Il Capovaccaio in Sardegna

04 Maggio 2020
Capovaccaio in volo in Sardegna (foto Pietro Masala)

A causa del lock-down dovuto al CoViD-19, non abbiamo avuto la possibilità di proseguire il monitoraggio del Capovaccaio. Una coppia nidificante si è insediata, nell'estate 2019 a Porto Conte, presso il carnaio gestito dall'Agenzia Forestas nell'area del Parco Naturale Regionale.
Con l'Università di Sassari e gli altri partner del progetto Life "Under Griffons Wings" riprenderanno presto le osservazioni.

Ma qui e ora è importante riprendere il discorso, per raccontare la storia dall'inizio.

Due capovaccai in Sardegna nel 2019

Consideriamo la presenza di due capovaccai in Sardegna come un risulato inatteso ed importantissimo del progetto Life dedicato ai Grifoni.  La presenza regolare dei due individui da marzo 2019 dimostra come le misure di conservazione adottate per la salvaguardia degli avvoltoi abbiano avuto ricadute positive sull’intera comunità di uccelli necrofagi.
Alcuni fattori hanno reso attraente quest’area per i due capovaccai:

  • la presenza di una fonte alimentare certa gestita da Forestas
  • l’impegno del Parco regionale di Porto Conte nel prevenire il disturbo dell’uomo con un’ordinanza specifica
  • la promozione del Codice etico della fotografia naturalistica promosso dall’Università di Sassari.

Il Capovaccaio mancava tra le specie storicamente nidificanti nella nostra isola, almeno fino al 2019. Ma già dal 2018, grazie alle azioni di monitoraggio (foto-trappole) sulla rete dei carnai aziendali e sui due carnai allestiti da Forestas, si era registrata la presenza (occasionale) dell'avvoltoio Capovaccaio.

UN PREZIOSO AVVOLTOIO MIGRATORE

Essendo una specie tendenzialmente migratrice (gran parte della popolazione europea sverna anel continente africano) i passaggi in Sardegna erano sinora considerati alla stregua di "scali tecnici" durante la traversata.  Gli avvistamenti si sono ripetuti via via con frequenza crescente (e con grande grande sorpresa) sinchè una coppia di questi rapaci ha iniziato a frequentare sistematicamente la costa nor-ovest della Sardegna in pieno periodo riproduttivo.  

Il più piccolo tra gli avvoltoi d'Europa

Il Capovaccaio (Neophron percnopterus) è un rapace che si nutre di una vasta gamma di alimenti, dagli insetti (che trova nelle carogne) ai piccoli resti di carne, placente ed escrementi di bestiame.
Ma è soprattutto la sua predilezione nel frequentare i pascoli e le mandrie di bestiame (dove trova sterco e insetti) da cui deriva il nome volgare (toscano) “Capovaccaio”.  Un altro nome comunemente usato è quello di avvoltoio egizio, in riferimento al fatto che fosse sacro alla dea Iside
Si tratta indubbiamente della specie più minacciata tra gli avvoltoi Europei.  Per contrastarne il declino sono state messe in campo azioni di conservazione in tutti i Paesi dove è ancora presente.
In Italia - in particolare - la specie sopravvive con pochi individui in Sicilia, Calabria e Basilicata (circa 12 coppie nidificanti censite).  Sono stati finanziati diversi progetti europei, l’ultimo dei quali è l’italo-spagnolo Life Egyptian Vulture (www.lifegyptianvulture.it).   Collabora in questo progetto l’Associazione CERM (Centro Rapaci Minacciati) il più grande Centro di riproduzione ex-situ del capovaccaio a livello mondiale (www.capovaccaio.it). 
In Sicilia - dove è presente gran parte della popolazione italiana di questo vulturide - è in corso il Progetto Life ConRaSi (www.lifeconrasi.eu) che mira alla conservazione in Sicilia dell’Aquila del Bonelli, del Falco Lanario e proprio del Capovaccaio. 

