Piombo, munizioni da caccia: una ricerca mostra l'effetto mortale su aquile e avvoltoi

23 Marzo 2021
Cartuccia con pallini (foto A. Andreotti)

L’effetto tossico del piombo introdotto nell’organismo porta a una forma più o meno grave di avvelenamento conosciuta con il nome di saturnismo.

Cause del saturnismo ed effetti sull'uomo

Si tratta di una forma di avvelenamento frequente nelle persone che vengono a contatto con ingenti quantità di questo metallo. Le conseguenze erano e sono patologie cardiovascolari, renali, dell’apparato digerente e del sistema nervoso, sino al coma e alla morte.
In passato il saturnismo colpiva particolari categorie professionali - come i tipografi -  esposti per il frequente contatto con gli inchiostri a base di piombo e i caratteri di stampa costituiti di piombo. Altri lavoratori particolarmente esposti erano gli operai delle miniere o delle fonderie dove questo metallo veniva estratto o lavorato.   Solo da pochi decenni si è acquisita la consapevolezza che il piombo può avere affetti negativi sulla salute anche nel caso di esposizioni limitate. Questo ha indirizzato le autorità sanitarie verso il progressivo abbassamento della soglia di rischio fino a suggerire di evitare ogni possibile contatto. Indagini su vasta scala hanno infatti consentito di evidenziare come livelli crescenti di piombo nel sangue dei bambini e dei ragazzi determini una riduzione permanente del quoziente intellettivo. Più in generale è scientificamente provato che anche bassi livelli di piombo nel sangue creino effetti negativi sullo sviluppo del sistema nervoso centrale.  Eppure, ancora oggi (benchè in misura minore) il saturnismo può essere ancora un problema. Il consumo di selvaggina contaminata da frammenti o pallini di piombo può avere conseguenze sanitarie non trascurabili. Se il consumo della cacciagione non comportasse la cottura delle carni, si assorbirebbe una frazione minima del piombo, presente nei tessuti: quanto questo elemento infatti, a basse temperature, risulta poco assimilabile dal nostro apparato digerente. In realtà le alte temperature, dovute alla cottura della carne e l’aggiunta di condimenti che abbassano il pH del cibo (es: aceto) determinano una maggiore assimilabilità del piombo ed un possibile esito tossico anche per effetto dell’accumulo di questo metallo nel nostro organismo.

Effetti sulle specie selvatiche

Ma se per l’uomo il consumo di carne di selvaggina è in genere saltuario e/o episodico, non è così per molte specie selvatiche - quelle carnivore o necrofagherapaci e i vulturidi in particolare, sono assai esposti al problema del saturnismo. La presenza di frammenti più o meno
grandi di munizionamento di piombo nei tessuti determina, una volta ingerito, avvelenamenti molto gravi che, in genere, portano alla morte dell’animale.  In molti casi il problema è dovuto al bio-accumulo prolungato che nel tempo conduce alla morte individui che non hanno ancora raggiunto la maturità sessuale o diventano sterili prima di essersi riprodotti, con conseguenti gravi danni anche per le popolazioni di questi selvatici.

I risultati di una recentissima ricerca italiana

Rapaci trovati morti in tutta Europa risultano intossicati da piombo. Lo dimostra uno studio tutto italiano di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e dell’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia Romagna (IZSLER) condotto dai ricercatori della Unità Territoriale di Sondrio e del reparto Chimico di Bologna. Lo studio pubblicato sulla rivista internazionale Science of The Total Environmenthal dal titolo: Lead contamination in tissues of large avian scavengers in south-central Europe, ha mostrato che:

il 44 % dei rapaci trovati morti (su 252 esaminati) è risultato contaminato dal piombo, mentre oltre un quarto presentava valori di piombo elevati, tali da comportare intossicazione

Il piombo delle munizioni viene ingerito perché aquile e avvoltoi si nutrono degli animali colpiti dai cacciatori e non recuperati, o delle viscere degli ungulati lasciate sul luogo di caccia per preservare la qualità delle carni e facilitare il trasporto delle prede.

