Monte Ferru

panorama da monte ferru

Storia del cantiere

Il  cantiere  forestale di monte Ferru fu istituito nel 1992 dall’Azienda Foreste Demaniali di Nuoro  su una superficie complessiva di 1954 ettari, interamente su terreni di proprietà del comune di Cardedu.   
Situato prevalentemente a sud del centro abitato.

Inquadramento forestale

La vegetazione spontanea è poco variegata: il leccio è presenza maggioritaria nel territorio ove si  associa con il corbezzolo, la  fillirea, il lentischio, viburno  e  mirto  alle  quote  più  basse.  
Il  leccio  è  presente  allo stato quasi puro nella località S’Accu  e S’Aggina,  molto  interessante  dal  punto  di  vista  naturalistico  e  paesaggistico,  rappresentando  un  tipo  di  formazione  vegetale che  in altre  realtà  costiere  non  è  riuscita  a  superare  eventi  distruttivi  quali  pascolo  e  incendi.  Si  tratta di  cedui  che  hanno subito  negli  anni  1930/40  tagli  a raso  per la  produzione  del carbone  che  veniva  trasportato  su  carri  ai  punti  di  carico  presenti  sulla  costa.  Su  tutto il  M.Ferru  è  presente una  fitta  rete di  carrareccie e numerosissime  sono  le  carbonaie.  Nel restante 30%  sono da indicare  tratti  di  macchia  bassa e medio-bassa costituita  da corbezzoloerica, fillirea, gineprocarrubo,  cisti.  e  qualche  sughera  sparsa.  Sono presenti  inoltre  alcune  aree  caratterizzate da  suolo  superficiale,  molto pietroso,  improduttivo  con  dominanza  del   cisto  e  dove  difficile  appare  la  rinnovazione  naturale. 

L'area di monte Ferru si estende su una superficie di circa 1900 ettari e su terreni esclusivamente di proprietà del comune di Cardedu. Il leccio è presente su circa il 70% del territorio, associato ad altre piante tipiche della macchia mediterranea. 

Aspetti climatici:
Il clima è tipicamente mediterraneo con estati asciutte e calde , con inverni piovosi ma di non eccessiva abbondanza, con piogge concentrate quasi esclusivamente nel periodo autunnale, facendo registrare un regime pluviometrico del tipo AIPE. Le piogge sono assenti o quasi nel periodo giugno – settembre.
Aspetti fitoclimatici:
Secondo la classificazione fitoclimatica il Complesso ricade nella zona del Lauretum sottozona calda.
Aspetti geopedologici:
Morfologicamente il territorio del C.F. Monte Ferru è piuttosto variegato, con ampie vallate di origine granitica quasi per intero ricoperte da formazioni vegetali adulte. La vetta del Monte Ferru, da cui prende il nome il cantiere, è situata al centro del complesso e si erge per oltre 800 Mt s. l. m. Dal punto di vista geologico l’area è caratterizzata dal complesso intrusivo del Carbonifero superiore – Permiano, costituito nella fascia nord fino a Perde Pera da Granodioriti tonalitiche; la parte centrale, dal bacino di “Baccu e Praidas” fino a Cala e Luas è costituita da Leucograniti equigranulari; una terza formazione è costituita dal complesso vulcanico del Carbonifero superiore – Permiano. Dal punto di vista idrologico l’area non è interessata da corsi d’acqua rilevanti; sono presenti dei torrenti stagionali che si originano, uno dalla sorgente di “S’Accu e S’Agina” , uno dalla sorgente di “Piscina e Cerbus”.
Condividi:
Scheda
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Presidio forestale demaniale di Monte Nieddu è ubicato nella parte nord orientale dell'isola. Il territorio è di natura granitica, con una morfologia di alta collina,...
  • Il massiccio del Monte Traessu è formato da rocce basaltiche ed è ricco di gole, dirupi e grotte. Nella zona sono presenti numerosi esemplari di sughere e roverelle. Inquadramento...
  • Il Monte Ortobene offre al visitatore un'incredibile varietà di scenari paesaggistici grazie all’alternarsi di torrioni, picchi e pinnacoli, costituiti da rocce molto dure e...
  • La vegetazione del Monte Albo è formata in gran parte da specie tipiche dell’area mediterranea ed è costituita da circa 660 specie, elemento che la distingue come area di notevole...
  • Il cantiere forestale Monte Omu - Perd'e Pibera ha un estensione di circa 386 ettari ed è costituito da due corpi principali, quello di Perd’e Pibera (accessibile dal centro...
  • Il complesso forestale di Crastazza-Tepilora ricade a pieno titolo all'interno del Parco Naturale Regionale dell'Oasi di Tepilora finalizzato alla conservazione e tutela delle...
  • Un ambito costiero di grande fascino: da punta Pala di Monti (615 m) e punta Castellaccio (828 m) si ammira da Nord ad Est un panorama di rara bellezza (la vista può spaziare da...
  • La foresta demaniale Funtanamela si estende, per 497 ha, nella zona centrale della Sardegna, ai confini tra le province di Oristano e Nuoro. La vegetazione è rappresentata da...
  • La Foresta Demaniale Filigosu divenne demanio regionale nell'anno 1965 attraverso compravendite dal Comune di Oschiri e da privati.
  • La foresta di Castiadas costituisce un ottimo areale del Cervo Sardo soprattutto grazie al contesto montuoso di grande valore ambientale e paesaggistico nel quale essa si colloca.
  • La foresta di Silana si trova in località Sa Portiscra , tra la Gola di Gorropu e la Codula di Luna nel Comune di Urzulei . Si estende per 3.800 ettari di cui 3.700 sono di...
  • Storia della Foresta demaniale Nel territorio di Talana la superficie di proprietà Demaniale gestita dall'Agenzia Forestas e di 8898 ettari . Questi terreni demaniali furono...