Simposio internazionale sul Saturnismo e rischi sanitari da piombo sulla fauna selvatica

06 Ottobre 2015
Avvoltoio degli agnelli adulto e giovane

Importanti conclusioni emergono dal Simposio internazionale sul problema del saturnismo (organizzato nell'ambito del progetto LIFE 13 (NAT / IT / 000093 GypHelp - Riduzione delle minacce umane che incidono sulla popolazione alpina di Gipeto - Gypaetus barbatus)

Le condizioni del Gipeto sulla catena Alpina
Il Gipeto (Gypaetus barbatus) è una delle specie più minacciate in Europa ed è classificato dalla IUCN come specie "in pericolo critico".
Reintrodotto nelle Alpi a partire dal 1986, grazie ad uno dei progetti di conservazione più ambiziosi ed importanti in Europa, il Gipeto sta lentamente colonizzando l’areale alpino.
Tuttavia l’espansione della specie è condizionata da alcune criticità quali la bassa densità e, soprattutto, l’isolamento genetico rispetto alle altre popolazioni Europee (dei Pirenei in particolare).
Le operazioni annuali di reintroduzione, a partire da individui allevati in cattività, hanno portato ad una consistenza attuale di ventiquattro coppie riproduttive (conosciute) e un numero di circa 250 individui nell’arco alpino.
L'equilibrio, tuttavia, resta fragile e una eccessiva mortalità degli adulti potrebbe rapidamente invertire la lenta tendenza espansiva della popolazione.

Il progetto life GypHelp
Per ovviare alle principali criticità (derivanti dalle attività umane) che limitano la sopravvivenza dei Gipeti, in particolare nelle alpi francesi, è stato realizzato il progetto GypHelp finalizzato a ridurre i rischi di mortalità legati soprattutto alle collisioni con cavi aerei (elettrici, seggiovie, funivie ecc.) e ad assicurare un incremento della popolazione.
Vengono affrontate anche altre criticità, in particolare quelle legate all'introduzione nell’ambiente di sostanze tossiche per queste specie, tra le quali il piombo derivante dalle munizioni da caccia.

L’avvelenamento da piombo
L’avvelenamento da piombo causa una patologia conosciuta con il nome di saturnismo: si tratta di un problema tossicologico che può causare effetti nefasti alle popolazioni di animali necrofagi (come gli avvoltoi). Purtroppo l’organismo di queste specie è estremamente sensibile a qualsiasi tipo di inquinante presente in ambiente.
Succhi gastrici con elevata acidità consentono la digestione di alimenti altrimenti indigeribili - nel caso del gipeto le ossa (non a caso in Sardegna era conosciuto con il nome di gutturju ossarju o altre varianti del nome che comunque individuano questa predilezione alimentare).
L’intossicazione è dovuta all’ingestione di frammenti di piombo, in genere presenti nelle interiora, nei muscoli o nelle ossa di animali cacciati con munizioni al piombo.
Gli effetti sull’organismo sono più o meno gravi e variano secondo la quantità di piombo assorbita: i sintomi consistono in:
- indebolimento dell’animale,
- cecità,
- diarrea verde (marker della patologia) e perdita di peso per difficoltà alimentari;
- disordine neurologico e problemi comportamentali, fino alla morte.

Molti casi di morte o ferimenti da impatti contro ostacoli aerei da parte di uccelli rapaci adulti, sono probabilmente da attribuire a questo tipo di patologia, come documentato da numerosi studi.

Un caso simbolo
Effetto tipico dell’uso delle munizioni al piombo sull’ambiente è quello del Condor della California (Gymnogyps californianus): si tratta di una specie tuttora a rischio di estinzione, che proprio per l’avvelenamento derivante dal piombo ha raggiunto (nel 1986) il limite dell’estinzione (22 esemplari in cattività, nessuno allo stato libero).

A seguito di un costoso progetto di conservazione - grazie alla riproduzione in cattività e al bando delle munizioni al piombo - la specie si è ripresa ed attualmente sono presenti circa 500 individui.