L'aiuto fondamentale per UNA SPECIE MINACCIATA, ANZI DUE

Purtroppo una delle principali cause del declino - oltre alle già note sostanze tossiche - sono gli abbattimenti illegali, gli impatti contro cavi elettrici aerei e pale eoliche; vi è poi la ridotta disponibilità alimentare dei nostri ecosistemi.  Affrontare la carenza alimentare è stato uno degli obiettivi primari del Progetto LIFE14NAT/IT/000484 Under Griffon Wings che, lavorando per la conservazione dell’unica popolazione naturale italiana di Grifone (Gyps fulvus), ha previsto azioni rivelatesi utilissime anche per il Capovaccaio : per la prima volta (e fino ad ora l'unica) in Italia si è sperimentata l’istituzione di una rete di carnai aziendali ( 40 privati e 2 pubblici, a Porto Conte e Monte Minerva, gestiti direttamente da Agenzia Forestas).

Condividi:

Notizie ed eventi

20 Aprile 2021

Ha preso il via presso il vivaio Santu Loisu di Sorgono l'indagine sulle problematiche fitopatologiche dei vivai forestali gestiti dall'Agenzia Forestas.

Il progetto, in collaborazione con Agenzia...

19 Aprile 2021

I due bandi pubblicati lo scorso 21 dicembre sono stati ampliati e riaperti: sarà possibile presentare domante, per chi non l'avesse già fatto, sino al prossimo 19 maggio 2021.

14 Aprile 2021

La conferenza finale di INCREDIBILE si terrà online nelle giornate del 15 e 16 aprile 2021 .

Esplorerà e racconterà i risultati del progetto con un'enfasi speciale sulle iniziative chiave e sui ...

15 Aprile 2021

L’ Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Agenzia Forestas è operativo, sperimentalmente da oggi, anche su WhatsApp e TELEGRAM .

In questo particolare momento in cui l’accesso negli uffici è limitato, in applicazione dei protocolli anti-...

13 Aprile 2021

Forestas sta selezionando un biologo/naturalista esperto in pesca sportiva “ catch and release ” (C&R) per attuare un progetto di Tutela e gestione dei rifugi genetici della trota mediterranea in Sardegna

13 Aprile 2021

Si tratta di un ordinario taglio programmato di alcune piante pericolanti, programmato ed indifferibile per la sicurezza dei fruitori, come spiega l'Agenzia all'utente che aveva richiesto chiarimenti con una documentata segnalazione...

08 Aprile 2021

Nonostante l'emergenza Covid-19, è ripartito il 7 aprile il progetto " la Scuola nel Bosco " promosso da Forestas, Istituto scolastico e Comune di Dolianova...

06 Aprile 2021
SPLENDIDI PAESAGGI VENTOSI

Regione storica del Monte Acuto . Qui sughero e granito hanno rappresentato per anni la fonte economica di maggior rilievo: il territorio è ricco di boschi di leccio e principalmente querce da sughero...

03 Aprile 2021

Divieto di assembramento ed altre prescrizioni statali e regionali per il lockdown pasquale 2021 comportano in ogni caso l'impossibilità di fruire delle aree forestali demaniali destinate alla sosta e ai pic-nic dal 3 al...

30 Marzo 2021

Anche in Sardegna gli alberi di leccio ( Quercus ilex L.) sia nel verde pubblico che privato sono soggetti ad attacchi fungini che producono cancri corticali e decadimento strutturale del fusto: nei casi più...

29 Marzo 2021

Il 10 marzo 2021 è stato siglato tra le Agenzie regionali Forestas e Agris un accordo di collaborazione tecnico-scientifica per un progetto integrato, costruito grazie alle riunioni del Tavolo Tecnico per la difesa...

29 Marzo 2021

In questa pagina si rende disponibile la documentazione relativa a due ulteriori Piani Forestali Particolareggiati: quello del Supramonte ( Montes , Orgosolo) e di Is Cannoneris ( Gutturu Mannu , Domus de Maria e Teulada)...