Rosa canina

Cinorrodi (falsi frutti) di Rosa canina (foto Cristian Mascia)

È una specie di rosa spontanea, arbusto latifoglie e caducifoglie, spinoso e alto tra uno e tre metri. Molto presente in siepi o cespugli ai margini del bosco.
Talvolta viene chiamata rosa di macchia, ed è comunemente nota come rosa selvatica.

Che sia comune nella nostra Isola è ben chiaro dalla lunghissima lista di nomi in lingua sarda, che nelle varie località si riservano a questo arbusto: quasi ogni paese ha un proprio modo di chiamarla.

Fusto legnoso, spesso arcuato o pendente, e radici profonde.

Le spine rosse sono robuste, arcuate, a base allungata e compressa lateralmente. Le foglie, caduche, sono composte da 5-7 foglioline ovali o ellittiche dentellate.

I fiori, singoli o doppi, hanno 5 petali, un diametro mediamente di 5 cm, colore rosa pallido e poco profumati.

Il falso frutto (cinorrodo) della rosa canina è caratterizzato da un colore rosso e da una consistenza carnosa; è edule ma aspro e non appetibile fresco; contiene un altissimo tasso di vitamina C, oltre 2 g per 100 g di peso.  Esso deriva dalla modificazione del ricettacolo fiorale e contiene al suo interno degli acheni. Gli acheni sono il frutto vero e proprio (che contiene un seme) della rosa canina, derivano dalla modificazione dei carpelli ed ognuno di essi contiene un seme.  La struttura nel suo insieme (di 1 o 2 cm) è il cinorrodo.

Extra:

La rosa canina è anche un'erba officinale e medicinale, ricca di principi attivi (vitamina C, tannini, acidi organici, pectine, carotenoidi e polifenoli) sfruttati per realizzare cosmetici, farmaci e nell'industria alimentare: se ne utilizzano i petali (anche decotti) i semi, i frutti e il polline.  

È inoltre una pianta mellifera, ma la produzione del miele mono-flora è difficoltoso perché la fioritura è sporadica sporadica.

Fenologia:
La rosa canina fiorisce a maggio-giugno negli ambienti più caldi, a luglio in montagna, la maturazione delle bacche si ha in ottobre-novembre
Habitat:
La specie è assai diffusa nelle zone temperate del Vecchio Mondo, dal Mediterraneo alla Scandinavia, e inoltre: Africa del Nord, isole Canarie e Madera, Asia occidentale, Caucaso e Asia. Predilige le boscaglie di faggio, abete, pino e querce a foglie caduche, gli arbusteti e le siepi, fino a quota di 1800 m. Specie pioniera: favorita nei suoli abbastanza profondi e moderatamente aridi, resiste al freddo e tollera anche il caldo, inoltre è un arbusto rustico che non subisce attacchi da molti parassiti (a differenza delle rose coltivate).
Curiosità:
Può essere usata con successo per creare siepi inter-poderali, per le numerose spine robuste lungo i suoi rami.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Rosa canina L.
Nome sardo:
Arrolàriu, Baddajòlu, Badderìnos, Colostru, Fusighìttu, Orrulàriu, Pennulèri, Pipilòddi, Pibirillò, Pipirilàddi, Pissalèttos, Rosa crabìna, Rosa de margiàni, Rosa vervechìna, Rullàriu, Ruu cràvinu, Rùu erbechìnu, Tiitùssi, Arrosa burda, Orrulàriu,
Flora:
Ordine:
Famiglia:
Approfondimenti

Potrebbe interessarti anche:

  • Suffrutice sempreverde, alta non più di 1,50 m . Rami eretti e corteccia scura con radice lunga, fittonante e lignificata. Foglie sempreverdi lanceolato-lineari, coriacee, glabre...
  • Il vischio deve il suo nome alla sostanza viscida contenuta nelle bacche che è, in forma concentrata, potenzialmente letale (la viscumina, una proteina citotossica) ed è un...
  • Arbusto o albero di piccole dimensioni, a chioma espansa. Corteccia grigiastra. Rami giovani ricoperti da peli e spinosi. Foglie di forma ovato-lanceolata, a margine dentato,...
  • Detta anche margherita dei campi , la margherita diploide è un'erbacea della famiglia Asteraceae , comunissima nei prati della Sardegna, fino a 1200 m slm...
  • Arbusto alto fino a 6 metri con rami eretti e molto ramificato. Corteccia molto irregolare, grigiastra e screpolata. Rami giovani pubescenti. Foglie lineari (3-5 mm) glabre, verdi...
  • Albero longevo, a crescita lenta, conosciuto dall'antichità per le proprietà alimentari dei suoi frutti: le carrube sono cibo di basso costo ma alto valore nutrizionale, molto...
  • Cresce in praterie piuttosto evolute, negli angoli più aridi dei prati da sfalcio, ai margini di boschi o delle strade, su suoli argillosi piuttosto profondi, preferibilmente al...
  • Arbusto sempreverde densamente foglioso alto 0.50-1.5 metri . Rami striati, i giovani angolosi e con breve pubescenza scura. Foglie trifogliate con foglioline ovali, superiormente...
  • Albero molto longevo che può oltrepassare i 600 anni di età, l’Olmo campestre può raggiungere l’altezza di 30 metri. Molto ramificato, con chioma piramidale o tondeggiante, fitta...
  • Arbusto spinoso alto 40-60 cm, con fusti legnosi contorti a corteccia bruno-oliva. Rami striati, pubescenti, intricati. Foglie semplici, sericee, sessili. Infiorescenze a racemo...
  • Piccolo albero (max. 10 metri) con chioma larga ed espansa, generalmente bassa. Pianta a foglia caduca , semplice, trilobata. Coloratissimo in autunno : dove è presente si scorge...
  • Albero a portamento arboreo con chioma espansa e globosa, alta, non raggiunge i 20 metri di altezza. Presenta un fusto generalmente diritto, con branche sinuose e rami giovani...