Capo Ferrato

Capo Ferrato

La foresta demaniale di Capoferrato è situata nella parte sud-orientale della provincia di Cagliari, nella regione del Sarrabus, nei pressi della località di Capoferrato (piccolo borgo di case coloniche) da dove dista circa 600 m. La Foresta è inserita in un contesto litoraneo di grande valore ambientale e paesaggistico in quanto si estende in parte su di una suggestiva area prospiciente al mare da dove si può ammirare l'intero litorale sino alle coste di Villasimius. Per questa sua posizione, la foresta riveste anche un particolare interesse dal punto di vista turistico.
La foresta di Capo Ferrato è soggetta a tutela paesistica come enunciato nel Decreto Legge n. 490, 1999 (già L 1497/39), art. 139 e 146. 

Superficie: 195 ettari
Tel/Fax: 070 995052 

Aspetti climatici:
Il complesso forestale dal punto di vista fitoclimatico si può ascrivere al Lauretum caldo del Pavari, e secondo la classificazione del Quezel rientra nella fascia termo-mediterranea.
Aspetti geopedologici:
I graniti paleozoici e le rocce effusive acide del Cenozoico e relativi depositi di versante del massiccio del Monte Ferru ne caratterizzano il substrato litologico, l’estensione altimetrica va dai 25 m s.l.m. fino ai 300 m s.l.m. in corrispondenza del Monte Ferru con una morfologia accidentata ed un esposizione prevalente a Sud-Est. Il Riu Su Tubbio rappresenta il corso d’acqua principale che attraversa questa foresta.
Aspetti vegetazionali:
Dal punto di vista fitoclimatico la foresta demaniale di Capoferrato si può ascrivere al Lauretum caldo del Pavari, e secondo la classificazione del Quezel nella fascia termo-mediterranea, pertanto in questa fascia litoranea si può trovare la tipica macchia termoxerofila di sclerofille sempreverdi a lentischio (Pistacia lentiscus L.), ginepro fenicio (Juniperus phoenicea L.) ed euforbia arborea (Euphorbia dendroides L.), con sporadici esemplari di olivastro (Olea europea L. var. sylvestris Brot.) e fillirea angustifolia (Phyllirea angustifolia L.) e qualche pianta relitta di leccio.
Come si raggiunge:
Vi si accede dalla litoranea “Costarei-Montenai-San Priamo, che attraversa il complesso forestale nel settore orientale per circa 1 km.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Potrebbe interessarti anche:

  • La Foresta Demaniale Porto Conte " Le Prigionette " si estende nei territori comunali di Sassari e di Alghero e ha una grande importanza naturalistico e ambientale per la presenza...
  • La foresta demaniale Funtanamela si estende, per 497 ha, nella zona centrale della Sardegna, ai confini tra le province di Oristano e Nuoro. La vegetazione è rappresentata da...
  • La zona sede degli interventi previsti fa parte di un ampio perimetro forestale in occupazione temporanea gestito dall’Ente Foreste Servizio Territoriale di Lanusei, per una...
  • Il compendio forestale “Santa Maria” , situato nel comune di Bosa , cartograficamente ricade nei fogli IGM 479 sez. I – II – III - IV. La superficie è di proprietà dell’ Istituto...
  • Si tratta di una superficie in occupazione temporanea di competenza sino al 2000 dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e dal 2001 dall’Ente Foreste della Sardegna. La...
  • Non è raro in questa foresta incontrare l’aquila reale, il falco pellegrino, il gheppio, il corvo imperiale e le beccacce. Al confine con il complesso forestale di Monte Nieddu ,...
  • Questa unità gestionale è costituita da due cantieri della Sardegna sud-occidentale che ricadono amministrativamente nel territorio comunale di Gonnesa , compresi nel campo dunale...
  • In questa foresta demaniale sono stati reintrodotti in numero consistente i cervi, specie che ha rischiato l’estinzione ma che ad oggi prolifera distribuendosi sull’intero...
  • Il Presidio Forestale Su Padru fa parte del Complesso Meilogu. Ricade interamente nel comune di Thiesi (terreni comunali in concessione).
  • La foresta demaniale di Gutturu Pala-Pubusinu (comune di Fluminimaggiore) proviene dalla società Piombo Zincifera che - con la fine dell’attività mineraria - cedette i terreni di...