Omodeo

Sedilo, veduta panoramica lago Omodeo

Il cantiere forestale “Omodeo” si estende su territori di proprietà dei comuni di Sedilo e Sorradile. Si tratta di una superficie acquisita in concessione trentennale dall'Ente Foreste nell'anno 1998.
La superficie oggetto d’intervento si presenta a morfologia abbastanza dolce, sebbene a ridosso dell’alveo del fiume Tirso e a Sud della località "Sas Lozzas" siano presenti terreni a forte pendenza e precipizi rocciosi. Le quote più elevate sono rappresentate dai monti "S. Nicola", 374 mt., da "Su Nodu e Ziu Marcu" a 338 mt. e da "Sas Lozzas"a 253 mt.; la quota più bassa la si riscontra invece a "Su Littu" a quota 100 mt.. Nella superficie in esame scorrono magri ruscelli a carattere torrentizio e stagionale che sottendono bacini imbriferi assai limitati; il cantiere è lambito in larga misura dalle acque del fiume Tirso e da quelle del Taloro.
Il territori è ricco di numero insediamenti archeologici come domus de jana insediamenti nuragic risalenti al paleolitico ed al neolitico visitabili grazie a una fitta rete di sentieristica.

Inquadramento geografico:
Provincia: Oristano Comune: Sedilo - Sorradile Superficie: 447 ettari di cui 270 di proprietà del comune di Sedilo e 175 di proprietà del comune di Sorradile; entrambi sono stati dati in concessione trentennale all’Ente Foreste della Sardegna.
Aspetti climatici:
Il clima è quello tipico delle zone centrali sarde, con estati lunghe ed asciutte ed inverni miti e piovosi, ed il regime pluviometrico con precipitazioni medie che si aggirano sui 750 mm annui, è tipicamente mediterraneo, con deficit idrico estivo. La zona fitoclimatica di appartenenza è quella del Lauretum sottozona calda e media e l’area appartiene all’orizzonte delle foreste miste delle sclerofille sempreverdi termoxerofile.
Aspetti geopedologici:
Dal punto di vista geologico il substrato in esame è rappresentato da rocce effusive acide (rioliti, riodaciti, ignimbriti) del Cenozoico e relativi depositi di versante. A tratti la rocciosità e la pietrosità sono elevata e la profondità scarsa con eccesso di scheletro, drenaggio lento e forte pericolo di erosione. I suoli derivanti da tale substrato sono di debole spessore e sono in associazione ad ampi tratti di roccia affiorante. La fertilità generale è molto bassa e debole risulta la capacità di trattenuta dell’acqua. L’erosione è molto diffusa ed intensa, perché queste superfici sono state sottoposte spesso ad incendi e a sovrapascolamento. Il pericolo di ulteriore degradazione è elevato anche perché la pedogenesi è lenta a causa della scarsa alterabilità della roccia madre.
Come si raggiunge:
Percorrendo la SS131bis, in direzione Sedilo-Ottana all’altezza del Km 24, immettersi nel bivio per Olzai, svoltare subito a sinistra attraversare il cavalcavia, svoltare nuovamente a sinistra in direzione Sedilo percorrendo una strada di penetrazione agraria, lungo la quale è presente un cartello che indica la direzione da percorrere per raggiungere il cantiere.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • All’interno del territorio del cantiere è presente, immerso in un bosco di lecci che in alcuni punti lascia spazio alla sughera, un area attrezzata con tavoli e panchine,...
  • L’area di Bèrchida è caratterizzata da due insediamenti rispettivamente nuragico e medievale e un tafone sottoroccia che fanno della valle un luogo dotato di un fascino unico.
  • Il cantiere di Taccu Mannu - Corongiu ( unificato e ridenominato in "cantiere Ussassai" ) si trova su di un'area di proprietà del Comune di Ussassai, gestita negli anni in...
  • Il Perimetro fu aperto nel 1974 dall'Ispettorato Forestale di Sassari, con un primo impianto di 60 ettari, su un terreno fortemente degradato dagli incendi e dal disboscamento...
  • La foresta demaniale Funtanamela si estende, per 497 ha, nella zona centrale della Sardegna, ai confini tra le province di Oristano e Nuoro. La vegetazione è rappresentata da...
  • L’isola, interamente compresa nel Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, area protetta marina e terrestre di interesse nazionale e comunitario, afferisce per la gestione...
  • La foresta di Pixinamanna è il risultato dell’intensa azione antropica subita a partire dalla seconda metà del 1839, in particolare dall’abolizione degli ademprivi. Assegnata...
  • Il compendio forestale Girgini è localizzato nel massiccio del Gennargentu . Nel perimetro sono presenti un vivaio volante ed otto aree attrezzate ad uso ricreativo, oltre ad una...
  • L'UGB Sa Conchedda - Loelle è formata da due corpi separati. Nasce dall'unione delle ex UGB di Sa Conchedda e di Loelle.
  • Il massiccio del Monte Traessu è formato da rocce basaltiche ed è ricco di gole, dirupi e grotte. Nella zona sono presenti numerosi esemplari di sughere e roverelle. Inquadramento...
  • Non è raro in questa foresta incontrare l’aquila reale, il falco pellegrino, il gheppio, il corvo imperiale e le beccacce. Al confine con il complesso forestale di Monte Nieddu ,...
  • Un territorio dalla morfologia caratterizzata dasll’alternarsi di versanti più o meno ripidi ed incisi che degradano verso sud, mentre, in prossimità del versante occidentale, un...