Il simposio ad Annecy
Al fine di confrontare varie esperienze europee sul problema dell'avvelenamento da piombo nei vulturidi si è tenuto, il 28 settembre 2015 ad Annecy (Alta Savoia) un interessante simposio internazionale sul problema del saturnismo.
All’incontro hanno partecipato studiosi, rappresentanti delle associazioni venatorie francesi e tecnici che si occupano della conservazione dei vulturidi in Europa.
Il tema del saturnismo, che ha già causato almeno sei casi documentati di intossicazione sui gipeti alpini, è stato affrontato da diversi punti di vista: gli esperti hanno presentato lavori di ricerca e relazioni su tematiche quali:
- incidenza della patologia nelle varie specie di rapaci;
- aspetti sanitari che interessano anche il consumo umano di carne da cacciagione;
- rilevamento del piombo negli animali intossicati (esami su sangue, tessuti, penne, feci);
- aspetti normativi (comunitari e nazionali) che regolano l’utilizzo delle munizioni al piombo.

Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

22 Settembre 2020

Sono state completate le prime due fasi della complessa progettazione (rilievi sul campo e cartografici, esecutivi dell'intervento) e si sta avviando l'iter autorizzativo ambientale-paesaggistico e nei cantieri Forestas...

18 Settembre 2020

Ad agosto è stato approvato il Piano forestale particolareggiato (PFP) della Foresta Demaniale di Is Cannoneris . Qui spieghiamo gli obiettivi e gli orientamenti gestionali, con qualche dato ed un cenno alle...

17 Settembre 2020

La pagina informativa contiene alcuni dettagli sul procedimento, ed informazioni sull'iter e su come i proprietari possono contattare Forestas, specie nel periodo CoViD con le relative restrizioni di accesso agli uffici...

17 Settembre 2020

Il Comune di Galtellì organizza, insieme a Foretas e Club Alpino, una giornata per presentare la variante del Sentiero Italia ipotizzata in seno al tavolo territoriale nuorese per la Rete Escursionistica della Sardegna (RES)...

16 Settembre 2020

Sulle scritte minacciose ai sindacalisti delle organizzazioni FLAI e FAI Il commissario straordinario e la Direzione Generale di Forestas esprimono solidarietà e condannano ogni forma di violenza...

15 Settembre 2020

Avviati anche gli interventi di completamento della Rete dei Sentieri nel Supramonte di Oliena, finanziati dal POR-FESR: dopo i rilievi, la progettazione e l'iter autorizzativo durati oltre un anno, gli operai hanno iniziato i lavori a giugno...

11 Settembre 2020

Nella mattinata del venerdì 11 settembre 2020 sono stati rilevati problemi ai server, che hanno reso impossibile raggiungere alcuni contenuti e sezioni informative del sito istituzionale, tra cui l' Albo Pretorio on-line ed altre...

04 Settembre 2020

Completate le prime tre fasi della complessa progettazione (rilievi sul campo e cartografici, progettazione, iter autorizzativo ambientale-paesaggistico) nei vari complessi forestali ci si prepara per la realizzazione degli...

04 Settembre 2020

L’Agenzia Fo.Re.S.T.A.S. sta trattando con il massimo rigore il caso dell’operaio coinvolto nelle indagini contro incendiari e bracconieri. In attesa del giudizio della magistratura, è stato cautelativamente sospeso dal...

03 Settembre 2020

Anche quest’anno, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, sono arrivate in Sardegna, liberate dall'ISPRA e volano già nei nostri cieli altre 7 aquile di Bonelli , che per il terzo anno consecutivo ...

01 Settembre 2020

Il sindaco di Nuoro ha espresso gratitudine e apprezzamento alle squadre Forestas, a nome della comunità per il supporto ed il grande aiuto dato dalle autobotti dell'Agenzia durante il periodo di crisi per la mancanza di acqua...

31 Agosto 2020

La società organizzatrice ha comunicato la variazione delle date di svolgimento della manifestazione, anticipandola al 8-11 ottobre 2020 ...