L’impiego del piombo rappresenta un pericolo per i rapaci e per altre specie di uccelli selvatici

Questa dinamica, basata sull'uso di proiettili al piombo, è dunque manifestatamente fonte di inquinamento ambientale: per questo da tempo si sta predisponendo una istruttoria presso l’Agenzia Chimica Europea (ECHA) per bandire il piombo dalle cartucce.

Avvelenamento dei selvatici (non solo rapaci anche avifauna acquatica ad esempio), rischio ambientale e pericolosità per la salute umana sono descritti in uno dei rapporti tecnici di ISPRA scaricabile online. La pubblicazione molto curata, e con illustrazioni e dati significativi, illustra i problemi derivanti dall’utilizzo di piombo nelle cartucce e le possibili soluzioni

Condividi:

Notizie ed eventi

12 Agosto 2022

Il Commissario Straordinario dell’Agenzia FoReSTAS intende procedere all’ acquisizione della manifestazione di disponibilità per la nomina a Direttore Generale dell’Agenzia , ai fini della successiva proposta alla...

08 Agosto 2022

Informiamo tutti gli utenti che nella settimana dal lunedì 15 al 19 agosto 2022 tutti gli uffici della Regione Sardegna, incluse tutte le sedi dell'Agenzia Forestas e gli URP ed i cantieri forestali, saranno chiusi per...

01 Agosto 2022

Riservato al personale in servizio presso l’Agenzia Forestas, inquadrato cat. B, per 16 posti cat.B da assegnare a mansioni amministrative e 9 posti cat.B a mansioni autista/amministrativo

25 Luglio 2022

Si informa l'utenza che il prossimo venerdì 5 agosto gli uffici del Servizio Territoriale di Nuoro di via Deffenu resteranno chiusi, per la fruizione della festività patronale da parte dei dipendenti; resterà...

21 Luglio 2022

Avviso pubblico per titoli e colloquio per individuare un dipendente, in possesso dei requisiti minimi necessari per la qualifica dirigenziale, cui attribuire temporaneamente la direzione del Servizio di Oristano (art. 28 Legge regionale 31/1998...

21 Luglio 2022
Resilienza vs resistenza al fuoco

Nel Montiferru, territorio gravemente ferito dal fuoco un anno fa, i tecnici dell'Agenzia Forestas stanno rilevando un fenomeno che fa ben sperare : due adattamenti ecologici in ambiente dove le...

14 Luglio 2022

Il gatto è un predatore con un possibile impatto sulla conservazione della biodiversità ? In questo approfondimento, alcune premesse che spiegheranno perchè e quanto la custodia responsabile dei gatti contribuirebbe a prevenire...

13 Luglio 2022

Si informa l'utenza che il prossimo venerdì 22 luglio gli uffici del Servizio Territoriale di Lanusei resteranno chiusi per la fruizione della festività patronale ; resterà pertanto in servizio solo il personale...

11 Luglio 2022

Con l'ultimo, recentissimo rilascio di luglio 2022 nel territorio tra Bosa e Montresta , tutti gli esemplari arrivati in Sardegna sono in volo sui nostri cieli.

Riepilogo delle attività di quest'anno

Nel...

07 Luglio 2022
Comunicato stampa del 7 luglio 2022

I vertici dell’Agenzia regionale Forestas, insieme a tutta la struttura tecnico-amministrativa centrale e territoriale, sono a fianco del dottor Michele Puxeddu , direttore del Servizio...

05 Luglio 2022

L’Agenzia Forestas, in qualità di ente pubblico, aderisce dal 2021 all’associazione Pro Silva Italia, condividendone i principi e partecipando attivamente allo sviluppo dell’approccio gestionale promosso: considerare l’ecosistema forestale nella...

28 Giugno 2022

Iniziativa promossa dalla onlus Effetto Palla , in collaborazione con l'Agenzia regionale Forestas - grazie anche al protocollo di collaborazione recentemente sottoscritto. A un anno esatto dal grande incendio che aveva devastato ...