Coiluna

Laghetto di Coiluna ghiacciato

L'area dove si trova il cantiere di Coiluna ha una configurazione allungata e irregolare, orientata lungo la direttrice Nord-Ovest/Sud-Est; confina a Nord con proprietà del Comune di Alà dei Sardi Sud, ad Est con la Foresta Demaniale Crastazza e Tepilora dell’Azienda di Nuoro, a Sud e ad Ovest con terreni di proprietà del Comune di Buddusò costituenti la F.D. Loelle.

Inquadramento geografico:
Provincia: Olbia-Tempio Comune: Alà dei Sardi Superficie: 978 ha
Aspetti climatici:
I dati riguardanti la pluviometria sono stati rilevati dall’osservatorio di Alà dei Sardi. La distribuzione delle piogge è prevalentemente concentrata nel periodo autunnale e invernale e in minor quantità nel periodo primo primaverile e sono caratterizzate da notevole irregolarità nella quantità e nella intensità, spesso con forti concentrazioni nel tempo, con conseguente forte deflusso. Tuttavia l’erosione dovuta al ruscellamento è limitata nelle aree dove è presente una fitta copertura vegetale, che ne attutisce gli effetti. La quantità di precipitazioni annue calcolate mediamente sulla base degli ultimi 50 anni è di circa 1079 mm, superiore alla media annua calcolata per l’intera Sardegna, che è valutata in 755 mm. Le precipitazioni medie stagionali sono: inverno mm. 415; primavera mm. 276; estate mm. 54; autunno mm. 334. L’esame dei dati indica un aumento della temperatura costante da gennaio fino ad agosto e poi una diminuzione graduale fino a dicembre. La temperatura media annua dell’area si aggira intorno ai 13° c. Questi valori integrati dai valori pluviometrici relativi alla precipitazione annua (1079 mm.) ed estiva (54 mm.) inquadrano la stazione in esame nella zona del Lauretum - sottozona fredda - della classificazione del Pavari L’esame del climatogramma di Wolth e Leith mette in evidenza un periodo di siccità di 72-80 gg. circa; durante tale periodo il terreno deve far fronte con le proprie riserve idriche alla mancanza o quasi di precipitazioni, provocando un forte rallentamento dell’attività vegetativa con un conseguente minore produzione di biomassa dell’ecosistema. Un altro importante fattore climatico, che esercita la propria influenza sull’area in oggetto è il vento; esso agisce elevando i valori dell’evapotraspirazione e come agente dell’erosione. Una rappresentazione grafica dei valori anemometrici è data dalla carta dei poligoni dei venti (Pinna 1954), che consente di evidenziare la loro frequenza direzionale, la quale è legata alle aree cicloniche del Mediterraneo, alla presenza di rilievi ed alla posizione delle stazioni. Da questa ricaviamo che i venti dominanti sono principalmente i venti provenienti da ponente (W e WSW), prevalenti su quelli di levante (E).
Aspetti geopedologici:
Tutto il territorio è di natura granitica, con una morfologia di alta collina, caratterizzata da forme arrotondante proprie del batolite granitico della Gallura, da versanti con forti pendenze e da una elevata rocciosità affiorante . Il cantiere, ubicato sul bacino idrografico del Rio Posada, può essere definito dal punto di vista idrogeologico di scarso interesse, infatti in questo territorio granitico le uniche manifestazioni idriche sono di tipo sorgentizio per fessura e sono caratterizzate da una scarsa portata media. L’area è interessata dal batolite granitico della Gallura e dal relativo corteo filoniano appartenenti al ciclo magmatico Ercinico, caratterizzato da graniti grigio rosati biotitici, localmente passanti a granodioritici, in genere a grana eterogenea con prevalenza di elementi grossolani. Il maggiore rilievo è rappresentato dal nodo di Toccoddele, alto m. 781 s.l.m., dal quale parte una vasta pianura situata ad una quota media di 700 m. s.l.m.. La superficie ha comunque un andamento vario, con terreni in piano od in medio e/o forte pendenza con zona fortemente erose lungo le rive di corsi d’acqua.
Aspetti vegetazionali:
