Rovo selvatico (comune)

il rovo selvatico (spesso chiamato anche "comune" benchè sia più propriamente il nome del R.fruticosus) è uno dei "rovi da more". Pertanto si indica diffusamente: Rovo comunerovo canino o rovo da more, 
Si tratta di una pianta spinosa appartenente alla famiglia delle Rosacee, i cui frutti, come per il rovo comune, sono noti come more. Arbusto cespitoso, suffruticoso, semicaducifoglio con lunghi fusti scanalati ricurvi  e spinosi e rami ricadenti o striscianti, che la pianta usa non per arrampicarsi ma anche come strategia difensiva.
Le foglie sono composte con 3-5 foglioline lanceolate a margine dentato. Fiori tondi di circa 2-3 cm, e corolla a 5 petali bianco-rosa. Frutti aggregati (frupe dette more), ciascuno contenente un semino. 

La presenza di questa pianta è indicativa di terreni profondi e leggermente umidi.

È considerata infestante perchè tende a diffondersi rapidamente e si eradica con difficoltà: non sono efficaci nè il taglio né il fuoco, e persino gli erbicidi danno scarsi risultati.

Essendo pianta eliofila (predilige esposizioni soleggiate) tollera poco l'ombra degli alberi, pertanto diffonde ai margini dei boschi e lungo i sentieri, nelle siepi e nelle macchie, tendendo a formare vere barriere intransitabili, soprattutto quando vegeta in associazione con la vitalba e la stracciabraghe (salsapariglia) può creare dei grovigli inestricabili spesso a danno della vegetazione arborea che viene in pratica aggredita e soffocata (situazioni spesso sintono di un degrado boschivo).

Extra:

Frutti e foglie hanno proprietà astringenti e antiinfiammatorie, molto apprezzati freschi e maturi (colore scuro) freschi o in marmellate. Il decotto di radici ha azione antireumatica ed è usato in gargarismi come disinfettante del cavo orale. 
Le more hanno un contenuto nutrizionale ricco di fibra alimentare, vitamina C, vitamina K, acido folico - una vitamina B, e il minerale essenziale manganese.

Corologia:
Il suo areale - comprende quasi tutta l'Europa, il Nordafrica e il medio Oriente ed è centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est
Habitat:
Siepi, bordi di canali e torrenti, radure, incolti e frutteti abbandonati. Predilige suoli con un buon tenore di umidità.
Etimologia:
L'epiteto specifico ulmifolius (dal latino ulmus, olmo - e folia, foglia) deriva dalla similitudine con le foglie dell'albero Ulmus minor.
Curiosità:
I frutti del rovo sono ricchi di zuccheri e vitamine. I pigmenti dei frutti sono utilizzati come coloranti per gli alimenti.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rubus ulmifolius
Nome sardo:
Orrù, Mura, Arrù, Rù
Flora:
Divisione:
Ordine:
Famiglia:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Arbusto alto fino a 6 metri con rami eretti e molto ramificato. Corteccia molto irregolare, grigiastra e screpolata. Rami giovani pubescenti. Foglie lineari (3-5 mm) glabre, verdi...
  • Tranne dei primi mesi estivi (periodo di massima vegetazione) questa pianta assomiglia a uno spesso strato di muschio: ma verso maggio-giugno si ricopre di fiori con cinque petali...
  • Suffrutice sempreverde, alta non più di 1,50 m . Rami eretti e corteccia scura con radice lunga, fittonante e lignificata. Foglie sempreverdi lanceolato-lineari, coriacee, glabre...
  • Il ciclamino primaverile è una pianta erbacea perenne, piccola tuberosa dai delicati fiori rosati. Si trova al centro–sud e nelle isole fino a 1200 m s.l.m..
  • Pianta alta 15-60 cm. Fusto eretto, spesso arrossato alla base, tormentoso soprattutto nella parte superiore e foglioso sino all’infiorescenza. Foglie abbraccianti, oblungo-...
  • Il meraviglioso giglio di mare ( Pancratium maritimum ) alias giglio stella, giglio di Sardegna, narciso o pancrazio marino, giglio pancrazio...è una bulbosa spontanea sui...
  • Liana sempreverde, rampicante spinoso dai fusti cilindrici, legnosi, glabri, con spine rivolte all'indietro e quindi particolarmente offensive. I rami sottili sono di colore verde...
  • Albero di medie dimensioni , altezza tipicamente sui 12-15 metri; chioma piramidale densa, tronco dritto o arcuato ascendente, corteccia scura solcata irregolarmente...
  • Pianta erbacea biennale con fusto eretto, ispido per la presenza di peli rigidi, ramoso nella parte finale; radice fittonante, carnosa e abbastanza grossa; durante il primo anno...
  • Arbusto prostrato con corteccia bruno-rossastra, rami contorti e intricati. Rami giovani glabri e angolosi. Foglie aghiformi lunghe 8-14 mm., rigide, mucronate, pungenti con una...
  • Pianta alta 20-70 cm., con fuso eretto, cilindrico, pubescente. Foglie abbraccianti, acuminate, nervute ed inserite a spirale, a volte sfumate di porpora sulla faccia inferiore...
  • Lo zafferano minore (o Croco ) è una specie endemica di Sardegna e Corsica, assai affine allo Zafferano vero ( Crocus sativus L.) pianta di origine asiatica che trova ampio...