Salice bianco

Salix alba  by MeganEHansen is licensed under CC BY-SA 2.0

Albero a foglie caduche alto fino a 20 m. a chioma globulosa espansa.

Tronco eretto e corona ampia,con corteccia fessurata, bruna, nerastra.

Rami lunghi ascendenti e divaricati di colore grigio argenteo, rami giovani giallo bruni, lisci ed elastici, dapprima sericei poi glabrescenti con l'età.

Foglie alterne brevemente picciolate, lanceolate, acuminata all’apice, lunghe (4-12 cm. x 1-3 cm.), con la maggior larghezza nella parte mediana, margini finemente seghettati, superiormente più o meno pelosa o glabra a maturità, verde lucido, piu' pallida e tomentosa sotto (argenteo-sericea).

Infiorescenze in amenti densi, i maschili (di 4-7 cm. con 2 stami pelosi nella metà inferiore e antere gialle) e i femminili (3-5 cm. piu' esili, con ovario brevemente pedicellato) sono portati da soggetti diversi (specie dioica).

Il frutto è una capsula glabra quasi sessile di 4-6 mm.

Corologia:
Il Salice bianco e' presente in Europa, ad eccezione della Penisola Scandinava, Asia, Africa settentrionale, e per coltivazione, oggi, si trova naturalizzato in America settentrionale e nell’Estremo oriente. In Italia e' presente ovunque dal piano basale al quello montano. Tipo corologico: Paleotemp.
Fenologia:
La fioritura avviene contemporaneamente alla fogliazione a febbraio-marzo nelle zone più basse e si protrae fino ad aprile ad altitudini più elevate.
Habitat:
Specie eliofila, preferisce suoli freschi e profondi sulle rive di corsi d'acqua dal livello del mare sino oltre i 1000 metri di altitudine.
Forma biologica:
Mesofanerofita
Curiosità:
Specie a crescita rapida che si riproduce generalmente per via vegetativa, ma anche per seme. Il Salice bianco è utilizzato come specie adatta a consolidare terreni di ripa e franosi, a volte si coltiva a capitozza per la produzione di vimini e pertiche. Il legno, leggero ad alburno bianco e duramen rosso-scuro non ha grande pregio e viene usato per tavolame, imballaggi e per la produzione di cellulosa. Sin dal passato erano ben note le sue proprietà mellifere. Il suo legno grazie alla sua tenacità e leggerezza veniva utilizzato dai Romani per costruire scudi. Nell'antica Grecia la corteccia del salice veniva utilizzata per le sue proprietà febbrifughe grazie alla presenza in esse del glucoside salicina usato anche come antimalarico.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Salix alba
Nome sardo:
Salike, Salighe, Saliciu
Flora:
Divisione:
Classe:
Ordine:
Famiglia:

Potrebbe interessarti anche:

  • Arbusto prostrato , caducifoglio, spinoso e assai ramoso, con corteccia grigiastra . Rami giovani pubescenti. Foglie alterne, caduche , ellittiche, spesso ovate, seghettate almeno...
  • I Muschi (si usa il plurale perchè sono migliaia le varietà raggruppate sotto questo nome comune ) sono organismi vegetali che, a differenza delle altre piante, non hanno radici...
  • Suffrutice sempreverde, alta non più di 1,50 m . Rami eretti e corteccia scura con radice lunga, fittonante e lignificata. Foglie sempreverdi lanceolato-lineari, coriacee, glabre...
  • Albero sempreverde alto sino a 15 metri , con chioma irregolare, foglie bipennate , composte da segmenti di 3-4 mm, di un caratteristico colore grigio-verde (o verde argenteo )...
  • La quercia da sughero è un albero alto fino a 15 m , con chioma globosa, rada e piuttosto irregolare. Negli alberi isolati la chioma è espansa, tondeggiante e più compatta. Il...
  • Arbusto sempreverde con fusti alti fino a 1 metro, rossastri e spogli nella parte inferiore, verdi e pubescenti in quella superiore. Anche in questa varietà di euforbia i rami, se...
  • Piccolo albero (max. 10 metri) con chioma larga ed espansa, generalmente bassa. Pianta a foglia caduca , semplice, trilobata. Coloratissimo in autunno : dove è presente si scorge...
  • Pianta erbacea perenne, foraggera appartenente alla famiglia delle leguminose , che cresce spontanea in quasi tutti i paesi del bacino del Mediterraneo. Specie spontanea nel...
  • Arbusto o albero di 10-15 metri con tronco dritto e slanciato e chioma globosa. Rami giovani con corteccia lucida, bruno-rossastra. Gemme piccole, globose, glabre, con perule...
  • Pianta alta 20-60 cm, con fusto relativamente esile, eretto, cilindrico, glabro, lucido. Foglie allungate, ripiegate a gronda, avvolgenti il fusto e decrescenti verso l’alto...
  • Il nome latino può indurre in errore: phonicea non rimanda ai Fenici ma al greco "φοινικεος" che significa rosso porporino , come il colore delle sue galbule, usate per la...
  • Albero o arbusto caducifoglio alto fino a 15 metri con chioma globosa e lassa. Capsule peduncolate, glabre, che nel mese di aprile-maggio si aprono liberando semi piumosi...