Nel recente passato le aree pianeggianti o leggermente declivi, prive di soprassuolo boschivo con pendenza inferiore al 25% sono state interessate dai lavori di rimboschimento previa preparazione del terreno con scasso andante, a gradoni e buche o solo buche scavate meccanicamente. Su tali aree sono stati impiantanti conifere e latifoglie in rapporto 1:1. Tali piantagioni sono in buono stato di salute e già abbisognano dei primi interventi a carattere forestale. Un terzo del territorio è ricoperto da un soprassuolo boschivo costituito da sughereta disetanea che fino a vent’anni fa si trovava in fase di avanzata degradazione per via dei frequenti incendi e pascolo incontrollato; a ciò si è posto freno con interventi di ricostituzione boschiva che: attraverso l’eliminazione delle piante senza avvenire e la rivivicazione delle ceppaie, la potatura di formazione per incrementare la produttività delle piante e migliorare le caratteristiche merceologiche delle piante da sughero, la decortica delle piante affrancate per consentire la ripresa produttiva, il rinfoltimento dove necessario, hanno consentito di invertire il processo degenerativo. Attualmente sono necessarie operazioni di ripasso sugli interventi precedentemente effettuati allo scopo di eliminare i polloni soprannumerari e proseguire con le operazioni di recupero del bosco. Nella restante superficie la vegetazione è costituita da macchia mediterranea bassa e medio-bassa con prevalenza di cisto, erica, fillirea, corbezzolo ed altre specie della flora mediterranea frammista ad elementi sparuti di Quercus ilex e Quercus Suber. Il territorio è di particolare interesse faunistico per la presenza dell’aquila reale. Tra le altre specie si segnala una buona densità di cinghiali, che trovano in questo territorio un habitat ottimale, sono abbondanti le volpi ed è inoltre presente la pernice, il colombaccio, la poiana, il gheppio, il picchio rosso maggiore e la ghiandaia.
Come si raggiunge:
Lungo la Strada Statale n° 389 del Correboi, al Km. 28, nel punto dove iniziava la vecchia strada comunale per Bitti, ora sostituita nel primo tratto da una comoda strada asfaltata, parte la strada che conduce al limite del compendio boschivo, in località Janna de Sercula. Il cantiere è collegato internamente con gli atri perimetri di Crastazza e Loelle.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Monte Ortobene offre al visitatore un'incredibile varietà di scenari paesaggistici grazie all’alternarsi di torrioni, picchi e pinnacoli, costituiti da rocce molto dure e...
  • Inserita in un contesto litoraneo di grande valore ambientale e paesaggistico è rappresentata da una suggestiva area prospiciente al mare da dove si può ammirare il litorale sino...
  • Il cantiere di Taccu Mannu - Corongiu ( unificato e ridenominato in "cantiere Ussassai" ) si trova su di un'area di proprietà del Comune di Ussassai, gestita negli anni in...
  • Il presidio Forestale di Mariani fa parte del complesso forestale Goceano
  • La Foresta Demaniale Porto Conte " Le Prigionette " si estende nei territori comunali di Sassari e di Alghero e ha una grande importanza naturalistico e ambientale per la presenza...
  • All’interno del territorio del cantiere è presente, immerso in un bosco di lecci che in alcuni punti lascia spazio alla sughera, un area attrezzata con tavoli e panchine,...
  • La zona di Montresta in cui è ubicato il cantiere forestale ha un buon interesse ambientale, valenza conferitale dagli aspetti paesaggistici e dalla presenza di diverse specie...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Ente Foreste della Sardegna, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e...
  • La vegetazione del Monte Albo è formata in gran parte da specie tipiche dell’area mediterranea ed è costituita da circa 660 specie, elemento che la distingue come area di notevole...
  • Di proprietà del comune di Illorai e in concessione all’EFS dal 1991. Questo complesso ha una forte valenza naturalistica e ambientale per la presenza di lembi di foresta...
  • L’Unità Gestionale di Base denominata Su Lau, posizionata sul versante centro-occidentale della Sardegna, ricade su una piattaforma carbonatica nel territorio del Comune di Laconi.