COMUNICATO STAMPA: Verso apertura ufficiale Rete Escursionistica Gutturu Mannu

28 Febbraio 2021
Frecce segnavia verso il LAttias (foto A.Saba)

La nuova rete di sentieri che attraversano il più grande Parco regionale dell’Isola, dopo i lavori eseguiti da Forestas in collaborazione con Città Metropolitana, CAI Cagliari ed Ente Parco, sarà in maggioranza classificata per “Escursionisti” (E) o “Escursionisti Esperti” (EE) - quindi tra i gradi di difficoltà escursionistica medio-superiori.

Questi tracciati sono già “visibili” attraversando la più grande lecceta del mediterraneo, in gran parte dopo i lavori di ri-apertura e sistemazione del fondo sono già percorribili (circa 100 km - attualmente in fase di “pre-accatastamento”): sono una selezione tra le migliaia di chilometri offerti da un territorio letteralmente innervato da tratturi, carrarecce, mulattiere e vie dei carbonai (che attraversavano in passato il bosco).  Forestas e Soccorso Alpino hanno rilevato alcuni problemi di sicurezza - per lacune nella segnaletica orizzontale e verticale - che rendono necessari ulteriori interventi straordinari di perfezionamento dei segni-guida, prima dell’accatastamento e della “inaugurazione ufficiale”. 

La segnaletica è fondamentale 

Tra l’altro ha lo scopo di migliorare la fruizione in sicurezza, assicurare la percorribilità e valorizzare i sentieri migliori - indicando agli escursionisti la via da seguire. Al termine di quest’ultima campagna di verifica dei tracciati, iniziata a gennaio 2021 nonostante il maltempo (si stima di terminare entro marzo 2021) saranno pubblicate le schede finali sul Portale regionale della Sentieristica (SardegnaSentieri.it attualmente in versione “beta”) dando indicazioni coordinate per la fruizione, anche sui luoghi di acccetto, attraverso pannelli informativi che saranno posizionati nel perimetro del Parco e nei 10 Comuni, e conterranno raccomandazioni per la sicurezza, grazie alla collaborazione degli esperti del Soccorso Alpino, che nella fase finale di realizzazione affiancano Forestas per le ultime verifiche sul campo.

Il valore della "Wilderness"

Ci sono punti, all’interno del Parco di Gutturu Mannu, difficilmente (o per nulla) raggiungibili con mezzi a motore, lontani oltre 10 km dal più vicino centro abitato e spesso non coperti da segnale telefonico: qui è la bellezza, che gli esperti chiamano “wilderness”, che però va gestita attraverso una attenta pianificazione della Rete Sentieristica, che diventa la principale (talvolta unica) via d’accesso nonché il migliore strumento per la valorizzazione turistica sostenibile del prezioso compendio naturalistico, e prima leva per aumentare la sicurezza e minimizzare i dispersi.
Attraverso la R.E.S. inoltre si può gestire (attenuare) il disturbo antropico causato dalla frequentazione di aree naturali spesso ospitanti siti di nidificazione (es: aquila reale) o spazi vitali per specie protette (es: Cervo sardo). Sinora alcuni percorsi erano privi di segnaletica orizzontale o verticale; alcuni sentieri potevano risultare non completamente percorribili; alcuni tracciati sono stati modificati per manutenzioni straordinarie a seguito di frane (es: sentiero n.204). Con la collaborazione del CAI di Cagliari, del WWF e della Città Metropolitana si è conclusa nel 2020 la riassegnazione dei numeri coerenti con il settore montano di riferimento e con i sentieri delle aree limitrofe.

Manutenzione straordinaria quasi conclusa 

Nel 2020, come preventivato, sono finalmente stati completati i lavori: realizzati in raccordo con la Città Metropolitana ed il Parco regionale di Gutturu Mannu, il cui perimetro interessa 10 comuni: Siliqua, Santadi, Telulada, Domus De Maria, Pula, Sarroch, Villa S.Pietro, Capoterra, Uta, Assemini.

La verifica finale dei tracciati, è l’ultima fase per l’accatastamento: un’attività impegnativa, che richiede la completa percorrenza dei 100 km di sentieri (attraverso tutta l’area del PNR di Gutturu Mannu) per testare la piena percorribilità, la coerenza della segnaletica posizionata, l’assenza di significativi impedimenti in sede (es: frane, smottamenti, crescita eccessiva della vegetazione) per scongiurare - soprattutto nei cisteti e nelle aree più turbolente dal punto di vista idro-geologico - scomparsa o insufficienza dei “segni” orizzontali e verticali predisposti in questi due anni di lavori per assicurare un minimo di orientamento agli escursionisti. 

Al termine di quest’ultimo sforzo, saranno posizionati i grandi pannelli informativi nei centri abitati dei comuni e nelle “porte del parco”: pannelli da 140x100 cm conformi al Regolamento Regionale per la R.E.S. predisposto da Forestas nel 2018 e che conterranno indicazioni sui Sentieri insieme alla cartografia del Parco, le norme di comportamento e le buone regole per la sicurezza degli escursionisti, scritte in collaborazione con il Soccorso Alpino. Le tracce saranno scaricabili dal portale della Regione Sardegna, SardegnaSENTIERI.it che nel corso del 2021 avrà un completo restyling grafico e tecnologico.

