Monte di Cognu

Il cantiere iniziò la sua attività nel 1974 su superfici particolarmente degradate dopo gli incendi che sconvolsero la zona verso la fine degli anni '60. Si può ammirare dalle sue cime una suggestiva visione del mare e delle Bocche di Bonifacio.

Il cantiere si distende a cavallo fra il comune di Aggius (per due terzi della superficie) e il comune di Aglientu con il Rio Vignola che lo divide in due parti. La distanza dai centri abitati dei due comuni è di 18 chilometri circa.
La vegetazione dominante è quella tipica mediterranea.
La parte alta, che raggiunge quota 600 metri, offre alla vista un panorama suggestivo che spazia ampio nel mare fino alla Corsica. All'interno del bosco di leccio, sughera, corbezzolo e fillirea si possono ancora rintracciare i resti delle piazzole dove veniva preparato il legno per il carbone e le capanne in muratura che servivano come rifugio.
Il cantiere iniziò la sua attività nel 1974 con le prime occupazioni (circa 360 ettari) di terreni di proprietà privata nell’agro di Aggius; si trattava di superfici degradate, percorse dal fuoco verso la fine degli anni ’60.
Solo dal 1976 venne formalizzata, con la sottoscrizione di atti di sottomissione, l’occupazione dei terreni ex R.D.L. 30/12/1923, n.3267.
I lavori dei primi anni hanno riguardato la realizzazione e il ripristino dei muri a secco perimetrali, l’apertura delle fasce parafuoco e delle piste di servizio e la preparazione del terreno per i nuovi impianti di rimboschimento. Già nei primi sei anni di attività fu realizzato il rimboschimento del 50% della superficie complessiva del perimetro.
Nei primi anni '80 si procedette alll’impianto di postime di pino nero laricio e querce (roverella, leccio e sughera) in consociazione. Tentativi di rimboschimento con l’utilizzo di varie specie esotiche (acero americano, quercia rossa e abeti mediterranei) non hanno avuto esito positivo.
Nel 1983 quasi tutta la superficie del cantiere è stata percorsa da incendio, con gravi ripercussioni sulla totalità dei lavori eseguiti. Un solo lembo del perimetro, costituito da bosco adulto misto di latifoglie di origine naturale, venne risparmiato dal fuoco. Lo stesso è stato restituito ai proprietari nel 1996.

Inquadramento geografico:
Provincia: Olbia-Tempio Comuni: Aggius, Aglientu Superficie: 526 ha
Aspetti vegetazionali:
Le formazioni forestali presenti in cantiere sono le seguenti: a) Giovani rimboschimenti misti di conifere e latifoglie: consociazioni a pino laricio e sughera e pino laricio e leccio. Si tratta di impianti eseguiti successivamente all’incendio del 1983 che aveva distrutto i rimboschimenti dei primi anni di attività del cantiere. Tali formazioni occupano i due terzi circa della superficie complessiva del perimetro e, frammisti ad esse, talora a gruppi, si trovano esemplari più sviluppati di differenti specie arboree (Pini, cedri, sughere, frassini...), sopravvissuti al passaggio del fuoco; b) Macchia secondaria in evoluzione rappresentata dalle specie tipiche dei suoli di derivazione granitica: corbezzolo, erica, fillirea. Tale formazione si riscontra come elemento fisionomico caratterizzante su circa un terzo del cantiere, ma più diffusamente compare come piano dominato tra le file o i gradoni degli impianti artificiali; c) Giovane fustaia coetanea di cedro atlantico (età 25 anni circa), impiantata su due ettari di superficie, pertinenza dei fabbricati di servizio del cantiere, e sopravvissuta all’incendio dell’83; d) Bassa macchia a erica e cisto nelle aree più elevate e degradate del perimetro
Come si raggiunge:
Per raggiungere il cantiere bisogna percorrere la strada provinciale che lo collega ai comuni di Aggius e Vignola e, nell'ultimo tratto, una strada consortile.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • L’aspetto vegetazionale di questo piccolo territorio forestale dell'Agenzia è molto vario; si possono trovare parti boscate a prevalenza di sughera, parti a macchia mediterranea e...
  • La foresta di Castiadas costituisce un ottimo areale del Cervo Sardo soprattutto grazie al contesto montuoso di grande valore ambientale e paesaggistico nel quale essa si colloca.
  • Dal punto di vista fitoclimatico la zona si inquadra nel Lauretum secondo tipo (a siccità estiva) sottozona calda e media. Il complesso forestale "CEDRINO" è situato nel Comune di...
  • Compresa tra le foreste storiche, la foresta di Fiorentini è un sito di alto interesse forestale, paesaggistico e archeologico.
  • In questa foresta demaniale sono stati reintrodotti in numero consistente i cervi, specie che ha rischiato l’estinzione ma che ad oggi prolifera distribuendosi sull’intero...
  • II clima della zona è quello tipicamente mediterraneo, caratterizzato da inverno mite e piovoso ed estate calda e siccitosa con moderate escursioni termiche.
  • La foresta di Monte Nieddu è un’area ricchissima di boschi di lecci, tassi, sughere, corbezzoli, lentischi, e di una fitta macchia mediterranea. L’area è importante sia sotto l’...
  • Questa foresta è in gran parte coperta da macchia mediterranea, boschi di ceduo di leccio e giovani rimboschimenti; l'altimetria varia dai 450 ai 1300 metri. E' molto frequentata...
  • All'interno del cantiere si trova un sentiero botanico con le specie più rappresentative dell'area. Per le scuole c'è la possibilità di svolgere visite didattiche di sicuro...
  • Foresta storica del demanio ed oggi una delle più estese, Montimannu offre al visitatore paesaggi mozzafiato, straordinari monumenti naturali, siti di archeologia nuragica ed...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Agenzia Forestas, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e Pini.
  • Area dalla morfologia accidentata con profonde incisioni provocate da torrenti a regime stagionale. Le pendenze sono molto accentuate e a tratti superiori al 70%. L'altimetria...