Centaurea minore

centaurea minore (foto A.Saba presso miniere Rosas)

Pianta erbacea, annuale o biennale, appartenente alla famiglia delle Gentianaceae. Nota anche con il nome comune di "cacciafebbre".

Alta fino a 50 cm, glabra, il fusto è quadrangolare, eretto generalmente semplice fino ai 4/5 inferiori, fittamente ramificato in alto.

Originaria dell'Europa, Asia occidentale e Africa settentrionale; è comune in tutto il territorio italiano, dal livello del mare alla bassa montagna, nei prati ma anche nei campi sfalciati.

In alcuni territori veniva raccolta tra luglio e agosto (quando sono presenti i fiori), preferendo le piantine più piccole, per utilizzi fito-terapeutici e per tinture e tisane.

Extra:

L'infuso preparato con le varie parti della pianta era utilizzato contro gli attacchi febbrili. La tradizione popolare individua nella centaurea proprietà cicatrizzanti, da cui il nome stesso che ricorda il mito del centauro Chirone, che le utilizzò - secondo il mito - per curarsi la ferita procuratagli da Ercole.
Altre proprietà riconosciute alla pianta sono: stimolante, tonicizzante, digestiva, carminativa, antipiretica...

Etimologia:
Il nome specifico erythraea deriva dal greco έρυθρός (= rosso) dal colore dei suoi fiori (erythraeum)
Somiglianze e varietà:
Comunemente è spesso indicata come Centaurea minore anche una pianta della famiglia delle Asteraceae, la Centaurea centaurium, a corolle rosee, molto comune nei prati e nei fossi. Può essere confusa con: - Centaurium pulchellum (è più bassa, priva della rosetta di foglie alla base, la ramificazione è presente anche nella parte inferiore del fusto, l'infiorescenza è più larga e rada, i fiori sono peduncolati, la corolla più piccola con il tubo appena più lungo del calice. le due specie hanno proprietà identiche e vengono comprese nella stessa denominazione comune). - Dianthus armeria che ha foglie lunghe e lineari, i fiori raccolti in piccoli fascetti i petali liberi e dentati rossi con minuscoli punti chiari. - Centaurium spicatum che ha infiorescenze che si ramificano in basso dicotomicamente, poi i rami si continuano come cime unipare, simili a spighe, con fiori più grossi e tozzi, con calice a grosse coste.
Curiosità:
Contiene glucosidi amari quali eritaurina, eritrocentaurina, fitosterina, zucchero, gomma, olio etereo, un glucoside, la eritricina, acido oleanolico, una resina, la centauriresina. L'eritaurina è stata identificata con la genziopicrina. I romani la chiamavano fel terrae (= fiele della terra) per il suo gusto molto amaro, e la forte presenza di antiossidanti. Molto usata nella medicina popolare e oggi in erboristeria, la pianta intera fiorita ed essiccata come infusione, decotto o tintura madre. È antinfiammatoria, depurativa, febbrifuga, stimolante, è attiva contro batteri, funghi e vermi. Ha proprietà digestive per cui è usata anche in liquoreria, ma anche contro disfunzioni gastriche ed epatiche. Le foglie verdi pestate venivano usate per disinfettare ferite e favorire la cicatrizzazione.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Centaurium erythraea, Gentiana centaurium, Erythraea maritima
Nome sardo:
Èiba di freba, Èiva 'e sa malàrica, Erba de china, Zentàura, Brundaioba, Brundaiola
Flora:
Ordine:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Albero caducifoglio alto fino a 20 m. a portamento eretto, ramificato in alto, con chioma globosa e raccolta nella parte superiore. La corteccia è grigio-verdastra inizialmente,...
  • È un arbusto sempreverde , molto ramificato, con foglie sclerofilliche (cioè dure, coriacee, sempreverdi) tipico della macchia mediterranea. Spesso, in condizioni climatiche...
  • Arbusto o alberello di 5-7 metri. Corteccia grossolana, grigiastra. Rami giovani grigio-tomentosi con peli corti. Gemme rossastre, glabre o pelosette. Foglie oblungo-ellittiche...
  • Detta anche margherita dei campi , la margherita diploide è un'erbacea della famiglia Asteraceae , comunissima nei prati della Sardegna, fino a 1200 m slm...
  • Il ciclamino primaverile è una pianta erbacea perenne, piccola tuberosa dai delicati fiori rosati. Si trova al centro–sud e nelle isole fino a 1200 m s.l.m..
  • Pianta vigorosa e appariscente, alta 20-70 cm. Fusto grosso, eretto, cilindrico, glabro e lucido. Foglie lineari-carenate, con apice acutissimo divergente, di colore verde chiaro...
  • Arbusto suffruticoso sempreverde di 1-3 m, rampicante , con internodi provvisti di pochi aculei robusti e lievemente adunchi. Foglie composte, con 3-7 foglioline lanceolato-...
  • Albero caducifoglio alto fino a 15 - 20 metri; con rami laterali ben sviluppati e chioma espansa. Tronco diritto e regolare non scanalato. La corteccia è marrone-rossastro scuro,...
  • Albero alto fino 30 metri , longevo e dalla crescita lenta ma continua, molto adattabile. Per le sue possenti radici è detto " pianta spacca-sassi ". Frutti dall'esile polpa...
  • Il nocciolo è un alberello o arbusto a foglie caduche, alto 4-5 m, con chioma fitta e densa. La pianta adulta è circondata da molteplici polloni laterali, poco ramificati, lunghi...
  • Pianta endemica della Sardegna e della Corsica, è un arbusto con portamento elegante, ramoso con peli ghiandolari sparsi sul fusto, sulle foglie e sulle inflorescenze. Foglie...
  • Arbusto alto fino a 6 metri con rami eretti e molto ramificato. Corteccia molto irregolare, grigiastra e screpolata. Rami giovani pubescenti. Foglie lineari (3-5 mm) glabre, verdi...