Tacchixeddu

Tacchixeddu, dettaglio (foto Incollu)

Storia del compendio forestale 

Tacchixeddu  fu istituito nel 1992 dall’Azienda Foreste  Demaniali di  Nuoro, su  terreni comunali.  Ubicato su due corpi separati:

  • uno a ovest del centro abitato dove svetta l'omonimo monte Tacchixeddu da cui prende il nome il perimetro forestale:  un tacco calcareo di  ridotte  dimensioni, 
  • l’altro a est del centro abitato, denominato  Fustilaxili, sotto il  Monte Ferru (Cardedu) cui è affiancato, e che con  Cartuceddu  di  Gairo  delimitano un’area di  circa  ulteriori 3500  ettari.

Vegetazione

Il  leccio è presente allo stato quasi  puro  nella  località Fustiraxili su circa  350  ettari, a Cobingius su circa 150 ettari, molto  interessante dal  punto di vista naturalistico e paesaggistico.  Nella  zona  nord  del corpo di Tacchixeddu è presente  una pineta a Pino marittimo e Pino  domestico, risalente  agli anni '50 di circa 30 ettari.  Una  ulteriore superficie di  circa  40 ettari di macchia alta costituita da corbezzoloericafillireacisto e sporadiche  macchie di lentischio.  Nella  località  Cea e zone limitrofe sono stati  effettuati  nell'ultimo decennio rimboschimenti a specie autoctone nella  percentuale di circa 80%  a  sughera e leccio;  il  restante  20%  rappresentato  da  roverella,  castagni,  ciliegi,  orniello e pini  mediterranei.
Circa  400 ettari di  territorio è  costituito  da  gariga. Presenti  inoltre  alcune  aree  caratterizzate da  suolo  superficiale,  molto pietroso,  improduttivo  con  dominanza  del   cisto e dove assai difficile appare  la rinnovazione naturale.  Le specie vegetali  più rappresentative sono: 
Q. ilex,   Q. suber,  Ceratonia siliqua,  Olea oleaster,  Pistacia lentiscus,  Arbutus unedo,  Phillirea sp., Erica arborea,  Viburnum  tinus,   Juniperus oxycedrus,    Cistus sp., Calycotome  spinosa.

Il  perimetro forestale Tacchixeddu (Tertenia) ha  una superficie  complessiva di 1545 ettari, interamente su terreni di proprietà del comune.

Aspetti climatici:
Il clima è tipicamente mediterraneo con estati calde e siccitose, inverni piovosi ma di non eccessiva abbondanza; piogge concentrate e più abbondanti nel periodo autunnale, sono assenti o quasi nel periodo giugno–settembre. Nel corpo di Tacchixeddu, posto ad una certa distanza dalla costa, viene a mancare quell’influenza mitigatrice del mare, che si fa sentire particolarmente nella stagione più fredda dell’anno, registrando escursioni termiche maggiori rispetto al corpo di Fustilaxili.
Aspetti geopedologici:
Dal punto di vista geologico l’area è caratterizzata dal complesso metamorfico ercinico, con le “arenarie di San Vito” del Cambriano medio, costituito tra l'altro da quarziti. Su questi depositi paleozoici poggia il testimone calcareo del giurese di Monte Tacchixeddu che dà il nome al complesso. Alcuni lembi vulcanici del carbonifero costituiti da brecce andesitiche nei pressi di Tacchixeddu e nel Monte Ferru. Dal punto di vista idrologico l’area è interessata dal corso d’acqua di Gilius e Corongiu al confine con Ulassai. Tra le sorgenti ricordiamo quella di Cobingius, Su Cirdu sotto Tacchixeddu, Is Seddas, S’Abba Vitania.
Condividi:
Scheda
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Una foresta molto interessante dal punto di vista ambientale, con una flora ricca di specie rare ed endemismi floristici che mostra al visitatore un paesaggio molto suggestivo.
  • Con i suoi circa 10 mila ettari di foresta e macchia mediterranea, il comprensorio della foresta demaniale di Settefratelli è senza dubbio uno dei luoghi più affascinanti e...
  • Il cantiere forestale è costituito da territori di proprietà dei comuni di Austis, Neoneli e Nughedu Santa Vittoria, che furono dati in gestione all' Ente Foreste della Sardegna...
  • Il cantiere di Taccu Mannu - Corongiu ( unificato e ridenominato in "cantiere Ussassai" ) si trova su di un'area di proprietà del Comune di Ussassai, gestita negli anni in...
  • Complesso forestale di proprietà dei Comuni di Illorai ed Esporlatu in concessione all’Ente Foreste dal 1991. Si segnala la presenza di boschi misti di leccio ed agrifoglio di...
  • Un area forestale caratterizzata da una ricca vegetazione ove domina la roverella con maestosi esemplari e dove è possibile ammirare alcune rare specie come l'aquila reale e il...
  • La foresta demaniale di Alase, con una superficie di circa 1565 ettari, ricade interamente nel comune di Aritzo. Un complesso forestale che ha origine nel Flumendosa a 418 m.s.l.m...
  • La foresta di Monte Nieddu è un’area ricchissima di boschi di lecci, tassi, sughere, corbezzoli, lentischi, e di una fitta macchia mediterranea. L’area è importante sia sotto l’...
  • Forest'Anela fu dichiarata inalienabile dalla legge 4 marzo 1886 n. 3713 e affidata al Demanio dello Stato. Per il suo patrimonio forestale, è senz'altro una tra le più...
  • La zona sede degli interventi previsti fa parte di un ampio perimetro forestale in occupazione temporanea gestito dall’Ente Foreste Servizio Territoriale di Lanusei, per una...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Ente Foreste della Sardegna, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e...
  • Il massiccio del Monte Traessu è formato da rocce basaltiche ed è ricco di gole, dirupi e grotte. Nella zona sono presenti numerosi esemplari di sughere e roverelle. Inquadramento...