Pettirosso

Pettirosso tra i rami in inverno (foto Cristian Mascia)

Il pettirosso è un passeriforme molto comune nell'Isola, soprattutto in prossimità di campagne e boschi, e di macchia mediterranea. Spesso si avvicina alle abitazioni in cerca di cibo: specie in inverno, frequenta i nostri giardini in cerca di briciole, bacche, frutta e insetti (anche lombrichi). 

Pesa non più di 20 grammi, apertura alare 20 cm circa; vive al massimo 4 anni: una vita che trascorre spavaldo (è noto il suo comportamento assai aggressivo e territoriale con i suoi consimili e con altre specie di piccoli uccelli), cinguettando, viaggiando (è migratore di corto raggio, viaggia per svernare).  

Il suo nido ha si presenta con la caratteristica forma di una tazza perfettamente rotonda.

Esiste una popolazione "locale" isolana che sverna a valle e popola i boschi d'estate, ma vi è anche una popolazione che migra verso il Nord Europa, spingendosi in estate sino alle grandi foreste di conifiere (taighe) che abbandona col sopraggiungere del freddo, per tornare a svernare nel bacino del Mediterraneo. 

Ed è soprattutto in inverno che si fa notare: quanto si avventura nelle campagne, negli orti, nei frutteti, e nei parchi urbani alla ricerca di cibo lasciando il bosco dove ha allevato i suoi piccoli...e diventando talmente confidente da stare a pochi metri dall’uomo, alla ricerca di qualche briciola o sperando che dall'aratura della terra si possa scorgere vermi e altri insetti di cui il pettirosso è ghiotto. 

Extra

Che sia un uccellino amato dai sardi e diffuso in Sardegna è noto, ed emerge anche dalla grande varietà di nomi in Limba Sarda per indicarlo.  Perfino un diffuso cognome sardo (Ghisu) in lingua sarda evoca il pettirosso.

Habitat:
Suo habitat prediletto sono i boschi di conifere, ma frequenta anche siepi, giardini, macchia e sottobosco. Nidifica nelle fessure degli alberi, ai piedi delle siepi, nell'edera o anche in oggetti abbandonati dall'uomo.
Status di conservazione:
Specie in buono stato di conservazione, occasionalmente disturbata da bracconaggio ed altri episodi di mancato rispetto della Natura.
Curiosità:
Appartiene alla famiglia dei Muscicapidae (comunemente chiamati "uccelli pigliamosche del Vecchio Mondo", con aspetto molto vario, ma tutti ottimi uccelli canori, di dimensioni medio-piccole). In passato era classificato come appartenente alla famiglia dei Turdidae. È l'unica specie nota del genere Erithacus. La sottospecie Erithacus Rubecula Rubecula (o Rebecula sardus) non è più
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Erithacus rubecula
Nome sardo:
ghisu, grisu,kirisi, kilisu, grisottu, princiotta, piciuruss, barbarrubia, grisotti, fra gavinu, fra baìnzu, traddèra, ghisettu, tziddì, tzikkì, printzi, pittirùggiu, pettorrirùiu, princiòttu, groddho, iscàrgiu orrùbiu, grisu, scràxiu arrùbiu
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 36-40 millimetri. Ha le ali arancioni striate di marron scuro, con un ocello nero su quelle superiori e due...
  • Si tratta della più piccola specie del genere Aquila della regione Paleartica Occidentale. La sua presenza in Sardegna è occasionale .
    In volo appare compatta, con ali larghe e squadrate, coda corta, testa sporgente. Apertura alare di 134-159 cm. Sessi simili. La colorazione complessiva è bruno-marron. La testa,...
  • Uccello inconfondibile, dalla livrea particolarmente colorata, lungo 27 cm. La testa e la parte iniziale del dorso sono castane, per poi sfumare nei colori rosso, giallo e...
  • Le abitudini coprofaghe del capovaccaio gli hanno attribuito i nomignoli spagnoli di churretero e moñiguero , vale a dire «mangiatore di sterco». I naturalisti britannici dell'...
  • È una farfalla di piccole-medie dimensioni, raggiunge un’apertura alare di 34-44 millimetri. Ha le ali di color marrone, punteggiate da macchie giallo-arancioni. Le ali anteriori...
  • Le dimensioni del carapace possono raggiungere i 25 cm nelle femmine; il carapace è convesso, di colore brunastro o giallastro, con occasionale pigmentazione scura. Ai lati della...
  • Di dimensioni minori del Cormorano, con una lunghezza di circa 75 cm, il collo più sottile e più corto, il becco più piccolo e la testa più sottile. Il corpo si presenta di un...
  • Specie inconfondibile, lunga 1,30 m, con un’apertura alare di circa 140 cm. ed un peso variabile tra i 2 ed i 4 kg. Un trampoliere rosato con collo e zampe lunghissimi e il becco...
  • La Gallinella d’acqua è un uccello massiccio di dimensioni medie, con un piumaggio bruno – nerastro e una larga e irregolare striscia bianca sui fianchi, sottocoda bianco con...
  • E’ il più piccolo dei Myotis europei. La specie ha il labbro superiore molto peloso, il muso appuntito, l’orecchio più lungo che largo, il trago sviluppato per più di ¾ dell’...
  • E’ una specie tozza col collo grosso, con una lunghezza di 45 cm, un’apertura alare di 80-92 cm e un peso di 175-370 g. Sessi simili. La colorazione del piumaggio è fulvo chiaro...
  • Uccello inconfondibile slanciato lungo circa 37 cm. Zampe lunghe rosse, collo e becco altrettanto lunghi. Il piumaggio della coda e del petto sono bianche in netto contrasto con...