Margherita comune

margherite prato

Nota anche come margherita dei campi, la margherita diploide è una erbacea della famiglia delle Asteraceae, comunissima nei prati della penisola italiana (meno frequente al sud) come pure in Sardegna, fino a 1200 mslm. 

Cresce spontanea nei prati, lungo le strade, nei boschi radi e nei fossi, ma anche nei campi e colture e frutteti (da alcuni è considerata specie invasiva).

Preferisce terreni calcarei o silicei, mediamente umidi, in zone soleggiate o leggermente ombrose.

Alte mediamente 30 cm, raramente superano i 100 cm. Si tratta di piante perennanti con gemme poste al livello del suolo con fusto allungato e poco foglioso.

Possono essere glabre oppure leggermente tomentose. 

La struttura dei capolini è quella tipica delle Asteraceae (o Composite): un peduncolo sorregge un involucro campanulato.

PROPRIETÀ E USI

Secondo la medicina popolare queste piante avrebbero alcune proprietà curative (non del tutto acclarate scientificamente): antispasmodiche, diuretiche, toniche e vulnerarie (rigeneranti e risananti le ferite).
In alcune regioni i germogli primaverili vengono aggiunti alle insalate, con parsimonia.

Extra:

Fiorisce da marzo a luglio (prolungabile ad ottobre).

Non va confusa con il fiore della camomilla: si tratta di un'altra erba molto simile, la camomilla comune (Matricaria chamomilla L.) che è un'altra pianta erbacea annuale, della stessa famiglia (Asteraceae) ma del genere Matricaria.  

Non va confusa con il crisantemo giallo: altra specie erbacea molto diffusa (Glebionis coronaria) dai fiori giallo-arancio con un forte odore aromatico, molto simili alle margherite e dotati di un disco centrale e foglie verde chiaro bipennate e dentate.

Somiglianze e varietà:
Un genere molto simile è Bellis. Gli esemplari più alti di Bellis perennis L. possono essere confusi con la specie di questa voce. Si distinguono comunque per l'assenza di foglie cauline e l'involucro formato da una/due serie di squame. Nell'ambito dello stesso genere le differenze sono meno marcate. Tra le specie diploidi e quelle poliploidi una certa diversità può essere riscontrata nella forma delle foglie cauline: i lobi delle foglie di Leucanthemum vulgare sono più marcati
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Leucanthemum vulgare
Nome sardo:
Sizia, Margarida, Cagarantzu
Flora:
Ordine:
Famiglia:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Nella tarda primavera le foglioline carnose di questa pianta, colorano di purpureo le fratture rocciose e le piccole rupi granitiche. Presente nativamente solo in Sardegna,...
  • Nota anche come " Mimosa a foglie strette ", è una specie invasiva, originaria dell' Australia , introdotta e diffusa in gran parte del mondo: anche con funzioni frangivento nelle...
  • Arbusto alto da 1-3 metri, molto ramificato fin dalla base con rami opposti, sottili e giunchiformi, di colore verde scuro, generalmente privi di foglie.
  • Pianta slanciata, alta 15-20 cm ., di colore verde, con fusto cilindrico , eretto, gracile. Le foglie sono due, alterne, ben distanziate tra loro, cuoriformi e appuntite; la...
  • Sottospecie endemica della Sardegna, comune ma localizzata nella Nurra (tra Capo Caccia e Torre di Bantine). Arbusto spinoso molto ramificato alto 30-60 cm. I rami sono rigidi,...
  • Piccolo albero di 5-7 metri in prevalenza arbusto, il cui nome italiano è Alaterno , oppure Ranno lanterno , Linterno , Purrolo o Ilatro. La chioma è densa e compatta, la...
  • Albero longevo, a crescita lenta, conosciuto dall'antichità per le proprietà alimentari dei suoi frutti: le carrube sono cibo di basso costo ma alto valore nutrizionale, molto...
  • Aromatica, perenne, suffruticosa, alta 30-50 cm, molto ramificata fin dal basso, con base lignificata. I fusti appena formati sono ricoperti da una peluria argentea. Presenza di...
  • Pianta erbacea , annuale o biennale, appartenente alla famiglia delle Gentianaceae . Nota anche come " cacciafebbre ". Splendide le sue fioriture, tra giugno e agosto...
  • Albero o arbusto di 2-5 metri con corteccia liscia color bruno-rossastra con vistose cicatrici trasversali, normalmente ramificato fin dalla base. Le foglie sono color verde-...
  • Cresce in praterie piuttosto evolute, negli angoli più aridi dei prati da sfalcio, ai margini di boschi o delle strade, su suoli argillosi piuttosto profondi, preferibilmente al...
  • Cespuglio basso e ramoso con rami alti fino a 60 cm, peloso-ghiandoloso. Foglie ovali a lamina ellittica, vischiose, sessili, con superficie grinzosa; margine ondulato-crenato;...