Rosas - Monte Orri

panoramica sui monti di Siliqua

Il cantiere di Rosas è situato a pochi chilometri dal sito minerario omonimo, recentemente recuperato e aperto ai visitatori. Passato all’AFDS dall’Ispettorato Ripartimentale del Corpo Forestale nei primi anni ’90 è stato oggetto di lavori di rinaturalizzazione, con l’eliminazione della vegetazione non autoctona impiantata negli anni precedenti (in prevalenza Eucalipti che sono stati gradualmente sostituiti da impianti di Sughera).
Una nuova struttura con foresteria e centro servizi ha preso il posto di un vecchio e cadente stabile.
La zona è contigua al cantiere forestale di Campanasissa (altra UGB del complesso forestale 18b-Pantaleo) e al Monte Orri (723 metri), fra le cime più alte della parte occidentale dei monti del Sulcis.
In località Is Casiddus è ancora presente una vecchia laveria mineraria risalente ai primi del Novecento.
Le prime notizie di attività mineraria nell'area di Rosas risalgono ai primi decenni dell'Ottocento. In quegli anni tutta l'attività mineraria in Sardegna era gestita direttamente dallo Stato. Risalgono a quel periodo i primi documenti che attestano un'attività di ricerca mineraria a sud del Monte Orri.

Comuni: Narcao, Siliqua
Superficie: 1205 ettari
Tel: 0781 959875  

Aspetti vegetazionali:
Il sito è caratterizzato da una vegetazione forestale tipicamente mediterranea, con la presenza di numerose specie endemiche: in particolare sughere, oltre a tipologie vegetazionali a olivastro e ginepro. Sono presenti inoltre una macchia bassa a predominanza di cisti, euforbie e lentisco, e gariga a ginestra corsica e lavanda.
Aspetti faunistici:
La zona ospita numerose specie animali ed avifauna in particolare: troviamo la poiana, il falco pellegrino, la pernice sarda. Tra i mammiferi la lepre sarda, il coniglio selvatico, la volpe, la donnola, il cinghiale.
Come si raggiunge:
Giungendo da Cagliari, si percorra la SS. 130 fino a Siliqua; quindi si prenda la SS. 293 fino al bivio Acquacadda–Narcao, girando verso Terrubia; dopo aver attraversato il piccolo centro abitato si imbocchi una strada cementata fino al sito minerario di Rosas giunti al quale, girando a sinistra e proseguendo dritti per qualche chilometro si trova l’ingresso al cantiere forestale.
Condividi:
Scheda
Tipologia:
Servizio di appartenenza:
Complesso forestale di afferenza:
Approfondimenti

Potrebbe interessarti anche:

  • La foresta demaniale di Alase, con una superficie di circa 1565 ettari, ricade interamente nel comune di Aritzo. Un complesso forestale che ha origine nel Flumendosa a 418 m.s.l.m...
  • Il cantiere di Riu Nuxi è situato in un terreno di proprietà del Comune di Seui, di 2270 ettari , dato in concessione trentennale all’ex-Ente Foreste della Sardegna nel 1991.
  • Questo compendio, noto anche come Padru-Sotza, è accessibile a 4 km dal centro abitato di Padru, ricade nel Bacino Idrografico del Padrongiano e afferisce al Complesso Forestale...
  • La Foresta Demaniale Filigosu divenne demanio regionale nell'anno 1965 attraverso compravendite dal Comune di Oschiri e da privati.
  • Si tratta di una superficie in occupazione temporanea di competenza sino al 2000 dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e dal 2001 dall’Ente Foreste della Sardegna. La...
  • ll Cantiere di Castelsardo si affaccia sulla valle del Coghinas e sullo splendido Golfo dell'Asinara dalle cui vette è possibile ammirare tutta la costa da Capo Falcone fino a a...
  • Il cantiere forestale “S. Antonio” è situato nel Comune di Macomer , nella cartografia I.G.M. SC. 1:25000 ricade nei fogli 498 sez. – III di Macomer. La superficie totale è di 277...
  • Di proprietà del comune di Illorai e in concessione all’EFS dal 1991. Questo complesso ha una forte valenza naturalistica e ambientale per la presenza di lembi di foresta...
  • Sugherete e macchia mediterranea caratterizzano questo cantiere attraversato dall'omonimo fiume.
  • Una foresta meta di visitatori, provenienti dal capoluogo e dalle aree limitrofe, per via delle sue caratteristiche che la rendono particolarmente idonea per l’attività sportiva e...
  • Si tratta di una superficie in occupazione temporanea di competenza sino al 2000 dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e dal 2001 dell’Ente Foreste della Sardeg
  • Un'isola chiamata Herculis Insulae nell'età romana, Asenara nel basso medioevo e Sinnara o Sinuaria è il nome che compare nelle carte rinascimentali. Un isolamento durato oltre un...