Agrifoglio

agrifoglio, dettaglio

Le sue dimensioni generalmente non superano i 10 metri di altezza, anche se sono stati osservati esemplari di 24 metri. La chioma è densa, conico-piramidale.
Tronco dritto ed affusolato. La corteccia liscia, verde-grigiastra nelle piante giovani, grigia nelle piante adulte. Le foglie sono semplici e bifacciali, con margini dentato spinosi nelle foglie dei rami più bassi e nei giovani polloni, intere nei rami più alti. La lamina fogliare è coriacea e lucida, di colore verde brillante. Nervatura penninervia con l’asse centrale ben visibile. Fiori dioici, brevemente peduncolati, si possono trovare singolarmente o riuniti in infiorescenze cimose ascellari; i maschili hanno quattro sepali rossicci e quattro stami, i femminili con corolla bianca o rosata e con quatto petali. Il frutto è rappresentato da una piccola drupa globosa od ovale, carnosa di colore rosso-scarlatta con 2-4 semi bruni, striati di bianco.

Extra:

“Le finestre sono aperte giorno e notte; nelle sere lunari ghirlande di melodie, che vengono da luoghi lontani, accompagnano il dondolarsi dei festoni della vite nel giardino. I papaveri ardono sulla tavola e la rischiarano come lampadine giapponesi: al loro acre odore si sposa quello dei gigli e dell'agrifoglio, e la notte è imbevuta di mille profumi.”

[da La casa del poeta - capitolo “la ghirlanda dell’anno" - di Grazia Deledda]

 

Corologia:
Originario dell’Europa centro-meridionale e delle regioni atlantiche; in Italia è frequente in tutte le regioni dal piano fino a 1200-1500 metri di quota. Specie ormai rara allo stato spontaneo. In Sardegna lo si trova solo nelle aree montane. Tipo corologico: Submediterraneo-Subatlantico.
Fenologia:
Fiorisce a maggio- giugno e fruttifica a in agosto- settembre. I frutti maturi persistono sui rami fino all’inverno conferendo alla pianta un notevole effetto decorativo.
Habitat:
Predilige luoghi ombreggiati ma luminosi, con piogge abbondanti, terreni profondi, umidi e ricchi di humus; mal sopporta le variazioni climatiche accompagnate da repentini sbalzi termici. In Sardegna è presente nell’orizzonte montano della lecceta e costituisce formazioni miste con la roverella, il tasso e l’acero minore.
Forma biologica:
Mesofanerofita cespugliosa e arborea.
Curiosità:
Specie utilizzata soprattutto a scopo ornamentale. Resistente all’inquinamento atmosferico può essere utilizzato per la formazioni di siepi in città. Pianta longeva e di lento accrescimento, possiede un legno robusto ed omogeneo, facilmente levigabile, chiaro. L'agrifoglio è un arbusto benefico temuto dagli spiriti maligni, dalle streghe e gli iettatori. La tradizione cristiana vede nelle sue foglie dure e con le spine il simbolo di forza e di difesa contro i mali, e nelle sue bacche la luce di natale. In passato, alla Vigilia di Natale veniva appeso nelle case, nelle stalle, per tenere lontani i sortilegi, le malattie. I tordi ed i merli sono insensibili alla tossicità delle bacche dell'agrifoglio e ne consumano senza rischi grandi quantità.
Allegati: 
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Ilex aquifolium
Nome sardo:
Olostriu, Olostiu, Olostru
Flora:
Divisione:
Classe:
Ordine:
Famiglia:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Cresce in praterie piuttosto evolute, negli angoli più aridi dei prati da sfalcio, ai margini di boschi o delle strade, su suoli argillosi piuttosto profondi, preferibilmente al...
  • Arbusto o alberello di 5-7 metri. Corteccia grossolana, grigiastra. Rami giovani grigio-tomentosi con peli corti. Gemme rossastre, glabre o pelosette. Foglie oblungo-ellittiche...
  • Il tasso è conosciuto come albero della morte in quanto tutta la pianta, escluso l’arillo (molto appetito dagli uccelli) è molto tossica e contiene una sostanza mortale, la...
  • È una specie di rosa spontanea, arbusto latifoglie e caducifoglie, spinoso e alto tra uno e tre metri. Molto presente in siepi o cespugli ai margini del bosco . Talvolta viene...
  • Pianta erbacea perenne, foraggera appartenente alla famiglia delle leguminose , che cresce spontanea in quasi tutti i paesi del bacino del Mediterraneo. Specie spontanea nel...
  • Arbusto prostrato , caducifoglio, spinoso e assai ramoso, con corteccia grigiastra . Rami giovani pubescenti. Foglie alterne, caduche , ellittiche, spesso ovate, seghettate almeno...
  • Il nome latino può indurre in errore: phonicea non rimanda ai Fenici ma al greco "φοινικεος" che significa rosso porporino , come il colore delle sue galbule, usate per la...
  • Arbusto suffruticoso sempreverde di 1-3 m, rampicante , con internodi provvisti di pochi aculei robusti e lievemente adunchi. Foglie composte, con 3-7 foglioline lanceolato-...
  • Erbacea perenne, rustica e resistente: la fioritura da marzo a maggio decora i panorami della Sardegna. Considerata infestante dei pascoli, non è molto gradita dagli animali...
  • Arbusto alto fino a 6 metri con rami eretti e molto ramificato. Corteccia molto irregolare, grigiastra e screpolata. Rami giovani pubescenti. Foglie lineari (3-5 mm) glabre, verdi...
  • Arbusto caducifoglio alto da 1-3 metri con rami giovani verdi flessibili, eretti, scanalati. La struttura è costituita da molteplici fusti che si originano dalla base e si...
  • Arbusto alto 1-2 metri, rami inerti, corteccia che si stacca a placche. Foglie piccole (1-1,5 cm.), subrotonde, trilobo, lobato-dentate, con numerose ghiandole subsessili,...