Pabarile

Vista dal versante est di Monte Urtigu

Il complesso forestale “Pabarile” è localizzato nel massiccio vulcanico del Montiferru nella Sardegna centro-occidentale, in un’area montana di notevole interesse ambientale e paesaggistico.

L’altitudine del complesso forestale varia dagli 814 m s.l.m. di “Funtana e S’Elighe” ai 1050 m. del Monte Urtigu che rappresenta la cima più alta del del massiccio di Montiferru.

L’area ricade completamente nella sezione “514-III Cuglieri” della Carta Topografica d’Italia 1:25.000 amministrativamente nei Comuni di Santulussurgiu e Cuglieri.

Inquadramento geografico:
Provincia: Oristano Comuni: Santulussurgiu - Cuglieri Superficie: 768 ha
Aspetti climatici:
Nonostante sia presente all’interno del Complesso Forestale una stazione di rilevamento dei dati termopluviometrici gestita dall’Assessorato Regionale ai Lavori Pubblici, non sono, al momento disponibili i relativi dati. Dall’analisi dei dati termo-pluviometrici relativi alla stazione di Cuglieri si evince che l’area appartiene al tipo climatico mesodermico umido con ampio deficit estivo. Il regime pluviometrico è quello tipico IAPE (inverno, autunno, primavera, estate).
Aspetti fitoclimatici:
Dal punto di vista fitoclimatico l’area ricade nella zona del Lauretum medio alle quote inferiori ed in quella del Lauretum freddo alle quote maggiori.
Aspetti geopedologici:
Sotto il profilo geolitologico il Montiferru è costituito da un’area vulcanica ricoperta da colate basaltiche e coltre laviche profondamente incise. Le vulcaniti presenti appartengono a due distinti cicli vulcanici, il primo oligo-miocenico ed il secondo al plio-quaternario. Nella zona sono presenti una serie di rilievi quali Punta Piccone (877 m s.l.m.), Monte Pertusu (970 m s.l.m.), Monte Urtigu (10502 m s.l.m.) e Monte Crastu Nieddu (973 m s.l.m.) che si sviluppano in direzione sud-ovest nord-ovest e che conferiscono al paesaggio una morfologia in alcuni tratti estremamente accidentata, con pendenze elevate. Dal punto di vista podologico esiste una notevole variabilità in relazione alla presenza e tipo di vegetazione e alla morfologia. Nelle aree da pianeggianti a subpianeggianti ricoperte da vegetazione forestale, si possono riscontrare suoli evoluti e profondi, mentre nelle aree prive di vegetazione, con pendenza elevata e morfologia accidentata, sono presenti suoli superficiali, fortemente erosi con comparsa di roccia affiorante. Secondo la classificazione della Soil Taxonomy i Rock outcrop, Lithic Xerochrepts, Lithic Xerorthents sono i suoli maggiormente rappresentati nella zona. Intensi processi erosivi si sono verificati soprattutto dopo l’incendio dell’estate del 1994.
Aspetti vegetazionali:
La vegetazione climax è rappresentate dall’orizzonte mesofilo della foresta di Quecus ilex ed in parte nell’orizzonte freddo-umido delle foreste montane del Quercus ilex e Quercus pubescens. L’attuale paesaggio vegetale risente notevolmente dell’attività antropica; gran parte del complesso acquisito dall’Ex Azienda Foreste Demaniali all’inizio degli anni ’70 è stato rimboschito mediante impianti misti di conifere - pino nero e pino marittimo- e latifoglie - leccio e roverella. Gran parte del complesso è stato interessato da un incendio di vaste dimensioni nell’estate del 1994, per cui costituite in gran parte da specie quali Erica arborea, Cistus spp. e Cystus villosus. In alcune zone è presente una buona rinnovazione agamica delle specie di interesse forestale, mentre in altre aree quest’ultime sono praticamente assenti. Nella parte settentrionale del complesso, l’unica non interessata dall’incendio, è presente un rimboschimento misto, con lo strato dominante di conifere - cedro, pino nero e pino marittimo) e quello dominante di latifoglie - leccio e roverella - fortemente aduggiate.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • Paesaggi modellati da ondulazioni granitiche tormentate e sassose, intervallate da vaste aree incolte oppure a macchia o a boscaglia spesso diradata. luoghi che imprimono alle...
  • Con i suoi circa 10 mila ettari di foresta e macchia mediterranea, il comprensorio della foresta demaniale di Settefratelli è senza dubbio uno dei luoghi più affascinanti e...
  • La foresta di Terranova, demaniale a partire dal 1965 con l’acquisizione dei terreni di proprietà comunali utilizzati in passato dalla popolazione locale ad usi civici. Ricade...
  • Un'isola chiamata Herculis Insulae nell'età romana, Asenara nel basso medioevo e Sinnara o Sinuaria è il nome che compare nelle carte rinascimentali. Un isolamento durato oltre un...
  • Il Monte Ortobene offre al visitatore un'incredibile varietà di scenari paesaggistici grazie all’alternarsi di torrioni, picchi e pinnacoli, costituiti da rocce molto dure e...
  • Alle pendici rocciose di questa foresta si trovano alcuni esemplari di leccio caratterizzati dalle forme contorte che testimoniano la presenza della folta foresta presente in...
  • La presenza dell’aspro ed esteso complesso di Monte Lerno, culminante a 1093 m s.l.m e le massime elevazioni della dorsale contigua ( Punta Balestrieri , P.ta Selvapinta , Colzu...
  • Il Cantiere Forestale di Croccorigas è stato istituito nel 1993 su una superficie di circa 297 ha, con l’acquisizione dei terreni ex ETFAS. L’esproprio delle terre era finalizzata...
  • Un ambito costiero di grande fascino: da punta Pala di Monti (615 m) e punta Castellaccio (828 m) si ammira da Nord ad Est un panorama di rara bellezza (la vista può spaziare da...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Agenzia Forestas, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e Pini.
  • L'UGB di "Sa Conchedda - Loelle" è formata da due corpi separati. Nasce dall'unione delle ex UGB di Sa Conchedda e di Loelle.
  • L’Unità Gestionale di Base denominata Su Lau, posizionata sul versante centro-occidentale della Sardegna, ricade su una piattaforma carbonatica nel territorio del Comune di Laconi.