Foresta Sorberine

Talana, vegetaazione e ginestre lungo il sentiero B-531

Storia della Foresta demaniale

Nel territorio di Talana la superficie di proprietà Demaniale gestita dall'Agenzia Forestas e di 8898 ettari. Questi terreni demaniali furono ceduti all’Azienda Foreste demaniali della Regione Sarda dall’E.R.S.A.T. la quale a sua volta ebbe queste superfici dall’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e poi pervenuti all’Ente Foreste della Sardegna (dal 2016 divenuta Agenzia forestale regionale, Fo.Re.S.T.A.S.).   L’Ispettorato forestale operò in quest’ambito fini alla fine degli anni Sessanta quando il cantiere forestale fu chiuso dopo un gravissimo incendio che incenerì la montagna sovrastante di Monte Olinie distruggendo centinaia di ettari di rimboschimento. L’Ispettorato gestiva queste superfici in occupazione temporanea tramite la 3267/23, poi in concessione trentennale all’Ente Foreste.

Descrizione generale

Adiacente al corpo demaniale sono i terreni comunali concessi per l’imboschimento, con lo scopo di recuperare dei terreni forestali abbandonati e in forte degrado perché continuamente percorsi da incendi o eccessivamente pascolati, ma anche terreni ricoperti da vegetazione sia a macchia mediterranea nelle varie fasi di sviluppo che di boschi di leccio.  La funzione principale dei soprassuoli di conifere di natura artificiale è la copertura del suolo: senza subentrerebbero fenomeni di erosione idrica e di dilavamento degli elementi nutritivi. Queste conseguenze, e quelle successive agli incendi ed al pascolamento, hanno alterato i delicati equilibri naturali originari, per cui oggi antiche foreste di Leccio non esistono più. Si tratta di un soprassuolo artificiale di conifere di circa quarant’anni ubicato in area molto scoscesa, impiantato alla fine degli anni sessanta del secolo scorso dall’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste. L’impianto è stato effettuato su gradoni realizzati con lavorazioni manuali a mano. Il sesto è circa 3x3. Il soprassuolo di pini è costituito principalmente da Pinus pinea

Il Presidio Forestale Monte Genziana si sviluppa su 2.898 ettari di cui 2000 in concessione comunale trentennale ed 898 demaniale, tutti in territorio del comune di Talana. All'interno di questa unità gestionale si trova, quale corpo staccato, nei pressi del centro abitato, la foresta demaniale di Sorberine.

Come si raggiunge:
Il punto di partenza del sentiero B-351, direzione da monte a valle, è raggiungibile dalla strada comunale di Talana che dal centro abitato porta sul monte Olinie, prima asfaltata e poi sterrata, facilmente percorribile anche con mezzi non fuoristrada. Questo sentiero attraversa luoghi di particolare interesse naturalistico come i canyon e le cascate, i boschi di leccio e le formazioni di ginestra e ha una visuale panoramica dalla Vedetta di Olinie punto d’arrivo di questo itinerario. Da essa si può infatti scorgere un ampio tratto della costa ogliastrina e dell’Ogliastra montana. Il principale uso del suolo è quello forestale e pastorale con copertura arborea e arbustiva prevalente.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • La foresta di Terranova, demaniale a partire dal 1965 con l’acquisizione dei terreni di proprietà comunali utilizzati in passato dalla popolazione locale ad usi civici. Ricade...
  • Un'isola chiamata Herculis Insulae nell'età romana, Asenara nel basso medioevo e Sinnara o Sinuaria è il nome che compare nelle carte rinascimentali. Un isolamento durato oltre un...
  • Non è raro in questa foresta incontrare l’aquila reale, il falco pellegrino, il gheppio, il corvo imperiale e le beccacce. Al confine con il complesso forestale di Monte Nieddu ,...
  • Sugherete e macchia mediterranea caratterizzano questo cantiere attraversato dall'omonimo fiume.
  • Questa foresta è in gran parte coperta da macchia mediterranea, boschi di ceduo di leccio e giovani rimboschimenti; l'altimetria varia dai 450 ai 1300 metri. E' molto frequentata...
  • La foresta di Uatzo si trova nel territorio dei comuni di Tonara, Belvì e Sorgono. L’area è composta in massima parte da boschi di lecci, sugheri, castagni e da larghe aree di...
  • La Foresta, ricca di numerose specie faunistiche e molteplici specie endemiche che ne compongono la flora, è un'importante meta di turisti e di studiosi ed è visitabile seguendo...
  • Foresta storica del demanio ed oggi una delle più estese, Montimannu offre al visitatore paesaggi mozzafiato, straordinari monumenti naturali, siti di archeologia nuragica ed...
  • Il compendio forestale Girgini è localizzato nel massiccio del Gennargentu . Nel perimetro sono presenti un vivaio volante ed otto aree attrezzate ad uso ricreativo, oltre ad una...
  • Il cantiere Coghinas presenta una formazione forestale di elevato interesse naturalistico rappresentata da macchia evoluta, a prevalenza di corbezzolo e da lecci.
  • Il substrato geolitologico della UGB Sa Pruna è costituito da roccia calcarea, da dolomie del mesozoico e da graniti ercinici. La vegetazione è quella tipica del climax delle...
  • Il compendio forestale “Santa Maria” , situato nel comune di Bosa , cartograficamente ricade nei fogli IGM 479 sez. I – II – III - IV. La superficie è di proprietà dell’ Istituto...