera, leccio e ginepro fenicio. Presenti nella foresta anche numerosi esemplari di palma nana (Chamaerops humilis), facilmente visibili lungo i sentieri che percorrono la foresta. Nell'area forestale sono inoltre presenti un piccolo frutteto ed un oliveto della superficie complessiva di un ettaro.
Come si raggiunge:
Dalla strada statale 125 Orosei-Siniscola, l'accesso è facilmente visibile al km. 236.
Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • Dal punto di vista fitoclimatico la zona si inquadra nel Lauretum secondo tipo (a siccità estiva) sottozona calda e media. Il complesso forestale "CEDRINO" è situato nel Comune di...
  • Un area forestale caratterizzata da una ricca vegetazione ove domina la roverella con maestosi esemplari e dove è possibile ammirare alcune rare specie come l'aquila reale e il...
  • Questo compendio, noto anche come Padru-Sotza, è accessibile a 4 km dal centro abitato di Padru, ricade nel Bacino Idrografico del Padrongiano e afferisce al Complesso Forestale...
  • Il cantiere prende il nome dal lago artificiale del fiume Tirso, il lago Omodeo, completato nel 1924 ed inserito nell'elenco dei siti di interesse comunitario per via della sua...
  • Importante meta turistica, è attrezzata con accoglienti infrastrutture ricettive e comodi sentieri che la percorrono in tutta la sua estensione; all'interno del complesso è...
  • Pantaleo si estende per 4.231 ettari in agro dei comuni di Santadi e Nuxis; con le limitrofe Foreste demaniali di Pula, Monti Nieddu, Gutturu Mannu e Tamara Tiriccu costituisce un...
  • Con i suoi circa 10 mila ettari di foresta e macchia mediterranea, il comprensorio della foresta demaniale di Settefratelli è senza dubbio uno dei luoghi più affascinanti e...
  • L'UGB di "Sa Conchedda - Loelle" è formata da due corpi separati. Nasce dall'unione delle ex UGB di Sa Conchedda e di Loelle.
  • Il compendio forestale Girgini è localizzato nel massiccio del Gennargentu. Nel perimetro sono presenti un vivaio volante ed otto aree attrezzate ad uso ricreativo, oltre ad una...
  • Il Cantiere forestale di Genna Argiolas-Minderrì si trova lungo la Via dell'Argento , un complesso di piste che collegano otto miniere argentifere, tra cui quella di particolare...
  • Il Parco urbano confina con l’abitato di Laconi ed è annualmente meta di migliaia di visitatori che giungono in pellegrinaggio religioso: Laconi è il paese natale di Sant’Ignazio.