Pino Nero

nucleo di Pino nero presso la foresta demaniale di Anela

Comunemente chiamato Pino Austriaco, il Pinus nigra è un albero maestoso e sempreverde che ha generalmente tronco dritto e chioma densa piramidale. Può raggiungere i 20-30 metri ma esistono anche esemplari che oltrepassano i 50 metri. La corteccia, di color rosso-marrone-grigia, negli esemplari adulti si presenta con ampie fessure, suddivisa in placche grigie con la parte tra una placca e l'altra di colore nero. Le foglie, aghiformi, sono lunghe 8-20 cm, riunite in mazzetti di due, di colore verde scuro. Sono presenti due strutture riproduttive (una femminile ed una maschile) conosciute come Macrosporofilli e Microsporofilli. I primi sono costituiti da piccoli coni di colore rosato, solitari o a piccoli gruppi mentre i Microsporofilli sono sempre piccoli coni ovoidali e giallastri, sessili ma riuniti in gruppi. Gli strobili riuniti a gruppi di 2-4, sono lunghi 5-15 cm e larghi 2-3 cm, di forma ovale-conica, sono verdi in età giovanile e diventano marrone a maturità (dopo diciotto mesi circa) liberando semi alati di 2-3 centimetri. La divisione interna del Pino Nero prevede quattro sottospecie, ulteriormente suddivise in altre sub-varietà.

Corologia:
Gli areali delle varie entità formano un insieme di zone frammentate che si estende su tutto il Mediterraneo con estremi dall'Asia anteriore al Nord- Africa. In Italia si ipotizzano due correnti migratorie in direzione opposta: sul versante adriatico dell'Appennino si ha una corrente discendente di P. nigricans proveniente dai rifugi balcani (da cui deriva una grande frequenza della specie nelle Marche e in Abruzzo), e sul versante tirrenico troviamo una corrente ascendente verso nord di P. laricio giunto fino alla Pianura Padana
Fenologia:
Fiorisce da maggio a luglio
Habitat:
Specie moderatamente termofila, è capace di sopportare freddi intensi e forti escursioni termiche. Si trova, secondo la latitudine, dalla pianura a 2000 metri di quota, ma di solito predilige un'altezza di 200-1500 metri. Vegeta su diversi suoli e si adatta bene anche a substrati tendenzialmente calcarei e poco fertili; cresce in posizioni soleggiate e mal si adatta alla competizione spazio-luce delle altre essenze. E' una pianta che non sempre sopporta gli ambienti urbani, infatti, in condizioni d'inquinamento ambientale, può presentare un deperimento fisiologico con arrossamenti e necrosi degli aghi presenti nella parte interna della chioma che, progressivamente può portare alla morte della pianta
Forma biologica:
Mesofanerofita (Fanerofita con gemme di rinnovo a 8-30 m dal suolo)
Curiosità:
Per il notevole effetto estetico il Pino nero è una pianta molto diffusa a scopo paesaggistico - ornamentale. E' utilizzata inoltre per rimboschimenti di pendici aride e degradate e di zone montane in fasce comprese fra i 600 e i 1500 metri d'altezza, con la funzione principale di migliorare il terreno grazie alla sua velocità d'accrescimento.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Pinus nigra J.F.Arnold
Nome sardo:
Pinu nieddu, Pinu
Flora:
Divisione:
Classe:
Ordine:
Famiglia:

Potrebbe interessarti anche:

  • Arbusto suffruticoso sempreverde di 1-3 m, rampicante , con internodi provvisti di pochi aculei robusti e lievemente adunchi. Foglie composte, con 3-7 foglioline lanceolato-...
  • Frutice lianoso sempreverde, prostrato-diffuso (strisciante sul terreno) o sormentoso-rampicante (su alberi, muri e rocce, raggiungente anche i 15 m. di lunghezza ) mediante...
  • Albero caducifoglio alto fino a 30 metri con tronco diritto e spesso nodoso, molto ramificato, con chioma globosa-espansa o colonnare. Corteccia profonda, lacerata, scura. Rami...
  • Arbusto spinoso alto 30-60 cm piuttosto ramificato. Rami tortuosi portanti su ciascun nodo foglie riunite in gruppi di 3-5 e 3-5 spine con aculei giallastri. Foglie semplici,...
  • Suffrutice pulvinoso, molto ramificato alla base, con fusti legnosi sub-eretti o striscianti. Emana una forte profumazione aromatica, molto apprezzata, così come il miele...
  • Fiore delicato ma insuperabile per profumo, colore e contrasto con il verde del paesaggio boschivo che lo circonda. Fiorisce, tra marzo e aprile, splendida anteprima di Primavera...
  • Endemismo di Corsica e Sardegna, a fioritura tipicamente invernale-primaverile. Erbacea perenne, con breve fusto sotterraneo lignificato, radice fittonante ramificata...
  • Pianta erbacea annuale, alta 10-30 cm, con fusto eretto-ascendente , ramoso, pubescente con foglie basali lanceolate ricoperte da fine peluria, con odore sgradevole , come forse...
  • Albero longevo, a crescita lenta, conosciuto dall'antichità per le proprietà alimentari dei suoi frutti: le carrube sono cibo di basso costo ma alto valore nutrizionale, molto...
  • Sottospecie endemica della Sardegna, comune ma localizzata nella Nurra (tra Capo Caccia e Torre di Bantine). Arbusto spinoso molto ramificato alto 30-60 cm. I rami sono rigidi,...
  • Arbusto alto 1-2 metri, rami inerti, corteccia che si stacca a placche. Foglie piccole (1-1,5 cm.), subrotonde, trilobo, lobato-dentate, con numerose ghiandole subsessili,...
  • Arbusto alto fino a 6 metri con rami eretti e molto ramificato. Corteccia molto irregolare, grigiastra e screpolata. Rami giovani pubescenti. Foglie lineari (3-5 mm) glabre, verdi...