Edera Comune

edera avvinghiata ad un leccio

Frutice lianoso sempreverde, prostrato-diffuso (strisciante sul terreno) o sormentoso-rampicante (su alberi, muri e rocce, raggiungente anche i 15 m. di lunghezza) mediante radici avventizie adesive formatisi su rami sterili. Tronco e rami legnosi, raggiungenti col tempo un discreto diametro.

Extra:

L'edera è il titolo di un romanzo della scrittrice sarda Grazia Deledda, storia che si svolge in un paese della Sardegna all'inizio del XX secolo. Lo sfondo della narrazione è il decadimento tanto della nobiltà sarda quanto quello economico del posto...

Corologia:
Si trova in e uropa centrale e meridionale, Agrica settentrionale, zone temperate dell'Asia fino al Giappone, Canada, in Sardegna: Osilo, Monte Ferru, Catena del Marghine, Montagna di Ollolai, Villanova Monteleone, Montresta, Abbasanta, Aritzo, Iglesias, Santadi, Pula, S. Francesco d'Aglientu, Nulvi, Monte Limbara, Thiesi, Monte Albo, Monte Ortobene, Macomer. In genere vegeta nelle zone umide e fresche.
Fenologia:
Fiorisce tra settembre - ottobre. La fruttifcazione avviene in primavera
Habitat:
Boschi mediterranei e siepi (sugli alberi ed arbusti), muri, rupi; preferibilmente nei luoghi ombrosi (è specie mesofila, ma vive anche in luoghi caldi ed aperti)
Curiosità:
Gli usi sono diversissimi, ad esempio viene utilizzata nella medicina popolare sarda per curare tosse e raffreddori, ma anche per lenire mal di pancia e come lenitivo per curare le ustioni, oppure per conciare pelle di capretti e agnelli, o come colorante ed anche smacchiante
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Hedera helix
Nome sardo:
Edera, Edola, Edra, Ellera, Candelàlzu, Candelaru, Bedra o Breda, Brèddula, Grèddula, Candelatzu, Dreddula
Flora:

Potrebbe interessarti anche:

  • È un arbusto sempreverde , molto ramificato, con foglie sclerofilliche (cioè dure, coriacee, sempreverdi) tipico della macchia mediterranea. Spesso, in condizioni climatiche...
  • Pianta alta 15-60 cm. Fusto eretto, spesso arrossato alla base, tormentoso soprattutto nella parte superiore e foglioso sino all’infiorescenza. Foglie abbraccianti, oblungo-...
  • Cespuglio basso e ramoso con rami alti fino a 1 m, peloso-ghiandoloso. Foglie a lamina ellittica, vischiose, sessili, con superficie grinzosa; margine ondulato; presenza di peli...
  • I Muschi (si usa il plurale perchè sono migliaia le varietà raggruppate sotto questo nome comune) sono organismi vegetali che, a differenza delle altre piante, non hanno radici nè...
  • La quercia da sughero è un albero alto fino a 15 m , con chioma globosa, rada e piuttosto irregolare. Negli alberi isolati la chioma è espansa, tondeggiante e più compatta. Il...
  • L'Oleandro è un arbusto cespuglioso, molto ramificato, con rami eretti e sottili, che può assumere portamento di piccolo alberello, può superare i 5 metri di altezza. La corteccia...
  • Arbusto sempreverde, spinescente, con fusti eretti, verde-scuri, i principali dritti, rigidi e striati, quelli secondari appiattiti e simili a foglie (cladodi) di forma da...
  • Albero di 6-15 metri di altezza, con rami induriti o sub-spinosi all’apice e chioma globosa. Foglie caduche, alterne, semplici, rotonde, ellittiche, più o meno ovali o...
  • Arbusto molto ramificato alto 1-3 metri di altezza, sempreverde, di forma da rotondeggiante-espansa a piramidale, irregolare. I rami sono disposti in modo opposto, la scorza è di...
  • Il nome latino del Cedro licio può indurre in errore, infatti, phonicea non rimanda alla regione Fenicia ma al greco "φοινικεος" che significa rosso porporino , come il colore...
  • Albero a portamento arboreo con chioma espansa e globosa, alta, non raggiunge i 20 metri di altezza. Presenta un fusto generalmente diritto, con branche sinuose e rami giovani...
  • In fase giovanile ha un portamento slanciato ed elegante, nelle piante adulte si osserva una chioma sempre più espansa e maestosa; la specie può raggiungere notevoli dimensioni -...