Monte Genziana

Panorama da Vedetta olinie Talana (foto G.Incollu)

Il Presidio Forestale Monte Genziana si sviluppa su 2.898 ettari di cui 2000 in concessione comunale trentennale ed 898 demaniale tutti in territorio del comune di Talana. All'interno di questa unità gestionale si trova, quale corpo staccato, la foresta demaniale di Sorberine.

Aspetti forestali e paesaggistici

Il paesaggio vegetale risulta alterato dalla continua e presente azione dell'uomo con preoccupanti fenomeni di degradazione, pur conservando qua e là, lembi della vegetazione forestale pregressa. La notevole inclinazione dei pendii, la morfologia spesso accidentata, l'intensità delle precipitazioni soprattutto nel periodo autunno-invernale e cause storiche quali il disboscamento e gli incendi ricorrenti, in concomitanza con lo sfruttamento a pascolo secondo criteri di utilizzazione irrazionale, hanno portato alla rarefazione progressiva della copertura arborea ed alla successiva quasi integrale scomparsa del bosco, per cui il territorio è stato mortificato anche sotto l'aspetto delle capacità di ripresa della vegetazione spontanea. Tali cause in concomitanza con la scomparsa del manto vegetale con la conseguente mineralizzazione dello strato umifero del suolo, hanno annullato l'effetto regimante del bosco dando avvio ad un processo di dissesto idrogeologico che si manifesta in misura notevole ed apprezzabile anche visivamente, sotto forma d’ erosione diffusa e localizzata, ruscellamento, continuo rimaneggiamento del terreno e naturalmente lisciviazione dei sali solubili.
In particolari condizioni stazionali tale fenomeno ha portato ad una scomparsa dell'orizzonte umifero ed una sensibile diminuzione di spessore del suolo fino alle condizioni estreme dell'affioramento della roccia madre.
Al fine di arginare questo fenomeno, i primi interventi forestali utili sono stati proprio quelli di ricostituzione boschiva, di sistemazione del terreno e relativi rimboschimenti per favorire l'opera di ripristino ambientale. Pertanto la sistemazione del terreno mediante gradonamenti tendenti ad interrompere la continuità del pendio connessa al ripristino di un valido manto arboreo coi rimboschimenti, tendono a ridurre l'erosione superficiale e ad esplicare una più valida azione regimante delle acque. 

Le aree cacuminali del Gennargentu (località Pipinari) sono caratterizzate dalla presenza della serie sardocorsa in variante sub mediterranea del ginepro nano: l‘associazione è costituita da microboschi di altezza compresa tra 0,5 e 2 m, costituite prevalentemente da piante perenni legnose, con presenza di tappeto erboso limitato, caratterizzato da Juniperus nana, Thymus catharinae, Astragalus genargentteus (per quanto riguarda lo strato arbustivo) e da Viola corsica, Rumex pyrenaicus, Festuca morsicana, Valium corsium ecc. (per quanto riguarda lo strato erboso).

Fustaie mature di Pino domestico sono diffuse nell’unità gestionale di Monte Genziana nel perimetro di Sorberine.  Fustaie miste di conifere ed eucalipto sono diffuse nel presidio di nel perimetro di Gorbini.
Rimboschimenti misti di latifoglie con sporadiche conifere, frutto degli interventi effettuati dall’Azienda Foreste Demaniali della Sardegna (AFDRS) a partire dagli anni '90 sono presenti nel perimetro di Pipinari, di Monte Genziana in varie località (Genna Sa Pira, Genna Tillie, Serra Sa Gronta).

Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il cantiere di Vignola - La Contessa - Rena Majori si affaccia in una delle coste più suggestive del Nord Sardegna. Le spiagge, sottoposte con alta frequenza ai venti di ponente e...
  • Storia del cantiere Il cantiere forestale di monte Ferru fu istituito nel 1992 dall’ Azienda Foreste Demaniali di Nuoro su una superficie complessiva di 1954 ettari, interamente...
  • Una delle foreste storiche della Sardegna, acquisita del demanio fin dal 1914. Meta di visitatori per via delle sue bellezze naturali e di sentieri che conducono a luoghi di...
  • Il cantiere forestale di Olzai, noto con il suo toponimo principale (Gulana) è suddiviso in tre corpi o compendi distinti. Tutto il territorio si presenta con morfologia...
  • Inquadramento geografico e amministrativo Provincia: Nuoro Comune: Galtellì Superficie gestita: 520 ettari Descrizione generale Il complesso forestale “Tuttavista” è situato nel...
  • Area dalla morfologia accidentata con profonde incisioni provocate da torrenti a regime stagionale. Le pendenze sono molto accentuate e a tratti superiori al 70%. L'altimetria...
  • Il cantiere forestale di Monte Novu, posto nella parte centrale del massiccio del Gennargentu, si estende per una superficie complessiva di ha 3558 ed è pervenuto in concessione...
  • La foresta demaniale di Alase, con una superficie di circa 1565 ettari, ricade interamente nel comune di Aritzo. Un complesso forestale che ha origine nel Flumendosa a 418 m.s.l.m...
  • Compresa tra le foreste storiche, la foresta di Fiorentini è un sito di alto interesse forestale, paesaggistico e archeologico.
  • L’Unità Gestionale di Base denominata Su Lau, posizionata sul versante centro-occidentale della Sardegna, ricade su una piattaforma carbonatica nel territorio del Comune di Laconi.
  • Uno dei cantieri storici, il cantiere del Monte Limbara è situato sul versante nord del massiccio granitico del Monte Limbara, ed è il secondo per importanza regionale. Gli...
  • La foresta “Acquafrida” di notevole interesse ambientale e paesaggistico. Sita in agro di Santa Giusta, ai limiti di confine con l’agro di Pau ed Ales. Il substrato geologico è...