Leccinum corsicum

Funghi: Leccinum corsicum
Cappello:
4-8 cm; emisferico, poi convesso, infine appianato e guancialiforme. Superficie bitorzoluta, screpolato con tempo secco e ventoso, untuoso con tempo umido. Colore bruno-scuro variabile.
Gambo:
altezza cm 5-8; diametro cm 1,5-2,5; corto, ovoidale-fusiforme, con base radicante. Giallo, ricoperto da piccole granulazioni in rilievo che scuriscono allo sfregamento o alla manipolazione.
Carne:
soda, compatta, giallastra che vira al taglio verso un rosa-violetto pallido. Odore non significativo, sapore leggermente amaro.
Tubuli:
abbastanza lunghi, gialli, liberi.
Pori:
piccoli, rotondi, concolori ai tubuli ma bruno-rossastri allo sfregamento.
Habitat:
tipicamente sotto il cisto. Tardo autunno.
Spore:
fusiformi. 15-18 X 5-7 micron.
Commestibilità:
commestibile, buono.
Osservazioni:
cresce tipicamente sotto il cisto. Molto apprezzato dai raccoglitori sardi, specialmente nella Provincia di Cagliari. Qualche autore tende a sinonimizzarlo con il L. lepidus, ma da questo fungo si differenzia per alcuni caratteri costanti: taglia piccola, habitat tipico, sapore amarognolo della carne e tendenza a screpolarsi con tempo ventoso.
Condividi:
Scheda
Nome volgare:
boleto del cisto.
Funghi:
Etimologia:
corsicus = corsicano. Per la zona di crescita.
Sinonimi:
Boletus sardous, Boletus corsicus, Krombholziella corsica.

Potrebbe interessarti anche:

  • 2-6 cm; convesso poi nettamente depresso. Colore variabile dal violetto al viola vinoso, con centro solitamente verdastro. Cuticola separabile, untuosa, decolorata al margine.
  • 2-4 cm; da parabolico a campanulato, color grigio-bruno al centro, rosa-lillacino verso il margine.
  • 5-18 cm; da emisferico a convesso, infine appianato. Cuticola vellutata poi liscia, di colore variabile dal giallo-ocra, al nocciola-ocra, al bruno chiaro, fino al camoscio.
  • 5-20 cm, da emisferico a convesso, infine guancialiforme, con andamento irregolare. Cuticola asciutta, leggermente tomentosa, di colore biancastro, o bianco
  • 2-7 cm, emisferico poi piano. Superficie ocra olivacea , feltrata, ricoperta da fibrille brunastre. Margine inizialmente involuto.
  • 6-15 cm; carnoso, convesso, poi depresso-ombelicato, margine involuto nel giovane, ondulato con l'età. Colore nocciola tendente al grigiastro, con piccole macchie più scure...
  • 2-6 cm, da convesso a campanulato-convesso. Superficie viscosa, ocra-brunastra o ocraceo-fulva, con fibrille radiali più scure. Margine involuto, biancastro negli esemplari...
  • La Lobaria pulmonaria è un grande lichene folioso, epifita . Cresce sulla corteccia di vari alberi (in Sardegna si può trovare su leccio e roverella ). ​Crescita e sviluppo...
  • 2-8 cm; a forma di conchiglia con superficie feltrato-tomentosa, di colore giallo-arancio, igrofana. Margine involuto. Sessile (gambo assente).
  • Cm 8-15 (20), emisferico poi espanso, carnoso, bianco con tendenza a macchiarsi di giallo per sfregamento o con l'età; margine appendicolato; cuticola lucida a tempo secco...
  • 5-12 cm; emisferico, poi convesso-appianato. Cuticola liscia, vischiosa, facilmente separabile. Colore marrone scuro omogeneo, con fiammature radiali nerastre, innate.