S'Ozzastreddu

Questo compendio, noto anche come Padru-Sotza, è accessibile a 4 km dal centro abitato di Padru, ricade nel Bacino Idrografico del Padrongiano e afferisce al Complesso Forestale Bassa Gallura – Altopiano di Buddusò.

Dal punto di vista altimetrico circa l’80% del territorio forestale del Complesso  è posto tra i 400 e gli 800 m s.l.m. rappresentativo quindi della classe di bassa montagna (41% circa) localizzata in particolare nelle Unità gestionali di Monte Nieddu e Sa Pedra Bianca, lungo il massiccio granitico del Monte Nieddu.
Quasi il 70% della superficie del complesso forestale è caratterizzata da pendenze rilevanti; in parte anche in questa unità gestionale (correntemente denominata con il toponimo Sòzza quale contrazione di S'Ozzastreddu, sono localizzate le aree con pendenza superiore al 50%.
Questo territorio ricade nel Bacino Idrografico del Padrongiano mentre i cantieri di Pitrisconi e Sa Pedra Bianca sono ricomprese del tutto, rispettivamente, nei bacini dei fiumi minori tra il Padrongianoed il Posada.
In generale tutte le unità gestionali del Complesso sono dotate di una rete viaria (strade e piste forestali) più che adeguata in relazione alla gestione attuata.
Lo stesso discorso vale per le infrastrutture antincendio (invasi collinari, punti d’acqua, fasce parafuoco). Quasi assenti le infrastrutture turistiche, sono tuttavia presenti aree di notevole interesse naturalistico ed una rete di antichi sentieri e di aie carbonili.

Inquadramento geografico:
Provincia: Sassari Comune: Padru Superficie: circa 1325 ha in occupazione temporanea e sottoposti a vincolo idrogeologico ai sensi del R.D.L. 3267/1923
Come si raggiunge:
Dall’abitato di Padru si percorre il corso e giunti a piazza della Repubblica si svolta in via Grazia Deledda e quindi in via Alessandro Manzoni . Alla chiesa del Sacro Cuore si prosegue in via Gramsci verso la strada sterrata lungo la quale si percorrono 4 km per arrivare alla casa forestale.

Contatti

UGB Pitrisconi - Complesso Forestale Padru
Telefono:
320 4331242
Email:
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • Una bellissima pineta di pino d’Aleppo e di pino domestico insieme ad una ricca vegetazione spontanea costituiscono la foresta costiera di Bidderosa, la perfetta cornice a cinque...
  • Coiluna è un cantiere di rimboschimento con conifere e latifoglie stabilito negli anni ’80 dalla ditta SARFOR. Merita di essere menzionato il laghetto collinare di circa 3 ettari...
  • L’anfiteatro montuoso del Gutturu Mannu annovera, oltre alla foresta Pantaleo, altre limitrofe proprietà demaniali, nei comuni di Nuxis, Assemini, Pula, Siliqua, Narcao. Boschi...
  • Un territorio dalla morfologia caratterizzata dasll’alternarsi di versanti più o meno ripidi ed incisi che degradano verso sud, mentre, in prossimità del versante occidentale, un...
  • Il Cantiere Forestale di Croccorigas è stato istituito nel 1993 su una superficie di circa 297 ha, con l’acquisizione dei terreni ex ETFAS. L’esproprio delle terre era finalizzata...
  • Il cantiere di Riu Nuxi è situato in un terreno di proprietà del Comune di Seui, di 2270 ettari , dato in concessione trentennale all’ex-Ente Foreste della Sardegna nel 1991.
  • La foresta Sorilis presenta importanti impianti di rimboschimenti di conifere e latifoglie. Presenti ancora molte estensioni spontanee di macchia a corbezzolo, fortemente...
  • Il cantiere prende il nome dal lago artificiale del fiume Tirso, il lago Omodeo, completato nel 1924 ed inserito nell'elenco dei siti di interesse comunitario per via della sua...
  • Il cantiere forestale di Eltili si trova nel comune di Baunei , ha una superficie totale di 2.691 ettari , di cui 1941 sono in occupazione temporanea (ai sensi della Regio Decreto...
  • Il cantiere forestale è costituito da territori di proprietà dei comuni di Austis, Neoneli e Nughedu Santa Vittoria, dati in gestione all'Ente Foreste della Sardegna, con la...
  • Compendio di circa 225 ettari gestiti a titolo di occupazione temporanea
  • Si tratta di una superficie in occupazione temporanea di competenza sino al 2000 dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e dal 2001 dell’Ente Foreste della Sardeg