 Il Territorio valorizzato

L'area del Parco Naturale regionale del Gutturu Mannu è un territorio di elevato interesse naturalistico e comprende al suo interno alcune storiche Foreste Demaniali, situate nella parte sud della provincia di Cagliari. Una splendida area naturale: qui si trova la più estesa lecceta d'Europa ed una delle più estese reti di sentieri ciclo-escursionistici della Sardegna, presto ufficialmente incluse nella R.E.S.
Gestionalmente, il Complesso Forestale di Gutturu Mannu e di Pantaleo sono in capo all’Agenzia regionale Forestas per una superficie, rispettivamente, di 16807 ettari e 8050 ettari: sono costituiti da diverse Foreste Demaniali confinanti tra loro tanto da costituire quasi un corpo unico: Pixinamanna, Monte Nieddu, Is Cannoneris, Pantaleo, Rosa-Monte Orri, Tamara Tiruccu...ricadenti nella regione storica del Sulcis-Iglesiente, e ricadono nel perimetro del Parco naturale regionale omonimo.

L'intera foresta fu inclusa nella proposta di Parco naturale del Sulcis ai sensi della L.R. 31/89 perchè: esteso areale occidentale del cervo sardo, presenta massicci granitici del Paleozoico dalla tormentata morfologia con valloni alternati a pianori, contiene vette elevate oltre i mille metri, è ricchissimo di boschi di lecci con frequenza di tassi e agrifogli negli anfratti più remoti; sughere, corbezzoli, filliree arborescenti e lentischi. Macchia mediterranea con erica e corbezzolo arborescente.  Con l'approvazione della Legge regionale n. 20 del 2014 Il parco si estende nei territori dei comuni di Assemini, Pula, Santadi, Sarroch, Siliqua, Uta, Villa San Pietro, Domus de Maria, Capoterra e Teulada.
Non meno importante sotto l’aspetto faunistico per le presenze del cervo sardo, la volpe, il raro gatto selvatico sardo, la martora, la beccaccia, l’aquila reale, il colombaccio ed i picchi rossi.  Ci sono inoltre Insediamenti minerari (Pantaleo) e insediamenti archeologici e di antica cultura contadina’. Inoltre ricade nell’area S.I.C. I.T.B. 001105 – “Foresta di Monte Arcosu’ per circa il 70% della sua superficie e per gran parte della sua superficie nell’Oasi permanente di protezione faunistica ‘Gutturu Mannu - Monte Arcosu”.

 

Contatti

Coordinatore Tavolo Tecnico Regionale Rete Escursionistica della Sardegna (RES)
funzionario tecnico
Telefono:
070 2799325
Cellulare: 320 4331047
Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

13 Giugno 2024

Incontro sulle tecniche selvicolturali sostenibili nelle fustaie transitorie di leccio (selvicoltura d’albero) - si svolgerà presso i siti dimostrativi di intervento del progetto LIFE Go Pro For Med con un confronto su obiettivi...

05 Giugno 2024

Il primo appuntamento della Campagna divulgativa " NON SI SCHERZA CON GLI ALBERI " è fissato per il 5 giugno 2024, alle ore 17:30 , con il webinar su " Foreste, clima e biodiversità ". Il webinar è in diretta...

05 Giugno 2024

Un'iniziativa di ANARF con Forestas tra i sottoscrittori della lettera aperta con cui si chiede una maggiore attenzione sulle tematiche forestali, nella salvaguardia e valorizzazione di questo bene primario, che occupa vaste...

28 Maggio 2024

Attraverso due Questionari , compilabili online, è possibile contribuire alla conoscenza sulla presenza delle due specie sul territorio sardo...

27 Maggio 2024

L'Avviso è rivolto ai dipendenti Forestas (inquadrati cat. B e Cat. C) CCRL dipendenti RAS. Presidi Forestali: Gutturu Mannu, Monte Nieddu, Guspini Croccorigas/Is Gentilis - Perd’è Pibera...

30 Maggio 2024

Forestas in collaborazione con l'Assessorato regionale Difesa Ambiente organizza due webinar trasmessi in streaming gratuitamente sulla piattaforma webex. Alle ore 15 si parlerà di Rete escursionistica regionale (RES) per lo sviluppo sostenibile...

21 Maggio 2024

Nuovi mezzi per la flotta regionale AIB dell’Agenzia FoReSTAS - i primi operativi già da questa settimana e schierati già da giugno 2024

10 Maggio 2024

Il personale Forestas li ha trasportati nella voliera di pre-ambientamento a Cea Romana, mentre le videocamere ed i sensori GPS installati dall’Agenzia testimoniano quotidianamente i movimenti e le abitudini dei grifoni rilasciati lo scorso 9...

08 Maggio 2024
Esiti del test di utilizzo da parte dei fruitori (come previsto dall'allegato H del regolamento regionale per i "sentieri per tutti")

Il regolamento regionale anche in questo aspetto è assai innovativo : e quindi come era previsto, il Comune di...

21 Maggio 2024

Workshop sulle potenzialità del silvopastoralismo : per aumentare la resilienza del territorio. Esperti dalla Catalogna presenteranno pratiche su riduzione rischio incendi . A seguire, visita...

02 Maggio 2024

Si trova nel bosco Seleni (Lanusei) e sarà inaugurato lunedì 6 maggio il primo sentiero "realmente accessibile" secondo le specifiche norme regionali approvate nel 2024 dalla...

30 Aprile 2024

Il 12 aprile 2024 si è svolto, a Roma presso la Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF) il convegno sui Demani Regionali e Strategia Forestale Nazionale ...