Acero minore

Acero minore

Piccolo albero alto 6 - 10 metri, con chioma larga ed espansa, generalmente bassa, ovoidale e globasa, con rami eretti o eretto-patenti . La corteccia è grigio-cenerina, liscia da giovane e poi rugosa e solcata longitudinalmente. Rametti fini, glabri con lenticelle evidenti. Pianta a foglia caduca, semplice, trilobate ( 3-8 cm.) con picciolo di uguale lunghezza, glabre, a margine intero o leggermente lobato, coriacee, verde scuro nella pagina superiore, opache in quella inferiore. Gemme piccole, rosso brune leggermente divergenti dal ramo. Fiori riuniti in corimbi terminali di colore giallastro. Frutto disamara ad ali non molto divergenti lunghe 2 -3 cm.

Corologia:
Originario dell’Europa centro-meridionale, dell’Asia occidentale; presente anche in alcuni areali mediterranei nord africani. In Italia è presente sul versante meridionale delle Alpi, Liguria, Sicilia, Sardegna e Corsica, Italia centrale, manca in Piemonte e Padania. In Sardegna è distribuito prevalentemente nella catena del Marghine e sul Gennargentu, meno frequente nell’Iglesiente.
Fenologia:
La fioritura inizia quasi contemporaneamente all'emissione delle foglie e raggiunge il suo massimo in aprile- maggio. La fruttificazione avviene 15-20 giorni dopo la fioritura ed i frutti permangono sulla pianta fino a novembre.
Habitat:
Vegeta sia in pianura che negli ambienti pedemontani e montani. Predilige esposizioni soleggiate e non ha particolari esigenze di substrato. In Sardegna si trova in diverse zone proprio per la sua adattabilità a diversi climi e substrati.
Forma biologica:
Mesofanerofita
Curiosità:
Il legno duro e resistente adatta per piccoli lavori al tornio e intaglio, veniva utilizzato per la costruzione di utensili inseriti su parti meccaniche soggette a frequenti movimenti. Il legno dell'acero è anche un eccellente combustibile molto simile al faggio, benchè bruci un po' in fretta. L'acero è utilizzato a scopo ornamentale nelle siepi o nei giardini poiché con il mutare delle stagioni le sue foglie subiscono una variazione cromatica molto evidente dal giallo intenso al rosso. Ha una modesta importanza forestale per il suo lento e limitato sviluppo. A Dorgali le fronde venivano fornite in pascolo agli animali nei periodi dell'anno di scarsa disponibilità di cibo, soprattutto quello autunnale.
Allegati: 
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Acer monspessulanum L.
Nome sardo:
‘Osti, Aéra, Murta lavrina, Oladighe
Flora:
Divisione:
Classe:
Ordine:
Famiglia:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Arbusto sempreverde con fusti eretti, compatto. Foglie diritte o leggermente ripiegate verso l’alto lunghe da 6 a 11 mm in verticilli di 4 o 5. Fiori rosa-violetti in fascetti...
  • Albero longevo, a crescita lenta, conosciuto dall'antichità per le proprietà alimentari dei suoi frutti: le carrube sono cibo di basso costo ma alto valore nutrizionale, molto...
  • Detto anche Elce ( Quercus ilex ) è una quercia sempreverde assai longeva (può raggiungere i 1000 anni ). Alto fino a 25 m , con chioma globosa e densa, colore cupo e portamento...
  • Albero non molto longevo, raggiunge mediamente i 25-30 metri in altezza, tronco dritto, di diametro fino a 1,2 metri, chioma inizialmente piramidale, poi più o meno espansa e...
  • Arbusto sempreverde, con fusto cespuglioso e molto ramoso, vischioso e aromatico, alto fino a 2 metri. Foglie opposte, sessili, strettamente lanceolate, tormentose e vischiose,...
  • Albero che non supera i 10 metri, con un fusto dritto, talora un po’ sinuoso, che sostiene una chioma arrotondata ed espansa. Corteccia omogeneamente e finemente rugosa,...
  • Pianta erbacea perenne alta fino a 30 cm,con infiorescenza a spiga rada
  • Pianta arbustiva con fusto breve e tozzo, può raggiungere i 2-3 metri di altezza. Corteccia di
  • Il ciclamino primaverile è una pianta erbacea perenne, piccola tuberosa dai delicati fiori rosati. Si trova al centro–sud e nelle isole fino a 1200 m s.l.m..
  • Arbusto o piccolo albero alto fino a dieci metri , molto ramificato. Corteccia grigio-rossastra desquamante in linee longitudinali nei rami più vecchi; rami giovani glabri,...
  • Frutice lianoso sempreverde, prostrato-diffuso (strisciante sul terreno) o sormentoso-rampicante (su alberi, muri e rocce, raggiungente anche i 15 m. di lunghezza ) mediante...
  • Albero alto fino 30 metri di altezza, con chioma espansa che si forma ad una certa distanza dal suolo. Il tronco si presenta regolare, con la corteccia lucida e liscia di color...