Monte di Cognu

Il cantiere iniziò la sua attività nel 1974 su superfici particolarmente degradate dopo gli incendi che sconvolsero la zona verso la fine degli anni '60. Si può ammirare dalle sue cime una suggestiva visione del mare e delle Bocche di Bonifacio.

Il cantiere si distende a cavallo fra il comune di Aggius (per due terzi della superficie) e il comune di Aglientu con il Rio Vignola che lo divide in due parti. La distanza dai centri abitati dei due comuni è di 18 chilometri circa.
La vegetazione dominante è quella tipica mediterranea.
La parte alta, che raggiunge quota 600 metri, offre alla vista un panorama suggestivo che spazia ampio nel mare fino alla Corsica. All'interno del bosco di leccio, sughera, corbezzolo e fillirea si possono ancora rintracciare i resti delle piazzole dove veniva preparato il legno per il carbone e le capanne in muratura che servivano come rifugio.
Il cantiere iniziò la sua attività nel 1974 con le prime occupazioni (circa 360 ettari) di terreni di proprietà privata nell’agro di Aggius; si trattava di superfici degradate, percorse dal fuoco verso la fine degli anni ’60.
Solo dal 1976 venne formalizzata, con la sottoscrizione di atti di sottomissione, l’occupazione dei terreni ex R.D.L. 30/12/1923, n.3267.
I lavori dei primi anni hanno riguardato la realizzazione e il ripristino dei muri a secco perimetrali, l’apertura delle fasce parafuoco e delle piste di servizio e la preparazione del terreno per i nuovi impianti di rimboschimento. Già nei primi sei anni di attività fu realizzato il rimboschimento del 50% della superficie complessiva del perimetro.
Nei primi anni '80 si procedette alll’impianto di postime di pino nero laricio e querce (roverella, leccio e sughera) in consociazione. Tentativi di rimboschimento con l’utilizzo di varie specie esotiche (acero americano, quercia rossa e abeti mediterranei) non hanno avuto esito positivo.
Nel 1983 quasi tutta la superficie del cantiere è stata percorsa da incendio, con gravi ripercussioni sulla totalità dei lavori eseguiti. Un solo lembo del perimetro, costituito da bosco adulto misto di latifoglie di origine naturale, venne risparmiato dal fuoco. Lo stesso è stato restituito ai proprietari nel 1996.

Inquadramento geografico:
Provincia: Olbia-Tempio Comuni: Aggius, Aglientu Superficie: 526 ha
Aspetti vegetazionali:
Le formazioni forestali presenti in cantiere sono le seguenti: a) Giovani rimboschimenti misti di conifere e latifoglie: consociazioni a pino laricio e sughera e pino laricio e leccio. Si tratta di impianti eseguiti successivamente all’incendio del 1983 che aveva distrutto i rimboschimenti dei primi anni di attività del cantiere. Tali formazioni occupano i due terzi circa della superficie complessiva del perimetro e, frammisti ad esse, talora a gruppi, si trovano esemplari più sviluppati di differenti specie arboree (Pini, cedri, sughere, frassini...), sopravvissuti al passaggio del fuoco; b) Macchia secondaria in evoluzione rappresentata dalle specie tipiche dei suoli di derivazione granitica: corbezzolo, erica, fillirea. Tale formazione si riscontra come elemento fisionomico caratterizzante su circa un terzo del cantiere, ma più diffusamente compare come piano dominato tra le file o i gradoni degli impianti artificiali; c) Giovane fustaia coetanea di cedro atlantico (età 25 anni circa), impiantata su due ettari di superficie, pertinenza dei fabbricati di servizio del cantiere, e sopravvissuta all’incendio dell’83; d) Bassa macchia a erica e cisto nelle aree più elevate e degradate del perimetro
Come si raggiunge:
Per raggiungere il cantiere bisogna percorrere la strada provinciale che lo collega ai comuni di Aggius e Vignola e, nell'ultimo tratto, una strada consortile.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il cantiere forestale Monte Omu - Perd'e Pibera ha un estensione di circa 386 ettari ed è costituito da due corpi principali, quello di Perd’e Pibera (accessibile dal centro...
  • ll Cantiere di Castelsardo si affaccia sulla valle del Coghinas e sullo splendido Golfo dell'Asinara dalle cui vette è possibile ammirare tutta la costa da Capo Falcone fino a a...
  • L'UGB Sa Conchedda - Loelle è formata da due corpi separati. Nasce dall'unione delle ex UGB di Sa Conchedda e di Loelle.
  • Paesaggi modellati da ondulazioni granitiche tormentate e sassose, intervallate da vaste aree incolte oppure a macchia o a boscaglia spesso diradata. luoghi che imprimono alle...
  • La zona di Montresta in cui è ubicato il cantiere forestale ha un buon interesse ambientale, valenza conferitale dagli aspetti paesaggistici e dalla presenza di diverse specie...
  • La foresta demaniale di Gutturu Pala-Pubusinu (comune di Fluminimaggiore) proviene dalla società Piombo Zincifera che - con la fine dell’attività mineraria - cedette i terreni di...
  • Il massiccio del Monte Traessu è formato da rocce basaltiche ed è ricco di gole, dirupi e grotte. Nella zona sono presenti numerosi esemplari di sughere e roverell
  • Pantaleo si estende per 4.231 ettari in agro dei comuni di Santadi e Nuxis; con le limitrofe Foreste demaniali di Pula, Monti Nieddu, Gutturu Mannu e Tamara Tiriccu costituisce un...
  • Il cantiere Coghinas presenta una formazione forestale di elevato interesse naturalistico rappresentata da macchia evoluta, a prevalenza di corbezzolo e da lecci.
  • All’interno del territorio del cantiere è presente, immerso in un bosco di lecci che in alcuni punti lascia spazio alla sughera, un area attrezzata con tavoli e panchine,...
  • Il cantiere è costituito da due distinte sezioni: la Marina di Sorso ed il territorio di Abbaccurrente (dalla omonima torre aragonese, in comune di Porto Torres). Questi territori...
  • La zona sede degli interventi previsti fa parte di un ampio perimetro forestale in occupazione temporanea gestito dall’Ente Foreste Servizio Territoriale di Lanusei, per una...