Centaurea minore

centaurea minore (foto A.Saba presso miniere Rosas)

Pianta erbacea, annuale o biennale, appartenente alla famiglia delle Gentianaceae. Nota anche con il nome comune di "cacciafebbre".

Alta fino a 50 cm, glabra, il fusto è quadrangolare, eretto generalmente semplice fino ai 4/5 inferiori, fittamente ramificato in alto.

Originaria dell'Europa, Asia occidentale e Africa settentrionale; è comune in tutto il territorio italiano, dal livello del mare alla bassa montagna, nei prati ma anche nei campi sfalciati.

In alcuni territori veniva raccolta tra luglio e agosto (quando sono presenti i fiori), preferendo le piantine più piccole, per utilizzi fito-terapeutici e per tinture e tisane.

Extra:

L'infuso preparato con le varie parti della pianta era utilizzato contro gli attacchi febbrili. La tradizione popolare individua nella centaurea proprietà cicatrizzanti, da cui il nome stesso che ricorda il mito del centauro Chirone, che le utilizzò - secondo il mito - per curarsi la ferita procuratagli da Ercole.
Altre proprietà riconosciute alla pianta sono: stimolante, tonicizzante, digestiva, carminativa, antipiretica...

Etimologia:
Il nome specifico erythraea deriva dal greco έρυθρός (= rosso) dal colore dei suoi fiori (erythraeum)
Somiglianze e varietà:
Comunemente è spesso indicata come Centaurea minore anche una pianta della famiglia delle Asteraceae, la Centaurea centaurium, a corolle rosee, molto comune nei prati e nei fossi. Può essere confusa con: - Centaurium pulchellum (è più bassa, priva della rosetta di foglie alla base, la ramificazione è presente anche nella parte inferiore del fusto, l'infiorescenza è più larga e rada, i fiori sono peduncolati, la corolla più piccola con il tubo appena più lungo del calice. le due specie hanno proprietà identiche e vengono comprese nella stessa denominazione comune). - Dianthus armeria che ha foglie lunghe e lineari, i fiori raccolti in piccoli fascetti i petali liberi e dentati rossi con minuscoli punti chiari. - Centaurium spicatum che ha infiorescenze che si ramificano in basso dicotomicamente, poi i rami si continuano come cime unipare, simili a spighe, con fiori più grossi e tozzi, con calice a grosse coste.
Curiosità:
Contiene glucosidi amari quali eritaurina, eritrocentaurina, fitosterina, zucchero, gomma, olio etereo, un glucoside, la eritricina, acido oleanolico, una resina, la centauriresina. L'eritaurina è stata identificata con la genziopicrina. I romani la chiamavano fel terrae (= fiele della terra) per il suo gusto molto amaro, e la forte presenza di antiossidanti. Molto usata nella medicina popolare e oggi in erboristeria, la pianta intera fiorita ed essiccata come infusione, decotto o tintura madre. È antinfiammatoria, depurativa, febbrifuga, stimolante, è attiva contro batteri, funghi e vermi. Ha proprietà digestive per cui è usata anche in liquoreria, ma anche contro disfunzioni gastriche ed epatiche. Le foglie verdi pestate venivano usate per disinfettare ferite e favorire la cicatrizzazione.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Centaurium erythraea, Gentiana centaurium, Erythraea maritima
Nome sardo:
Èiba di freba, Èiva 'e sa malàrica, Erba de china, Zentàura, Brundaioba, Brundaiola
Flora:
Ordine:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Specie dal portamento elegante, gli aghi flessuosi ricadono verso il basso: talmente lunghi da rendere la pianta capace di catturare grandi quantità di umidità dell'aria...
  • Arbusto spinoso alto 40-60 cm, con fusti legnosi contorti a corteccia bruno-oliva. Rami striati, pubescenti, intricati. Foglie semplici, sericee, sessili. Infiorescenze a racemo...
  • Noto anche come Erba di S.Giovanni (o cacciadiavoli ) è un piccolo arbusto cespuglioso, piuttosto legnoso alla base, biennale o perenne...
  • Arbusto alto 1-2 metri, rami inerti, corteccia che si stacca a placche. Foglie piccole (1-1,5 cm.), subrotonde, trilobo, lobato-dentate, con numerose ghiandole subsessili,...
  • Fiore delicato ma insuperabile per profumo, colore e contrasto con il verde del paesaggio boschivo che lo circonda. Fiorisce, tra marzo e aprile, splendida anteprima di Primavera...
  • A ppartenente alla famiglia Ranunculaceae , originario dell'Europa, del Caucaso e dell'Asia Minore.
  • Lo zafferano minore (o Croco ) è una specie endemica di Sardegna e Corsica, assai affine allo Zafferano vero ( Crocus sativus L.) pianta di origine asiatica che trova ampio...
  • Arbusto o piccolo albero alto fino a dieci metri , molto ramificato. Corteccia grigio-rossastra desquamante in linee longitudinali nei rami più vecchi; rami giovani glabri,...
  • Pianta erbacea biennale con fusto eretto, ispido per la presenza di peli rigidi, ramoso nella parte finale; radice fittonante, carnosa e abbastanza grossa; durante il primo anno...
  • Nota anche con i nomi di “lingua di cane”, “erba vellutina”, “cinoglosso” e “zerumola”, la Cinoglossa è una pianta spontanea biennale, con fusto peloso di colore verde chiaro ,...
  • Cespuglio basso e ramoso con rami alti fino a 60 cm, peloso-ghiandoloso. Foglie ovali a lamina ellittica, vischiose, sessili, con superficie grinzosa; margine ondulato-crenato;...
  • Arbusto o alberello di 5-7 metri. Corteccia grossolana, grigiastra. Rami giovani grigio-tomentosi con peli corti. Gemme rossastre, glabre o pelosette. Foglie oblungo-ellittiche...