Cardellino sardo

Cardellino in primo piano di lato (foto C.Mascia)

Si tratta della sottospecie endemica di Sardegna e Corsica.

Splendido passeriforme, dalla colorazione vivace, il caratteristico cinguettio melodioso e di piccole dimensioni (lunghezza max 14cm, apertura alare 25 cm).
Rispetto alla specie principale, il nostro endemismo presenta dimensioni leggermente inferiori a quelle nominali, un becco più sottile e colori più accesi nel piumaggio e nella maschera facciale (rossastra).

Si nutre principalmente di semini di finocchio e soprattutto di cardo selvatico (da cui il nome "cardellino", uccellino del cardo) specialmente in autunno-inverno, mentre nel periodo primaverile-estivo non disdegna piccoli insetti.

Frequenta le  campagne, vive nelle radure e nella gariga ed ama le praterie ai margini del bosco, di cui utilizza i rami degli alberi anche come supporto per il nido, in alternativa ai cespugli di piccoli arbusti.

Extra

Un traffico illecito di cardellini - diffuso soprattutto nel meridione d'Italia - è sotto l'attenzione dei Carabinieri e del loro servizio CiTeS perchè la sotto-specie sarda è molto ricercata dai bracconieri, che alimentano il mercato illegale di avifauna viva prelevata indiscriminatamente nel suo habitat contro le leggi e la decenza, per venderli come animali da compagnia.    Il depauperamento delle garige e dalle praterie ai margini dei boschi, ad opera dei bracconieri, è un'attività spesso alla ribalta della cronaca, grazie alle indagini dei Carabinieri che hanno scoperto l’esistenza di una rete di rifornimento dell’uccellagione (varie specie) verso il territorio campano e il Nord Italia. In alcuni casi, le indagini a livello nazionale hanno quantificato il prelievo illegale in oltre diecimila esemplari ogni anno, con un giro di affari del traffico illecito di avifauna selvatica quantificabile in oltre mezzo milione di euro all'anno.

Identificazione:
È un passeriforme piuttosto comune, dall'aspetto inconfondibile: testa bianca nei lati e nera all'apice; viso con chiazze rosso sangue, e mascherina nera intorno agli occhi; becco conico, corto appuntito, bianco-rosato; piumaggio superiore marrone-grigiastro mentre le parti inferiori sono bianche; caratteristiche le ali grandi con apice arrotondato e nere con larga banda gialla e le con apice bianco; coda piuttosto corta, nera con macchie bianche. Le dimensioni variano da 12 a 14 cm per massimo 25 cm di apertura alare. Durante l'inverno le parti rossastre della testa risultano più vivaci ed evidenti con le parti bianche di coda e ali. I giovani sono grigi brunastri con macchie e privi della parte rossa sul viso. Il volo del cardellino è aggraziato e ondulatorio.
Riproduzione:
La stagione riproduttiva va da aprile a fine agosto: durante questo periodo, vengono portate avanti due o tre covate, in funzione della disponibilità di cibo. Si tratta di uccelli monogami: le coppie si formano precocemente alla fine dell'inverno, e vivranno a stretto contatto fino all'autunno. Il nido ha la forma di una coppa e viene costruito in circa una settimana dalla sola femmina, raramente aiutata dal maschio che reperisce parte del materiale da costruzione, che viene posizionato tipicamente sulla biforcazione finale del ramo di un albero (spesso una conifera) intrecciando rametti e licheni o altre fibre vegetali.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Carduelis carduelis L. (subsp. tschusii Arrigoni)
Nome sardo:
Gardulìna, galdeglìna, gardanèra, cordonèra, cadrallìu, cardellina, cadranera
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Uccello di grossa taglia, dal becco lungo e sottile, incurvato verso l’alto. Zampe palmate slanciate grigio-plumbeo. Il piumaggio è caratterizzato da contrasti bianchi e neri...
  • Felino carnivoro, presente solo nelle zone interne e montuose, nei boschi dell'Isola. Difficilissimo riuscire a vederlo, quasi impossibile fotografarlo: specie elusiva per...
    Molto più robusto e forte rispetto ai gatti domestici (lunghezza testa-corpo: fino a 70 cm). Ha una caratteristica coda, lunga circa metà del corpo, che termina di netto come se...
  • L' Apis mellifera è diffusa in tutti i continenti ad esclusione delle zone polari. Apprezziamo il suo delizioso miele , ma questo impollinatore produce servizi ecosistemici ben...
    L’ape è un insetto caratterizzato da un corpo articolato in tre parti: capo, torace e addome; ha uno esoscheletro protettivo, possiede 6 zampe attaccate al torace e presenta...
  • È una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di circa 32-37 millimetri. L’ala è di colore bianco, con l’apice anteriore macchiato di scuro superiormente e di verde...
  • Piccolo e tarchiato, colorazione più chiara superiormente, zampe e becco nerastri, presenza di macchie scure ai lati superiori del petto. Complessivamente il piumaggio ha una...
  • Si tratta della più piccola specie del genere Aquila della regione Paleartica Occidentale. La sua presenza in Sardegna è occasionale .
    In volo appare compatta, con ali larghe e squadrate, coda corta, testa sporgente. Apertura alare di 134-159 cm. Sessi simili. La colorazione complessiva è bruno-marron. La testa,...
  • L’upupa è un uccello inconfondibile per via del suo splendido piumaggio colorato e per la cresta molto appariscente, che spesso resta bassa sulla testa ma che in alcuni momenti...
    L'upupa è un uccello caratterizzato dal piumaggio piuttosto vistoso, con colori vivaci osservabili soprattutto durante il volo. Possiede un lungo becco sottile e leggermente...
  • È una grande ape solitaria lunga fino a 3 centimetri. Il suo corpo è interamente nero e peloso, con riflessi violacei soprattutto sulle ali. È dotata di un robusto pungiglione.
  • Si tratta di un serpente della famiglia dei Colubridi , frequente incontrarlo nelle campagne e nei giardini, sia in terreni rocciosi, secchi e soleggiati, sia in luoghi più umidi...
    Si tratta di una specie di medie dimensioni che solitamente non raggiunge i 150 cm di lunghezza, con il corpo slanciato, capo ovoidale e ben distinto dal corpo, occhi grandi con...
  • Il Merlo è un uccello abbastanza noto, con i suoi 25 cm di lunghezza, peso gr 80-100 e un’apertura alare di 30-40 cm. Il piumaggio del maschio è nero lucente con becco e rima...
  • La popolazione nidificante italiana si è estinta dopo la metà del XX secolo (specie in Sardegna, dove si contavano - all’inizio del 1900 - qualche decina di coppie, insediate...
    Apertura alare 200-240 cm. E’ una grande aquila tozza e pesante. Ali molto grandi, larghe e rettangolari. La grossa testa che sporge notevolmente dal corpo rappresenta un...
  • Questa formica, che misura 4-6 millimetri, ha la testa di colore rosso cupo e il resto del corpo nero. Le antenne sono a forma di “L” e clavate. La regina ha le stesse...