Croccorigas

Monte Arcuento sullo sfondo

Il Cantiere Forestale di Croccorigas è stato istituito nel 1993 su una superficie di circa 297 ha, con l’acquisizione dei terreni ex ETFAS.

L’esproprio delle terre era finalizzata a vasti piani di colonizzazione e trasformazione, unitamente alla creazione d’importanti infrastrutture, al fine di migliorare le condizioni di vita della popolazione. Successivamente nel 2001 sono stati acquisiti dall’IGEA s.p.a, con convenzione trentennale dal comune di Guspini altri 560 Ha circa. Gran parte delle superfici ricadono nel territorio di Montevecchio, sfruttato per le ricchezze minerarie. Le miniere di Montevecchio, insieme a quelle (non distanti) di Ingurtosu e Naracauli, furono le più produttive d’Europa per l'estrazione di zinco e piombo.
Camminare nei diversi sentieri presenti nel territorio di Croccorigas è particolarmente suggestivo sia perché non è raro incontrarvi il cervo sardo, sia perché ci si imbatte in un territorio trasformato dalle utilizzazioni minerarie e dove si rimane particolarmente affascinati dalle importanti testimonianze archittoniche, alcune delle quali conservate nel loro passato splendore come la Palazzina della Direzione di Montevecchio e altre in via di recupero.

Inquadramento geografico:
Provincia: Medio Campidano Comune: Guspini Superficie: 869 ettari
Aspetti vegetazionali:
La parte iniziale del cantiere e caratterizzata da formazioni di origine artificiale (Pino domestico e marittimo) a tratti pure ed a tratti miste a Leccio e ad altre specie della macchia mediterranea, quali corbezzolo, erica, fillirea, etc.. Sono inoltre presenti boschi di Sughera e di leccio, in conformazione pura e mista a seconda delle condizioni edafiche e all’esposizione del versante: nelle zone esposte a sud si ha una netta prevalenza della sughera, mentre nelle aree meno soleggiate e con esposizioni a nord si ha la prevalenza del bosco di leccio, spesso in associazione con il Viburno. Il sottobosco è costituito dalle specie tipiche della macchia mediterranea. La superficie iniziale del cantiere è stata interessata nel 1983 da un incendio di vaste proporzioni che ha distrutto gran parte del soprassuolo; oggi queste superfici presentano una vegetazione naturale in via di sviluppo, e presentano la conformazione tipica della macchia alta a prevalenza di corbezzolo, a cui si associano l’erica, la fillirea e le ginestre. Questa vegetazione rappresenta l’habitat del cervo sardo. Nelle aree più degradate la vegetazione è quella tipica della macchia bassa e della gariga. Da ricordare la presenza di due endemismi di particolare importanza: Verbascum plantagineum e Genista sulcitana.
Aspetti faunistici:
Il territorio di Croccorigas ricade nell’areale dell’Arburese-Guspinese del cervo sardo. L’area, insieme a poche altre in Sardegna, rappresenta una delle zone in cui si il cervo è sopravvissuto , al contrario del restante territorio regionale, dove la presenza di questo mammifera ha subito un fortissimo declino a causa della caccia, del bracconaggio e della perdita di habitat. L’area di Montevecchio è Oasi Permanente di protezione faunistica e di cattura. La zona ospita numerose specie animali tra cui il cinghiali, la martora, la volpe, la donnola, il gatto selvatico, il coniglio, la lepre, il porcospino e il topo quercino. Tra gli uccelli ricordiamo la ghiandaia, il gheppio, la poiana, lo sparviero, pernici, il falco pellegrino.
Come si raggiunge:
Dal paese di Guspini si prende la strada provinciale n.66 che porta a Montevecchio. Arrivati al paese di Montevecchio si prosegue sulla sinistra, prendendo la strasa che porta a Ingurtosu. Dopo una cinquantina di metri si trova il bivio per il cantiere di Croccorigas.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il cantiere Coghinas presenta una formazione forestale di elevato interesse naturalistico rappresentata da macchia evoluta, a prevalenza di corbezzolo e da lecci.
  • Il cantiere forestale “S. Antonio” è situato nel Comune di Macomer , nella cartografia I.G.M. SC. 1:25000 ricade nei fogli 498 sez. – III di Macomer. La superficie totale è di 277...
  • La foresta di Pixinamanna è il risultato dell’intensa azione antropica subita a partire dalla seconda metà del 1839, in particolare dall’abolizione degli ademprivi. Assegnata...
  • Una foresta molto interessante dal punto di vista ambientale, con una flora ricca di specie rare ed endemismi floristici che mostra al visitatore un paesaggio molto suggestivo.
  • L’anfiteatro montuoso del Gutturu Mannu annovera, oltre alla foresta Pantaleo, altre limitrofe proprietà demaniali, nei comuni di Nuxis, Assemini, Pula, Siliqua, Narcao. Boschi...
  • Coiluna è un cantiere di rimboschimento con conifere e latifoglie stabilito negli anni ’80 dalla ditta SARFOR. Merita di essere menzionato il laghetto collinare di circa 3 ettari...
  • La foresta di Uatzo si trova nel territorio dei comuni di Tonara, Belvì e Sorgono. L’area è composta in massima parte da boschi di lecci, sugheri, castagni e da larghe aree di...
  • Questo cantiere forestale è diviso in due corpi separati, distanti tra loro circa 5 chilometri: Portixeddu si trova sulla costa, presso le le famose spiagge di San Nicolò ;...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Ente Foreste della Sardegna, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e...
  • La foresta demaniale di Alase, con una superficie di circa 1565 ettari, ricade interamente nel comune di Aritzo. Un complesso forestale che ha origine nel Flumendosa a 418 m.s.l.m...
  • La Foresta Demaniale occupa i territori del monte Orri e quelli circostanti la miniera di Rosas che a metà dell'Ottocento ottennero la terza (in ordine cronologico) concessione...