Corongia

L’UGB è divisa in due corpi: uno si trova al di sopra del paese e raggiunge quote oltre i 1000 m.s.l.m., l’altro, da cui prende il nome l’UGB, è posto su una parte di un grosso altipiano calcareo ed è ricco di valenze ambientali, naturalistiche e geologiche, oltre alla varietà dei paesaggi, legati agli strapiombi e alle gole lungo il corso del Flumendosa.
Si tratta di una superficie in occupazione temporanea ai sensi del R.D.L. 3267/23 di competenza sino al 2000 dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e dal 2001 dall’Ente Foreste della Sardegna.

Inquadramento geografico:
Provincia: Nuoro Comune: Gadoni Superficie: 520.98.92
Aspetti climatici:
Il clima può essere definito di tipo semicontinentale, con inverno umido, ad elevato surplus idrico, in cui non mancano le gelate. Le precipitazioni medie annue, a volte anche nevose, sono notevoli. Le piogge sono concentrate nei mesi invernali, mentre durante l’estate diventano scarse assumendo il carattere tipico dell’aridità del clima sardo, per cui l’estate si presenta asciutta e con un moderato deficit idrico.
Aspetti fitoclimatici:
Dal punto di vista fitoclimatico, seguendo la classificazione fatta da Pavari (1916), il territorio rientra nel Lauretum II tipo-Sottozona media e fredda, con variazioni locali verso il Castanetum caldo, nelle località a quota più elevate.
Aspetti geopedologici:
Sotto il profilo litopedologico le formazioni che affiorano nel territorio sono: paesaggi metamorfiti (scisti, scisti arenacei, argilloscisti, ecc.) del Paleozoico e relativi depositi di versante e paesaggi su calcari, dolomie e calcari dolomitici del Paleozoico e del Mesozoico e relativi depositi di versante. Il suolo presenta caratteristiche fisiche diverse in relazione alle pendenze, all’esposizione, alla presenza o meno di copertura vegetale e al substrato litologico. In particolare sono presenti suoli da poco profondi a profondi, con tessitura da franco-sabbiosa a franco-argillosa, reazione da subacida a neutra, da permeabili a mediamente permeabili a poco permeabili (su substrato calcareo), con rocciosità, pietrosità ed erodibilità elevate. L’area presenta una morfologia con aree con forme accidentate, da aspre a subpianeggianti (“tacchi”) e aree con forme aspre e pendenze elevate.
Aspetti vegetazionali:
Nell’ambito dell’UGB Corongia, si incontrano varie forme di interesse forestale, naturalistico e di protezione, quali: - Rimboschimenti di conifere, prevalentemente pino marittimo (Pinus pinaster) e Pino nero (Pinus nigra); di latifoglie (specie autoctone quali roverella (Quercus pubenscens) e leccio (Quercus ilex); impianti misti di conifere e latifoglie, tra le quali il castagno e la sughera. - Lecceta - Macchia mediterranea La vegetazione è varia a seconda dell’altitudine e dell’esposizione. Il corpo di Corongia è caratterizzato da importanti formazioni a foresta di leccio con tasso, terebinto e ginepro. E’ inoltre facile trovare la consociazione di leccio con tipico corteggio flogistico a prevalenza di corbezzolo, erica, fillirea, lentisco e mirto, oppure formazioni specifiche di corbezzolo solo raramente interrotte dalla presenza delle essenze sopra citate. Grazie all’attività di recupero operata negli anni scorsi sia dall’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste che dall’Ente Foreste della Sardegna, attraverso oculati interventi di sistemazione idraulico-forestale mediante la realizzazione di rimboschimenti di conifere e latifoglie, è oggi possibile vantare il recupero di consistenti porzioni di territorio degradato.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il cantiere forestale di Olzai, noto con il suo toponimo principale (Gulana) è suddiviso in tre corpi o compendi distinti. Tutto il territorio si presenta con morfologia...
  • L’area di Bèrchida è caratterizzata da due insediamenti rispettivamente nuragico e medievale e un tafone sottoroccia che fanno della valle un luogo dotato di un fascino unico.
  • La foresta di Linas è stata acquisita come proprietà demaniale da privati. Si trova nel cuore del territorio del M. Linas, che con i suoi 1236 m s.l.m.m. rappresenta il complesso...
  • All'interno del cantiere si trova un sentiero botanico con le specie più rappresentative dell'area. Per le scuole c'è la possibilità di svolgere visite didattiche di sicuro...
  • La Foresta Demaniale Filigosu divenne demanio regionale nell'anno 1965 attraverso compravendite dal Comune di Oschiri e da privati.
  • La Foresta, ricca di numerose specie faunistiche e molteplici specie endemiche che ne compongono la flora, è un'importante meta di turisti e di studiosi ed è visitabile seguendo...
  • La foresta “Sa Dispensa” è di notevole interesse ambientale e paesaggistico. Sita in agro di Palmas Arborea è parte integrante del Complesso Forestale del Monte Arci nonchè...
  • Il cantiere, nato nel 1956, occupa una superficie complessiva di 164 ettari, di cui circa 70 sono ubicati lungo il litorale di Badesi. I restanti 95 ettari, di recentissima...
  • Posizionata sul versante centro occidentale della Sardegna, l’ Unità Gestionale di Base Modighina ricade su un territorio collinare a scisti e metamorfiti. Interessa superficie...
  • Il complesso forestale di Crastazza-Tepilora ricade a pieno titolo all'interno del Parco Naturale Regionale dell'Oasi di Tepilora finalizzato alla conservazione e tutela delle...
  • Monte Olia, una delle foreste storiche di proprietà dell’Agenzia Forestas, si estende tra i comuni di Monti e Berchidda ed è composta da boschi di Leccio, Sughere e Pini.
  • Il Presidio Forestale Su Padru fa parte del Complesso Meilogu. Ricade interamente nel comune di Thiesi (terreni comunali in concessione).