A fine luglio prenderanno il volo a Tepilora le sei aquile arrivate da Sicilia e Spagna

01 Luglio 2021
La voliera di pre-ambientamento gestita da Forestas a Tepilora

Dopo il loro recente trasferimento in Sardegna, sei aquile del Bonelli (due femmine e quattro maschi) nate nello stesso anno (2021) si trovano attualmente nella voliera di pre-ambientamento in sito protetto da Forestas, presso il Parco regionale di Tepilora.

È questo il luogo in cui questi preziosi rapaci saranno definitivamente liberati alla fine di luglio nell'ambito del progetto Aquila A-Life con il coordinamento italiano di ISPRA e la collaborazione del Grefa (Spagna).

Come sta andando?

La notizia relativa alla morte di alcune Aquile di Bonelli rilasciate in Sardegna dal 2018, ha suscitato un largo interesse: i ricercatori ISPRA hanno dato alcune spiegazioni, che qui riassumiamo:

  1. Gran parte delle aquile non sopravvissute dopo la liberazione erano in dispersione post-natale; durante questa fase, molti degli animali liberati hanno sorvolato tutta la Sardegna, piccole isole incluse, mostrando una grande capacità di adattamento e di orientamento, essendo tornate in diversi casi nelle aree “favorite” anche dopo esplorazioni di lungo raggio (ad esempio, una visita in Corsica); in questa fase della loro vita, ogni linea elettrica rappresenta un pericolo, se non è in sicurezza.
  2. Le folgorazioni da linea elettrica hanno riguardato 5 individui su 20 liberati e sono avvenute fra un minimo di 49 km ed un massimo di 133 km (in linea d’aria) dal sito di rilascio. Gli incidenti sono avvenuti da un minimo di tre a un massimo di 20 mesi dal giorno del rilascio. Non si tratta quindi di un fenomeno che interessa giovani inesperti subito dopo la liberazione, ma di un fenomeno imprevedibile (le aree di folgorazione sono state sempre diverse) benché tutti gli animali siano stati liberati nel medesimo sito e abbiano esplorato l’intera isola e spesso le stesse zone da un anno all’altro.
  3. Il rischio di elettrocuzione è stato attentamente valutato nella fase preparatoria della reintroduzione in Sardegna e rappresenta una delle azioni prioritarie del progetto LIFE, che è dedicato espressamente non solo al rafforzamento della popolazione dell’Aquila di Bonelli nel Mediterraneo occidentale, ma proprio alla messa in sicurezza delle linee elettriche per evitare l'elettrocuzione;    
    [ SUL TEMA DELLE ELETTROCUZIONI, LEGGERE ANCHE IL NOSTRO APPROFONDIMENTO: Linee Elettriche e avifauna: convivenza possibile? ]
  4. Dall’inizio del progetto, grazie alla disponibilità e all’interesse di e-distribuzione, sono stati messi in sicurezza 14 sostegni fra tre e cinque km dal sito di rilascio delle aquile, inclusi due sezionatori ad aria, sostegni particolarmente pericolosi.   La Sardegna è, fra le regioni italiane, quella meno elettrificata, soprattutto meno della Sicilia, dove è presente l’unica popolazione vitale di Aquila di Bonelli in Italia, attualmente in forte incremento. L’incidenza della mortalità da elettrocuzione in Sicilia (circa 50 coppie territoriali, monitorate costantemente grazie al Progetto Life Conrasi, è la più bassa tra quelle riscontrate nel Mediterraneo occidentale. Non ci sono ancora spiegazioni per questo risultato, che lascia tuttavia supporre che la Sardegna abbia ottime potenzialità e che sia estremamente favorevole per questa specie. 
  5. I risultati ad oggi ottenuti del progetto Aquila a-Life in Sardegna, per i dati disponibili, mostrano che la sopravvivenza post rilascio (50% circa) è in linea con quanto emerso dal precedente Life Bonelli, realizzato in Spagna e ora concluso. L’esperienza acquisita nel precedente LIFE ha permesso di avviare rapidamente e con grande consapevolezza la reintroduzione in Sardegna, utilizzando best practice consolidate.
  6. Resta il fatto che ogni perdita è difficile da accettare, soprattutto quando di origine antropica: il progetto Aquila a-LIFE ha contribuito a portare alla luce il fenomeno dell’elettrocuzione in tutta la sua gravità: i trasmettitori GPS hanno permesso di conoscere il destino degli animali rilasciati, di calcolarne la mortalità: ma quanti individui di altre specie muoiono per la stessa causa e rimangono ignoti
  7. Esistono normative che impongono la messa in sicurezza delle linee elettriche? No, le direttive europee e le norme nazionali di recepimento impongono attente valutazioni e l’adozione di sistemi di prevenzione, ove necessario, solo per i nuovi impianti. Le linee esistenti, pur pericolose per l’avifauna (per le conoscenze oggi disponibili) sono a norma.  Come si può affrontare allora questa problematica? Le soluzioni percorribili da un punto di vista tecnico non mancano. Le linee a cavo nudo (bassa tensione e più frequentemente media tensione) possono essere messe in sicurezza con diverse modalità: l’interramento, la sostituzione con cavi unificati isolati o l’apposizione di sistemi di protezione, con costi molto differenti.
  8.  Il coordinatore del progetto Aquila a-Life, l’Associazione spagnola Grefa, è molto attivo su questa problematica e sul sito del progetto è possibile trovare ampia documentazione, incluso un corso on line ed il “libro blanco” sull’elettrocuzione in Spagna -  un testo che esamina la problematica in Spagna e le possibili soluzioni, senza tralasciare gli aspetti normativi.
  9. Che cosa si può fare per contrastare questo fenomeno? Innanzitutto, incrementare la disponibilità dei dati sull’impatto, segnalando sempre eventuali esemplari rinvenuti morti sotto o in prossimità di sostegni di media tensione. Poi, iniziare un processo di messa in sicurezza delle linee elettriche più pericolose reperendo i fondi necessari per l’attuazione delle misure.
  10. Attualmente, ISPRA sta analizzando i dati aggiornati degli eventi di elettrocuzione pervenuti ai Centri Regionali di Recupero Animali Selvatici, grazie alla collaborazione di Forestas e del CFVA che, unitamente all’analisi degli spostamenti delle aquile di Bonelli rilasciate, consentiranno di definire e mantenere aggiornato il quadro di rischio e procedere all’identificazione dei sostegni da correggere e alla prioritarizzazione degli interventi, a fronte della disponibilità di fondi.
Condividi:

Notizie ed eventi

20 Giugno 2024

Con Delibera di Giunta Regionale e successivo Decreto della Presidente della Regione, il dottor Salvatore Piras è stato incaricato quale Amminitratore Unico e Legale Rappresentante dell'Agenzia Forestas...

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...