Elleboro di Corsica

Elleboro di Corsica

Helleborus è un genere appartenente alla famiglia Ranunculaceae, noto col nome comune di elleboro.

Originario dell'Europa, del Caucaso e dell'Asia Minore.

Cresce in luoghi non eccessivamente soleggiati.

Se lasciati indisturbati, con le giuste condizioni, si possono riprodurre spontaneamente.

In generale gli ellebori mal sopportano i trapianti.

La specie Helleborus foetidus è quella che meglio si adatta alle posizioni più ombreggiate.

Extra:

Specie endemica in Sardegna, Corsica e Baleari.   Cresce tra i calcari dell’Ogliastra

Pianta molto velenosa, l'elleboro è un allucinogeno, noto sin dall'antichità sia per ingestione che per uso esterno; molto difficile da dosare, se ne sconsiglia vivamente la manipolazione ai non esperti.

Habitat:
Cresce in luoghi non eccessivamente soleggiati. Se lasciati indisturbati, con le giuste condizioni, si possono riprodurre spontaneamente. In generale gli ellebori mal sopportano i trapianti. La specie Helleborus foetidus è quella che meglio si adatta alle posizioni più ombreggiate.
Etimologia:
Chiamata argutifolius per le foglie dentate.
Curiosità:
La polvere ricavata dalle radici e dai rizomi raccolti in primavera o in autunno, fatti essiccare rapidamente, ha proprietà cardiotoniche, narcotiche, emetiche e curative degli edemi; è anche un purgante drastico. Per uso esterno è noto come revulsivo in alcune malattie della pelle (Per revulsione si intende un'irritazione dei tessuti provocata terapeuticamente per aumentare l'afflusso sanguigno alla regione o per decongestionare i tessuti profondi). L'estratto fluido delle radici e rizoma dell'Helleborus viridis ha proprietà sedative e irritanti dell'intestino con effetto purgativo drastico.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Helleborus lividus, Helleborus argutifolius
Nome sardo:
Elleboru
Flora:
Famiglia:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Albero caducifolio, alto fino a 30 metri, con chioma larga ed espansa. Fusto dritto e cilindrico, molto ramificato a una cera altezza. La corteccia negli esemplari giovani è...
  • Albero o arbusto longevo di media altezza, dai rami giovani induriti e spinescenti. Tronco contorto e corteccia grigio chiara più o meno liscia. Chioma espansa. Foglie coriacee a...
  • Albero a portamento arboreo con chioma espansa e globosa, alta, non raggiunge i 20 metri di altezza. Presenta un fusto generalmente diritto, con branche sinuose e rami giovani...
  • Arbusto o alberello le cui dimensioni rimangono contenute entro i 4-5 metri, molto ramificato. La chioma è globosa, irregolare e densa. Tronco sinuoso e corteccia squamosa...
  • Detta anche margherita dei campi , la margherita diploide è un'erbacea della famiglia Asteraceae , comunissima nei prati della Sardegna, fino a 1200 m slm...
  • Albero di 6-15 metri di altezza, con rami induriti o sub-spinosi all’apice e chioma globosa. Foglie caduche, alterne, semplici, rotonde, ellittiche, più o meno ovali o...
  • Arbusto caducifoglio molto ramificato, con fusto eretto e rami sottili che formano una chioma allargata. Rami giovani pubescenti. Corteccia brunastra con sfumature biancastre...
  • Pianta erbacea perenne con foglie lunghe fino a 1 m, che partono direttamente dal terreno e disposte a rosa , composte da un asse centrale (ràchide), ricoperto da scaglie marroni...
  • Arbusto o piccolo albero alto fino a dieci metri , molto ramificato. Corteccia grigio-rossastra desquamante in linee longitudinali nei rami più vecchi; rami giovani glabri,...
  • Le sue dimensioni generalmente non superano i 10 metri di altezza , anche se sono stati osservati esemplari di 24 metri. La chioma è densa, conico-piramidale. Tronco dritto ed...
  • Arbusto spinoso alto 30-60 cm piuttosto ramificato. Rami tortuosi portanti su ciascun nodo foglie riunite in gruppi di 3-5 e 3-5 spine con aculei giallastri. Foglie semplici,...
  • Pianta erbacea perenne alta 15-80 cm, con bulbo di 2,4 cm di diametro. Il fusto eretto, cilindrico, termina con infiorescenza. Le foglie in numero di 2-4 nascono dal bulbo,...