Campanasissa

campanasissa

Descrizione generale

Campanasissa (territorio nel comune di Siliqua) fa parte del cantiere unificato che comprende anche le aree demaniali di Rosas (Narcao) e Monte Orri (Narcao e Siliqua) e Cadelano (Villamassargia), unitamente alle unità gestionali di Arritzali e Bau Pressiu (entrambi in comune di Siliqua, ex SAF-Società agricola Forestale) in concessione comunale.
Campanasissa e Cadelano costituiscono una superficie di circa 1047 ettari.  In particolare la sede di Campanasissa opera come UOS (Unità Operativa Specializzata) per gestire le visite scolastiche, il giardino botanico e le mostre itineranti-faunistiche.

Cosa si può visitare 

Un sentiero botanico conduce ad un piccolo giardino roccioso dove è possibile visitare il centro servizi del perimetro e un Pinnetto didattico con gli antichi attrezzi del pastore.   All’interno del centro servizi sono presenti una piccola xiloteca che ospita anche una raccolta di semi forestali delle specie presenti nella nostra regioneoltre ad alcuni settori espositivi che descrivono l’attività dell’ex-Ente Foreste della Sardegna e la storia forestale (con antichi documenti e attrezzi da lavoro, l'attività antincendio, quella vivaistica e faunistica, la lotta gli attacchi parassitari delle piante, ecc. )

Un settore della piccola mostra è dedicato esclusivamente alla quercia da sughero a riprova del valore che la stessa riveste nella Sardegna.  È possibile osservare piccoli diorama che rappresentano i vari habitat floro-faunistici della zona.  Si può sfogliare un erbario delle specie erbacee presenti e utilizzare dei programmi multimediali per ascoltare i canti degli uccelli del bosco della Sardegna e dell’Europa o sfidarsi nella conoscenza delle essenze forestali dell'isola. 

Visite didattiche

Il cantiere è meta di visite didattiche della durata di una giornata (su prenotazione) nella quale si possono frequentare vere e proprie lezioni ambientali all’aperto rivolte ai piccoli scolari delle scuole elementari e medie. I più giovani entrano così in contatto con il territorio e con le regole che ne determinano il delicato equilibrio; momenti formativi che contribuiscono a portare i ragazzi a diventare coscienti del ruolo decisivo che ognuno di noi ha nel conservare e trasformare l’ambiente che ci circonda e ci ospita.  Giochi didattici all’aperto permettono alle scolaresche di svolgere senza fatica attività di esplorazione, conoscenza, rilievo e contatto diretto con la natura.  Proiezioni di filmati illustrano temi rilevanti come quello del rispetto della natura, degli incendi boschivi, ecc.  Divertenti quiz a risposte multiple danno poi l’indicazione di quanto si è appreso durante la visita e i ragazzi possono avere il giusto riconoscimento per la loro giornata di studio all'aria aperta con la consegna di un attestato di merito e di partecipazione alla visita formativa.

Il piccolo giardino botanico

Un'ombrario ospita essenze forestali sarde e specie non sempre facilmente individuabili in natura quali la calendula, la digitale, la peonia, la mimosa pudica o sensitiva, l’elicriso e l'agrume chiamato pompia.  Il perimetro è attrezzato con un'area di sosta provvista di tavoli per il pic-nic e acqua; sono presenti alcuni brevi sentieri da percorrere esclusivamente a piedi, uno dei quali conduce alla punta più alta del perimetro forestale, punta Sisinneddu, che ospita il punto di avvistamento incendi estivo e i pilastrini d’osservazione astronomica dell’Associazione Astrofili Sardi

Come si raggiunge:
Al km. 44.600 della statale 293 che collega Siliqua a Giba, sulla destra si percorre una strada sterrata e dopo poche decine di metri ci si trova all’ingresso principale del perimetro: è accessibile solo a piedi o in bicicletta, non sono ammessi i veicoli a motore. nelle vicinanze, ma sulla sinistra nella statale, è presente l'area di sosta di Burdoni da cui parte il lungo sentiero escursionistico n.203, che conduce dopo quasi 17 chilometri nel cuore del Parco Naturale Regionale di Gutturu Mannu presso l'oasi di Monte Arcosu.

Contatti

responsabile UOS
Operatore mostra itinerante
Cellulare: 320 4331068
Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • Compendio di circa 225 ettari gestiti a titolo di occupazione temporanea.
  • Il Presidio Forestale Monte Genziana si sviluppa su 2.898 ettari di cui 2000 in concessione comunale trentennale ed 898 demaniale tutti in territorio del comune di Talana. All'...
  • La foresta di Pixinamanna è il risultato dell’intensa azione antropica subita a partire dalla seconda metà del 1839, in particolare dall’abolizione degli ademprivi. Assegnata...
  • Posizionata sul versante centro occidentale della Sardegna, l’ Unità Gestionale di Base Modighina ricade su un territorio collinare a scisti e metamorfiti. Interessa superficie...
  • Il cantiere Coghinas presenta una formazione forestale di elevato interesse naturalistico rappresentata da macchia evoluta, a prevalenza di corbezzolo e da lecci.
  • La foresta di Uatzo si trova nel territorio dei comuni di Tonara, Belvì e Sorgono. L’area è composta in massima parte da boschi di lecci, sugheri, castagni e da larghe aree di...
  • La foresta di Jacu Piu, al pari di Marreri e Baddemanna, si sviluppa su di un territorio strettamente legato alla storia di Nuoro, un'area ricca di insediamenti archeologici...
  • Una foresta molto interessante dal punto di vista ambientale, con una flora ricca di specie rare ed endemismi floristici che mostra al visitatore un paesaggio molto suggestivo.
  • Il massiccio del Monte Traessu è formato da rocce basaltiche ed è ricco di gole, dirupi e grotte. Nella zona sono presenti numerosi esemplari di sughere e roverelle. Inquadramento...
  • Il cantiere di Vignola - La Contessa - Rena Majori si affaccia in una delle coste più suggestive del Nord Sardegna. Le spiagge, sottoposte con alta frequenza ai venti di ponente e...
  • Dal punto di vista fitoclimatico la zona si inquadra nel Lauretum secondo tipo (a siccità estiva) sottozona calda e media. Il complesso forestale "CEDRINO" è situato nel Comune di...
  • Il cantiere iniziò la sua attività nel 1974 su superfici particolarmente degradate dopo gli incendi che sconvolsero la zona verso la fine degli anni '60. Si può ammirare dalle sue...