Campanasissa

campanasissa

Descrizione generale

Campanasissa (territorio nel comune di Siliqua) fa parte del cantiere unificato che comprende anche le aree demaniali di Rosas (Narcao) e Monte Orri (Narcao e Siliqua) e Cadelano (Villamassargia), unitamente alle unità gestionali di Arritzali e Bau Pressiu (entrambi in comune di Siliqua, ex SAF-Società agricola Forestale) in concessione comunale.
Campanasissa e Cadelano costituiscono una superficie di circa 1047 ettari.  In particolare la sede di Campanasissa opera come UOS (Unità Operativa Specializzata) per gestire le visite scolastiche, il giardino botanico e le mostre itineranti-faunistiche.

Cosa si può visitare 

Un sentiero botanico conduce ad un piccolo giardino roccioso dove è possibile visitare il centro servizi del perimetro e un Pinnetto didattico con gli antichi attrezzi del pastore.   All’interno del centro servizi sono presenti una piccola xiloteca che ospita anche una raccolta di semi forestali delle specie presenti nella nostra regioneoltre ad alcuni settori espositivi che descrivono l’attività dell’ex-Ente Foreste della Sardegna e la storia forestale (con antichi documenti e attrezzi da lavoro, l'attività antincendio, quella vivaistica e faunistica, la lotta gli attacchi parassitari delle piante, ecc. )

Un settore della piccola mostra è dedicato esclusivamente alla quercia da sughero a riprova del valore che la stessa riveste nella Sardegna.  È possibile osservare piccoli diorama che rappresentano i vari habitat floro-faunistici della zona.  Si può sfogliare un erbario delle specie erbacee presenti e utilizzare dei programmi multimediali per ascoltare i canti degli uccelli del bosco della Sardegna e dell’Europa o sfidarsi nella conoscenza delle essenze forestali dell'isola. 

Visite didattiche

Il cantiere è meta di visite didattiche della durata di una giornata (su prenotazione) nella quale si possono frequentare vere e proprie lezioni ambientali all’aperto rivolte ai piccoli scolari delle scuole elementari e medie. I più giovani entrano così in contatto con il territorio e con le regole che ne determinano il delicato equilibrio; momenti formativi che contribuiscono a portare i ragazzi a diventare coscienti del ruolo decisivo che ognuno di noi ha nel conservare e trasformare l’ambiente che ci circonda e ci ospita.  Giochi didattici all’aperto permettono alle scolaresche di svolgere senza fatica attività di esplorazione, conoscenza, rilievo e contatto diretto con la natura.  Proiezioni di filmati illustrano temi rilevanti come quello del rispetto della natura, degli incendi boschivi, ecc.  Divertenti quiz a risposte multiple danno poi l’indicazione di quanto si è appreso durante la visita e i ragazzi possono avere il giusto riconoscimento per la loro giornata di studio all'aria aperta con la consegna di un attestato di merito e di partecipazione alla visita formativa.

Il piccolo giardino botanico

Un'ombrario ospita essenze forestali sarde e specie non sempre facilmente individuabili in natura quali la calendula, la digitale, la peonia, la mimosa pudica o sensitiva, l’elicriso e l'agrume chiamato pompia.  Il perimetro è attrezzato con un'area di sosta provvista di tavoli per il pic-nic e acqua; sono presenti alcuni brevi sentieri da percorrere esclusivamente a piedi, uno dei quali conduce alla punta più alta del perimetro forestale, punta Sisinneddu, che ospita il punto di avvistamento incendi estivo e i pilastrini d’osservazione astronomica dell’Associazione Astrofili Sardi

Come si raggiunge:
Al km. 44.600 della statale 293 che collega Siliqua a Giba, sulla destra si percorre una strada sterrata e dopo poche decine di metri ci si trova all’ingresso principale del perimetro: è accessibile solo a piedi o in bicicletta, non sono ammessi i veicoli a motore. nelle vicinanze, ma sulla sinistra nella statale, è presente l'area di sosta di Burdoni da cui parte il lungo sentiero escursionistico n.203, che conduce dopo quasi 17 chilometri nel cuore del Parco Naturale Regionale di Gutturu Mannu presso l'oasi di Monte Arcosu.

Contatti

responsabile UOS
Operatore mostra itinerante
Telefono:
320 4331068
Cellulare: 320 4331068
Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • La Foresta Demaniale occupa i territori del monte Orri e quelli circostanti la miniera di Rosas che a metà dell'Ottocento ottennero la terza (in ordine cronologico) concessione...
  • Coiluna è un cantiere di rimboschimento con conifere e latifoglie stabilito negli anni ’80 dalla ditta SARFOR. Merita di essere menzionato il laghetto collinare di circa 3 ettari...
  • Area dalla morfologia accidentata con profonde incisioni provocate da torrenti a regime stagionale. Le pendenze sono molto accentuate e a tratti superiori al 70%. L'altimetria...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Ente Foreste della Sardegna, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e...
  • Storia del cantiere Il cantiere forestale di monte Ferru fu istituito nel 1992 dall’ Azienda Foreste Demaniali di Nuoro su una superficie complessiva di 1954 ettari, interamente...
  • Morfologicamente il cantiere forestale Semida di Ulassai è piuttosto variegato, con ampie vallate impostate in rocce paleozoiche, per lo più metamorfiche, scisti ed arenaci.
  • storia del cantiere Il cantiere forestale di Cartucceddu fu istituito (insieme a quello di Perd'e Liana ) nel 1992 dall’ Azienda Foreste Demaniali di Nuoro ed ha una superficie...
  • Il Perimetro forestale di Allai si estende per 1042 ha sulle pendici nord-occidentali del Monte Grighine; è stato gestito dall’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste fino al...
  • La foresta Sorilis presenta importanti impianti di rimboschimenti di conifere e latifoglie. Presenti ancora molte estensioni spontanee di macchia a corbezzolo, fortemente...
  • Storia del compendio forestale Tacchixeddu fu istituito nel 1992 dall’ Azienda Foreste Demaniali di Nuoro, su terreni comunali. Ubicato su due corpi separati : uno a ovest del...
  • La Foresta, ricca di numerose specie faunistiche e molteplici specie endemiche che ne compongono la flora, è un'importante meta di turisti e di studiosi ed è visitabile seguendo...
  • L’area di Bèrchida è caratterizzata da due insediamenti rispettivamente nuragico e medievale e un tafone sottoroccia che fanno della valle un luogo dotato di un fascino unico.