Morgongiori - Masullas - Siris

Monte Arci, Sa Trebina Longa

L’Unità Gestionale di Base: Morgongiori, Siris, Masullas inserita nel Complesso forestale del Monte Arci, comprende 2288 ettari di proprietà comunali dati in concessione alla Regione Sardegna – Ente Foreste della Sardegna. E’ sita sul massiccio vulcanico e si sviluppa sui versante sud del Monte Arci.

Inquadramento geografico:
Provincia: Oristano Comune: Morgongiori, Masullas, Siris Superficie: 2288 ettari
Aspetti climatici:
Il clima è quello tipico delle zone centrali sarde con estati calde, lunghe ed asciutte e inverni miti e moderatamente piovosi con surplus idrico da ottobre a maggio e con un deficit idrico nei mesi di luglio, agosto e parte di settembre. Eventi di una certa entità si registrano tra novembre e dicembre ed in aprile mentre in gennaio si ha una netta diminuzione delle precipitazioni che interessa anche febbraio. Sotto l’aspetto fitoclimatico, secondo la classificazione del “Pavari”, tutto il territorio si inquadra nella zona del Lauretum secondo tipo, sottozona calda e sottozona intermedia, con trasgressioni in quella fredda nelle quote più elevate. Sinteticamente si possono rilevare le seguenti relazioni tra il clima e la vegetazione: Climax delle foreste mesofite di Quercus ilex e Climax delle foreste miste di sclerofille sempreverdi termoxerofile.
Aspetti geopedologici:
Il territorio del Monte Arci è di natura e conformazione molto varia, passando dalle vulcaniti a chimismo acido e basico quali ialoclastiti infrasedimentarie, rocce dacitiche e riodacitiche, ai basalti, andesiti basaltiche ipocristalline o vitrofiriche, per finire con i termini trachitici. Particolarmente interessanti sono le “Trebine”, cioè i due Neks vulcanici siti in agro di Morgongiori, a circa 800 m s.l.m., che testimoniano centri di emissione puntiforme della lava riferiti al Plioquaternario. Di particolare e peculiare interesse sono i giacimenti di Ossidiana ”Oro nero” del Neolitico, nonché le numerose officine litiche e centri di lavorazione del prezioso materiale presenti a Conka ‘e Cannas in agro di Masullas. Il terreno presenta caratteristiche fisiche diverse in relazione alle pendenze, alla esposizione e alla presenza o meno di copertura vegetale; talora si presenta poco profondo e roccioso, talaltra con buoni spessori e relativamente fertili non mancando anche valli e vallecole con suolo bruno abbastanza profondo.
Aspetti vegetazionali:
La vegetazione è varia a seconda della altitudine e della esposizione . Si possono ammirare estese e dense formazioni di leccio governate ad altofusto o formazioni cedue, sempre di leccio,; altresì è facile trovare la consociazione di leccio con tipico corteggio floristico a prevalenza di corbezzolo, erica, fillirea, lentisco e mirto, nonché a Morgongiori, formazioni miste a netta prevalenza di sughera. Non mancano comunque le zone ove a dominare è la macchia mediterranea, sia alta che bassa, con prevalenza di erica, mirto, lentisco, viburno e cisto, nonché quelle degradate per l’azione dei ripetuti incendi ove è presente come forma vegetale il cisto, unito a rare essenze pabulari e all’asfodelo.
Come si raggiunge:
L’Unità Gestionale di Base Morgongiori, Masullas, Siris è appunto divisa in tre comparti comunali ed ognuno di essi si raggiunge partendo dal paese di riferimento; invece se si percorre la SS 131 uscita Uras-Laconi ed imboccando la SS 442 si arriva ai centri abitati suddetti fino a raggiungere l’apposita segnaletica che indica il C.F. Monte Arci.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il presidio forestale fa parte di un ampio perimetro forestale in occupazione temporanea dall’Agenzia Forestas, per una superficie complessiva di ettari 797 circa. Il perimetro si...
  • Sa Mela è un cantiere forestale gestito separatamente dagli altri terreni in comune di Lodè , e va a costituire un corpo indipendente di estensione complessiva di circa 1694...
  • Storia del compendio forestale Tacchixeddu fu istituito nel 1992 dall’ Azienda Foreste Demaniali di Nuoro, su terreni comunali. Ubicato su due corpi separati : uno a ovest del...
  • Storia del cantiere Il cantiere forestale di monte Ferru fu istituito nel 1992 dall’ Azienda Foreste Demaniali di Nuoro su una superficie complessiva di 1954 ettari, interamente...
  • All’interno del territorio del cantiere è presente, immerso in un bosco di lecci che in alcuni punti lascia spazio alla sughera, un area attrezzata con tavoli e panchine,...
  • La zona sede degli interventi previsti fa parte di un ampio perimetro forestale in occupazione temporanea gestito dall’Ente Foreste Servizio Territoriale di Lanusei, per una...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Ente Foreste della Sardegna, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e...
  • La Foresta, ricca di numerose specie faunistiche e molteplici specie endemiche che ne compongono la flora, è un'importante meta di turisti e di studiosi ed è visitabile seguendo...
  • Pantaleo si estende per 4.231 ettari in agro dei comuni di Santadi e Nuxis; con le limitrofe Foreste demaniali di Pula, Monti Nieddu, Gutturu Mannu e Tamara Tiriccu costituisce un...
  • Il Parco urbano confina con l’abitato di Laconi ed è annualmente meta di migliaia di visitatori che giungono in pellegrinaggio religioso: Laconi è il paese natale di Sant’Ignazio.
  • Il Monte Arrubiu-Casargius ed il Monte Genis si sviluppano tutti lungo l'asse Ovest-Est del perimetro forestale. La quota più elevata è Monte Genis con una altitudine di 979 mt s...