Aquila minore

Aquila minore ferita, ricoverata nel Centro Fauna di Bonassai

Piccola aquila di dimensioni simili a quelle della Poiana, ma con ali più lunghe e più strette.
Il volo attivo è caratterizzato da 4-5 battiti rapidi, elastici e profondi.

 

Origine zoogeografica:
Eurocentroasiatico-mediterranea.
Areale di distribuzione:
Si riproduce nell’Africa settentrionale, nell’Europa Occidentale (penisola Iberica) ed Orientale. Nell’Europa Centrale, seppur con un areale molto frammentato, è presente solo in Francia. In Italia fino agli anni ’70 la sua presenza durante la migrazione era considerata rara ed occasionale, negli ultimi anni si è assistito ad un aumento del numero delle osservazioni.
Identificazione:
La coda è lunga e squadrata. Testa e collo non particolarmente sporgenti. Femmina leggermente più grande del maschio. Apertura alare di 110-130 cm. Sessi simili. Due fasi di piumaggio: una chiara ed una scura. Durante la fase chiara il piumaggio mostra una colorazione nelle parti superiori bruno-scure con un’ampia fascia chiara sulle copritrici alari, in contrasto con le remiganti secondarie nere. Dorso e groppone marron scuro. Coda scura con copritrici superiori biancastre. Inferiormente colorazione bianca con leggere striature scure sull’alto petto e basso collo, macchia scura all’altezza dell’occhio. Le remiganti sono nere fatto salvo le primarie più interne che risultano leggermente più chiare. Coda bianco-grigiastra con parte terminale più scura. Nella fase scura la colorazione superiormente è simile a quella degli individui in fase chiara con le zone pallide leggermente più brune. Le parti inferiori appaiono invece uniformemente scure con corpo e copritrici alari bruno-marron e remiganti nerastre come nella fase chiara. La coda è grigio scuro. Iride giallo scura o rosso bruna, becco grigio con cera gialla. Zampe gialle, tarsi calzati. I giovani sono simili all’adulto.
Habitat:
Frequente aree boscate alternate a macchia ed ambienti aperti. Si nutre di uccelli di piccole e medie dimensioni, piccoli mammiferi, rettili, occasionalmente insetti.
Fattori di minaccia:
Distruzione e alterazione dell’habitat.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna All.II; DIR. CEE 409/79, All. I; L.R. 23/98.
Condividi:

Potrebbe interessarti anche:

  • Il Quercino non è una specie strettamente arboricola e frequenta tutti gli ecosistemi forestali : spesso tra la bassa vegetazione, in macchie e garighe, ma anche negli ambienti...
    Si tratta di un animale di piccole dimensioni, con occhi e orecchie grandi, mascherina nera facciale che parte dai baffi e arriva dietro le orecchie, passando sugli occhi. Le...
  • Sessi simili con il maschio leggermente più grande della femmina. Le sue dimensioni si attestano intorno ai 45 cm di lunghezza con un’apertura alare si circa 80-92 cm. Piumaggio...
  • È una grande ape solitaria lunga fino a 3 centimetri. Il suo corpo è interamente nero e peloso, con riflessi violacei soprattutto sulle ali. È dotata di un robusto pungiglione.
  • E’ una specie molto comune distinguendosi dagli altri Pipistrellus sardi per avere il premolare superiore anteriore piccolo, il margine alare mal definito e chiaro. Lunghezza...
  • La Natrix maura è un serpente della famiglia Natricidae (detto anche natrice viperina ) per la sua somiglianza alla vipera, benché non sia velenosa. Si presenta con un corpo...
    Si presenta con un corpo massiccio, e tuttavia gli adulti non superano il metro di lunghezza. Nella zona dorsale è ricoperto da 21 squame disposte a formare un cromatismo...
  • Rispetto alla specie nominale, il cinghiale sardo è più piccolo, ha una lunghezza totale di 100 - 120 cm e raggiunge un peso massimo di 70 -80 kg. nei maschi adulti. Ha una...
  • S'Abilastru , così è chiamata in sardo, era una specie ormai scomparsa dal nostro territorio: verrà reintrodotta con un nuovo progetto LIFE nel Parco Naturale Regionale di...
    Sessi simili. Lunga 65-70 cm, con apertura alare di 150-160 cm, e peso medio di 2 kg. Le parti superiori sono bruno scuro, in contrasto con quelle inferiori più chiare, con una...
  • Specie di medie dimensioni. Ha il becco appuntito e ricurvo, color rosso giallastro. Le ali sono lunghe. Il piumaggio, identico nei due sessi, presenta diverse sfumature di grigio...
  • E’ il più piccolo dei Myotis europei. La specie ha il labbro superiore molto peloso, il muso appuntito, l’orecchio più lungo che largo, il trago sviluppato per più di ¾ dell’...
  • Da alcuni autori riconosciuta come sottospecie (Cara, 1872 e più recentemente Mertens): è possibile che si tratti di una varietà Sardo-Corsa della più diffusa Podarcis sicula ,...
    Le parti inferiori sono biancastre o con sfumature verdastre e manca spesso la punteggiatura scura, mentre superiormente la colorazione diventa verde, giallastra, marrone chiaro...
  • Il Gabbiano reale mediterraneo è il gabbiano più comune, nel complesso simile al L. argentatus e al L. cachinnans. Differisce dal Laurus argentatus per le dimensioni maggiori,...
  • L’adulto è lungo tra i 25 e i 40 millimetri con una vistosa ed elegante livrea. Il capo, il torace, le regioni ventrali e le zampe sono scuri con riflessi tendenti al blu e al...