Cardellino sardo

Cardellino in primo piano di lato (foto C.Mascia)

Si tratta della sottospecie endemica di Sardegna e Corsica.

Splendido passeriforme, dalla colorazione vivace, il caratteristico cinguettio melodioso e di piccole dimensioni (lunghezza max 14cm, apertura alare 25 cm).
Rispetto alla specie principale, il nostro endemismo presenta dimensioni leggermente inferiori a quelle nominali, un becco più sottile e colori più accesi nel piumaggio e nella maschera facciale (rossastra).

Si nutre principalmente di semini di finocchio e soprattutto di cardo selvatico (da cui il nome "cardellino", uccellino del cardo) specialmente in autunno-inverno, mentre nel periodo primaverile-estivo non disdegna piccoli insetti.

Frequenta le  campagne, vive nelle radure e nella gariga ed ama le praterie ai margini del bosco, di cui utilizza i rami degli alberi anche come supporto per il nido, in alternativa ai cespugli di piccoli arbusti.

Extra

Un traffico illecito di cardellini - diffuso soprattutto nel meridione d'Italia - è sotto l'attenzione dei Carabinieri e del loro servizio CiTeS perchè la sotto-specie sarda è molto ricercata dai bracconieri, che alimentano il mercato illegale di avifauna viva prelevata indiscriminatamente nel suo habitat contro le leggi e la decenza, per venderli come animali da compagnia.    Il depauperamento delle garige e dalle praterie ai margini dei boschi, ad opera dei bracconieri, è un'attività spesso alla ribalta della cronaca, grazie alle indagini dei Carabinieri che hanno scoperto l’esistenza di una rete di rifornimento dell’uccellagione (varie specie) verso il territorio campano e il Nord Italia. In alcuni casi, le indagini a livello nazionale hanno quantificato il prelievo illegale in oltre diecimila esemplari ogni anno, con un giro di affari del traffico illecito di avifauna selvatica quantificabile in oltre mezzo milione di euro all'anno.

Identificazione:
È un passeriforme piuttosto comune, dall'aspetto inconfondibile: testa bianca nei lati e nera all'apice; viso con chiazze rosso sangue, e mascherina nera intorno agli occhi; becco conico, corto appuntito, bianco-rosato; piumaggio superiore marrone-grigiastro mentre le parti inferiori sono bianche; caratteristiche le ali grandi con apice arrotondato e nere con larga banda gialla e le con apice bianco; coda piuttosto corta, nera con macchie bianche. Le dimensioni variano da 12 a 14 cm per massimo 25 cm di apertura alare. Durante l'inverno le parti rossastre della testa risultano più vivaci ed evidenti con le parti bianche di coda e ali. I giovani sono grigi brunastri con macchie e privi della parte rossa sul viso. Il volo del cardellino è aggraziato e ondulatorio.
Riproduzione:
La stagione riproduttiva va da aprile a fine agosto: durante questo periodo, vengono portate avanti due o tre covate, in funzione della disponibilità di cibo. Si tratta di uccelli monogami: le coppie si formano precocemente alla fine dell'inverno, e vivranno a stretto contatto fino all'autunno. Il nido ha la forma di una coppa e viene costruito in circa una settimana dalla sola femmina, raramente aiutata dal maschio che reperisce parte del materiale da costruzione, che viene posizionato tipicamente sulla biforcazione finale del ramo di un albero (spesso una conifera) intrecciando rametti e licheni o altre fibre vegetali.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Carduelis carduelis L. (subsp. tschusii Arrigoni)
Nome sardo:
Gardulìna, galdeglìna, gardanèra, cordonèra, cadrallìu, cardellina, cadranera
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • I Mutillidi sono una famiglia di imenotteri vespoidei . Vengono comunemente chiamati "formiche" di velluto per il corpo ricoperto di peluria e l'aspetto che ricorda una formica...
    Il corpo è lungo 10-16 millimetri e ha aspetto vellutato. La testa, il torace e le zampe sono di colore rosso brillante, l’addome è nero e presenta cinque macchie bianche. I...
  • Il corpo è stretto e allungato, e misura 13-17 millimetri. Le zampe anteriori sono adattate alla cattura delle prede. Le altre 4 zampe, molto lunghe, sono utilizzate per scivolare...
  • Si tratta di un piccolo sauro appartenente alla stessa famiglia del Gongilo Sardo ( Scincidi ). Questa specie è presente in gran parte del bacino occidentale del Mediterraneo...
    Come tutti gli Scincidi, la specie ha il corpo allungato e serpentiforme; può raggiungere e superare i 40 cm di lunghezza, ma generalmente si riscontrano dimensioni inferiori, la...
  • Il cuculo dal ciuffo ha una lunghezza di poco inferiore ai 40 cm . Si riconosce per la cresta o ciuffo , la coda piuttosto lunga di colore grigio scura e le parti superiori brune...
    Il cuculo dal ciuffo ha una lunghezza di poco inferiore ai 40 cm. Si riconosce per la cresta o ciuffo, la coda piuttosto lunga di colore grigio scura e le parti superiori brune e...
  • Airone di piccole dimensioni e piumaggio prevalentemente bianco, confuso spesso con la Garzetta da cui differisce per il collo più grosso e l’aspetto più tozzo.. Sessi simili. Il...
  • Dimensioni simili all’Airone rosso (80 – 90 cm), di colore bianco niveo su tutto il piumaggio e leggere sfumature fulve sul petto negli esemplari adulti e durante il periodo...
  • Immediatamente riconoscibile per avere le estremità con dita ben visibili e tra loro unite da una membrana natatoria; il carapace ha contorno ovale, liscio e leggermente convesso...
  • Frequenta ambienti a prevalente vegetazione erbacea .
    Apertura alare 100-121 cm. Ali ampie con punta arrotondata. Corpo massiccio e panciuto, testa grossa, coda stretta e lunga ad apice arrotondato. La silhouette delle femmine è...
  • L’adulto può raggiungere circa 6 centimetri di apertura alare. Le ali sono bianche. Quelle anteriori hanno le estremità nere e, nelle femmine, hanno due macchie nere per ala.
  • Si tratta di uno dei maggiori rapaci italiani, sempre più presente anche in Sardegna: capita nell'Isola regolarmente durante i passi migratori primaverili (febbraio-aprile) e...
    Lungo circa 65 cm con un’apertura alare di 185-195 cm. La coda chiusa risulta stretta e quadrata. Sessi simili. Esistono diverse forme per quanto riguarda la colorazione: in...
  • L’ astore sardo è una specie classificata in pericolo (EN) dalla IUCN, così come l’aquila del Bonelli ( Aquila fasciata ). Più piccolo rispetto alla specie nominale ( Accipiter...
    L’astore è uno dei più eleganti rapaci europei, lungo 48-60cm, con un’apertura alare di 86-120 cm e un peso di 500-1100 g. La femmina è più grande del maschio. La colorazione è...
  • Le sue caratteristiche fisiche lo fanno somigliare ad un ramoscello. Ha antenne corte, zampe lunghe, ed è privo di ali e di spine. Il colore va dal verde chiaro della fase...