Il progetto Life streams favorisce migrazione e conservazione della trota mediterranea

23 Maggio 2022
trota (foto LIFE STREAMS, UniPG)

Anche i pesci migrano, alcuni più degli altri

Per molte specie, la migrazione è un’esperienza necessaria alla sopravvivenza. Ne sono esempio i salmoni, che percorrono migliaia di chilometri per riprodursi, le anguille che dagli oceani viaggiano fino ai fiumi per completare il loro ciclo divita, o, ancora, le trote, che trascorrono la loro vita adulta nelle valli dei fiumi, ma migrano a monte per deporre le uova.  

Eppure, diverse azioni antropiche rendono le migrazioni sempre più complicate.

La Giornata Mondiale della Migrazione dei Pesci

Nata per sensibilizzare sull’importanza dei fiumi e dei pesci che vi migrano, si  è celebrata quest’anno il 21 maggio, coordinata dalla World Fish Migration Foundation.  Ma al di là delle celebrazioni devono essere tenuti in considerazione ogni giorno gli ostacoli  alle migrazioni delle trote mediterranee, specie a rischio di estinzione in Italia.
Spesso i limiti alle migrazioni dei pesci hanno origini antropiche. La frammentazione dei corsi d’acqua, o la costruzione di dighe artificiali, deviano il corso naturale dei fiumi e danneggiano l’ecosistema” - ha detto  Massimo Lorenzoni, docente di Ecologia delle acque interne all’Università di Perugia - “l’azione dell’uomo, unita alle alterazioni da cambiamenti climatici, come il surriscaldamento di alcune aree, altera profondamente gli habitat naturali di molte specie, mettendole a rischio. La trota mediterranea, per esempio, che già rischia la propria identità genetica perché completamente sostituita o parzialmente ibridata con le trote aliene introdotte dall’uomo, può incontrare ostacoli fisici che bloccano la sua migrazione da valle a monte. Un percorso necessario per riprodursi e deporre le uova”.  Per porre rimedio alle alterazioni dell’habitat e ridurre il rischio d’estinzione della specie, il progetto Life Streams è impegnato nel ripristino dell’ecosistema fluviale di molti territori italiani e nella reintroduzione della trota mediterranea nei bacini idonei. “Abbiamo mappato tutto il territorio coinvolto nel progetto, identificando sia barriere fisiche, come dighe o salti di cemento, che idrologiche, come ad esempio siti in cui viene prelevata l’acqua” – continua Lorenzoni. “Se i prelievi sono eccessivi, infatti, danneggiano la fauna ittica e ostacolano gli spostamenti. In seguito, abbiamo individuato le popolazioni autoctone di trota mediterranea in alcuni tratti di fiume e quelle aliene".

Il progetto Life STREAMS

Oggi, il territorio italiano conta solo qualche migliaio di individui di trota mediterranea nativa, per lo più presenti in modo frammentato o isolato in piccoli bacini idrici di montagna. Uno stato di conservazione definito sfavorevole, e “a rischio critico di estinzione”.
In molte zone d’Italia, infatti,le popolazioni di trota nativa sono considerate estinte e quasi completamente sostituite da popolazioni alloctone, spesso di origine atlantica. Le azioni di ripristino delle popolazioni autoctone promosse dal progetto Life Streams potrebbero rivelarsi quindi fondamentali per il destino di questa specie.  Il progetto Life Streams mira al recupero e alla conservazione delle popolazioni di trota nativa mediterranea (Salmo cettii), salmonide endemico dell'area mediterranea protetto dalla direttiva Habitat. Il progetto è cofinanziato dalla Commissione Europea tramite il Programma LIFE e vede tra i partner il Parco Nazionaledella Majella (capofila), l'Agenzia FoReSTAS, ISPRA, Legambiente Onlus, Noesis snc, l'Ente Parco di Montemarcello-MagraVara, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, il Parco Nazionale del Pollino, l'Università degli Studi di Perugia.

Condividi:
Approfondimenti

Galleria immagini

Video: 

Notizie ed eventi

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...

24 Aprile 2024

Come disposto dalla DGR n° 10/71 del 23.04.2024 , la Regione ha pubblicato l’Avviso pubblico per l’acquisizione di manifestazioni di interesse per...

11 Aprile 2024

Passi importanti nel bacino del Basso Flumendosa : Forestas ha posto in pre-accatastamento i tre nuovi percorsi tra Orroli e Nurri.

La RES cresce e raggiunge la parte centro-meridionale del Sarcidano-Barbagia di Seulo, un...

16 Aprile 2024
I GIORNI DEL GRIFONE NEL SUD SARDEGNA SONO ARRIVATI !

Nei giorni scorsi, sono finalmente iniziate le operazioni per il rilascio dei primi quindici grifoni nel sud Sardegna, a partire dalla base operativa presso il cantiere...

10 Aprile 2024

ANARF nel proprio sito ha reso pubblica la (proposta di) Carta dei Principi per la gestione sostenibile delle Foreste Demaniali che verrà discussa nel convegno del 12 Aprile 2024 organizzato a Roma in...

30 Marzo 2024

Altri 21 grifoni sono sbarcati nei giorni scorsi a Porto Torres provenienti dalla Spagna per diventare protagonisti del progetto LIFE Safe for Vultures , che mira ad assicurare la presenza e il benessere a lungo termine della...