Mariani

vista da Mariani sulla valle dei nuraghi e dei vulcani

Il presidio Forestale di Mariani fa parte del Complesso Forestale Parchi Anglona Meilogu.

DESCRIZIONE GENERALE

Il Parco Mariani fu acquistato dal Comune nel marzo del 2001 ed è ubicato a due passi dalle tombe ipogeiche di Sant'Andrea Priu, ai margini della pianura Santa Lucia che risale verso i monti a confine con la Barbagia e il Marghine.  Natura in gran parte incontaminata, ricca di pascoli e sorgenti, oggetto nei decenni passati di alcuni interventi di recupero e valorizzazione che ne hanno risaltato l'antica destinazione di piccolo centro agropastorale, con la vocazione di un parco comunale ove coniugare le bellezze naturali delle ampie zone forestate con l'esigenza di avere e creare spazi verdi.

 Al Compendio, lasciata la provinciale per Foresta Burgos, si accede dalla strada che porta alle tombe ipogeiche di Sant'Andrea Priu e in pratica termina con l'ingresso all'azienda, dove i reali di casa Savoia amavano spesso trascorrere le ferie estive e lunghi periodi di caccia.  Oltre settanta chilometri di tratturi consentono l'utilizzo razionale della tenuta e la visione di stupendi panorami, arricchiti dalla presenza di numerose e pregiate essenze arboree, arbusti, fiori, e vegetali, fra i quali vivono tantissime specie di animali selvatici e cavalli. Un ambiente naturale ricchissimo di sorgenti d'acqua che, in località Badde Mala, confluiscono in parte in una suggestiva cascata, alta una ventina di metri.  

Nel 2017 Forestas e il Comune di Bonorva hanno firmato una convenzione che affida all’Agenzia regionale lo storico compendio comunale.

Gestione Forestas in convenzione ventennale dal comune

Con questa convenzione ventennale l’amministrazione incarica l’Agenzia Forestas affinché esegua nei 570 ettari di boschi del Parco Mariani  "le azioni di cura, di tutela e della conservazione del patrimonio forestale, della biodiversità e del paesaggio, della difesa dei sistemi forestali e silvo-pastorali dai rischi ambientali, la valorizzazione produttiva, turistico-ricreativa e culturale del patrimonio naturale, dell’innovazione tecnologica e della cultura nel settore forestale e il sostegno delle attività di informazione, sensibilizzazione ed educazione ambientale”..

Contatti

Responsabile P. F. Monte Traessu
Telefono:
320 4331257
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Descrizione generale L'area forestale è pervenuta in gestione all’ex Ente Foreste della Sardegna (Forestas, dal 2016) dall’ Azienda Foreste Demaniali con concessione trentennale...
  • Il Monte Ortobene offre al visitatore un'incredibile varietà di scenari paesaggistici grazie all’alternarsi di torrioni, picchi e pinnacoli, costituiti da rocce molto dure e...
  • La foresta di Terranova, demaniale a partire dal 1965 con l’acquisizione dei terreni di proprietà comunali utilizzati in passato dalla popolazione locale ad usi civici. Ricade...
  • La foresta Sorilis presenta importanti impianti di rimboschimenti di conifere e latifoglie. Presenti ancora molte estensioni spontanee di macchia a corbezzolo, fortemente...
  • Il cantiere, nato nel 1956, occupa una superficie complessiva di 164 ettari, di cui circa 70 sono ubicati lungo il litorale di Badesi. I restanti 95 ettari, di recentissima...
  • Il cantiere è costituito da due distinte sezioni: la Marina di Sorso ed il territorio di Abbaccurrente (dalla omonima torre aragonese, in comune di Porto Torres). Questi territori...
  • Questa unità gestionale è costituita da due cantieri della Sardegna sud-occidentale che ricadono amministrativamente nel territorio comunale di Gonnesa , compresi nel campo dunale...
  • storia del cantiere Il cantiere forestale di Cartucceddu fu istituito (insieme a quello di Perd'e Liana ) nel 1992 dall’ Azienda Foreste Demaniali di Nuoro ed ha una superficie...
  • Un'isola chiamata Herculis Insulae nell'età romana, Asenara nel basso medioevo e Sinnara o Sinuaria è il nome che compare nelle carte rinascimentali. Un isolamento durato oltre un...
  • Con i suoi circa 10 mila ettari di foresta e macchia mediterranea, il comprensorio della foresta demaniale di Settefratelli è senza dubbio uno dei luoghi più affascinanti e...
  • II clima della zona è quello tipicamente mediterraneo, caratterizzato da inverno mite e piovoso ed estate calda e siccitosa con moderate escursioni termiche.
  • Compendio di circa 225 ettari gestiti a titolo di occupazione temporanea.