Sorbo Ciavardello

Sorbus Torminalis (foto Andrew Dunn CC BY-SA 2.0)

Arbusto o albero di 10-15 metri con tronco dritto e slanciato e chioma globosa. Rami giovani con corteccia lucida, bruno-rossastra. Gemme piccole, globose, glabre, con perule verdi bordate di bruno largamente ottuse all’apice.
Foglie sparse, alterne, caduche, semplici, lamina ovoidale o ovata, con base arrotondata o cordata, lobata con 3-5 lobi decrescenti verso l’apice in ogni lato, profondamente incisi, a margine dentato. Picciuolo di 1,5-4 cm. Infiorescenze in corimbo composto con numerosi fiori bianco-giallastri, di circa 1 cm di larghezza, dotati di 5 petali e 2 stami.
Frutto: un pomo ovoidale-ellittico, di 10-15 mm, globuloso, giallo-rossastro, bruno a maturità.

Extra:

Con la polpa dei frutti maturi si possono fare ottime maschere detergenti, tonificanti e riacidificanti per pelli precocemente invecchiate, astringenti e lenitive sulle pelli irritabili.
Il legno, robusto e bianco, era impiegato dai falegnami e tornitori per fabbricare strumenti ed arredi: a Tempio era preferito al legno di noce.

Corologia:
Specie diffusa in Europa settentrionale e centro-meridionale, Asia minore fino al Caucaso, compresi alcuni areali nord-africani. In Sardegna presente nel Gennargentu, nel Goceano e nel Marghine. Tipo corologico: Paleo-temp.
Fenologia:
Fioritura ad aprile-maggio; i frutti maturano a fine estate (settembre-ottobre).
Habitat:
Una specie sciafila e termofila che vive dal livello del mare fino agli 800 metri di altitudine. Vegeta su terreni freschi, prediligendo substrati di tipo calcareo.
Forma biologica:
Micro o mesofanerofita
Curiosità:
Il Ciavardello è una pianta ad accrescimento molto lento e si riproduce per seme. Viene utilizzato principalmente per scopi ornamentali. Sorbus torminali era già il nome di questa specie al tempo di Plinio. Torminalis, "che guarisce i tagliati" deriva a "tormina", "dolori di ventre", "coliche" facendo allusione alle virtù astringenti dei frutti.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Sorbus torminalis
Nome sardo:
Suprevia, Lazzarolu, Morichessa
Flora:
Divisione:
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Albero longevo, a crescita lenta, conosciuto dall'antichità per le proprietà alimentari dei suoi frutti: le carrube sono cibo di basso costo ma alto valore nutrizionale, molto...
  • Arbusto alto fino a 6 metri con rami eretti e molto ramificato. Corteccia molto irregolare, grigiastra e screpolata. Rami giovani pubescenti. Foglie lineari (3-5 mm) glabre, verdi...
  • Cespuglio basso e ramoso con rami alti fino a 60 cm, peloso-ghiandoloso. Foglie ovali a lamina ellittica, vischiose, sessili, con superficie grinzosa; margine ondulato-crenato;...
  • Pianta erbacea perenne con foglie lunghe fino a 1 m, che partono direttamente dal terreno e disposte a rosa , composte da un asse centrale (ràchide), ricoperto da scaglie marroni...
  • Pianta slanciata alta 20-40 cm, con fusto glabro ed eretto. Foglie, da lanceolate a subspatolate, acute, lunghe fino a 15 cm.; le basali sono disposte a rosetta, le superiori più...
  • Arbusto prostrato con corteccia bruno-rossastra, rami contorti e intricati. Rami giovani glabri e angolosi. Foglie aghiformi lunghe 8-14 mm., rigide, mucronate, pungenti con una...
  • Il Lupino giallo è una pianta erbacea annuale con radice a fittone, ramosa. Cresce tipicamente a quote da 0 a 600 m.s.l.m. La varietà commestibile di lupino è quello bianco (...
  • Noto anche come Cisto biancastro , è un arbusto perenne legnoso alto fino a 1 m. Fusti densamente lanosi e dal colore bianco-grigiastro all’apice, legnosi e dotati di corteccia...
  • Nella tarda primavera le foglioline carnose di questa pianta, colorano di purpureo le fratture rocciose e le piccole rupi granitiche. Presente nativamente solo in Sardegna,...
  • Erbacea alta tra 40 e 150 cm. L’ infiorescenza è in cima al fusto, composta da fiori lunghi (3-5 cm) tutti rivolti sullo stesso lato, color porpora con macchie rosso scure e...
  • A ppartenente alla famiglia Ranunculaceae , originario dell'Europa, del Caucaso e dell'Asia Minore.
  • Arbusto caducifoglio alto 0,5-4 metri, con chioma assai rada ed irregolare, ramosissimo, molto spinoso. Rami e fusti color bruno-grigiastro più o meno scuri. Foglie