Fauna Selvatica: breve resoconto di un decennio di ricoveri e cure dei Grifoni in Sardegna

12 Giugno 2015
Grifoni

Dal 2005 ad oggi, dieci anni di registrazioni, sono stati ricoverati 35 grifoni presso il Centro di Allevamento e Recupero per la Fauna Selvatica di Bonassai.
Le cause dei ricoveri sono diverse e principalmente dovute ad intossicazioni, oppure a ferite oppure a traumi che ne impediscono il volo.

Cause di intossicazione per i Grifoni
Le intossicazioni sono principalmente dovute all'assunzione, da parte degli avvoltoi, di sostanze tossiche (tipicamente veleni) presenti nelle carcasse di animali morti - spesso utilizzate in maniera
irresponsabile come esca per eliminare volpi e cani inselvatichiti.

Ferite e traumi
Le ferite sono dovute principalmente a due diverse cause: ferite da arma da fuoco (gli animali sottoposti a radiografia presentano numerosi pallini da caccia) ed impatto con cavi in aria elettrici o telefonici. Quest’ultimo problema riguarda in particolare gli animali più giovani ed inesperti. Alle cause già elencate si è aggiunto un nuovo fattore di rischio: nel mese di settembre del 2014 è stato registrato, per la prima volta in Sardegna, un episodio di impatto contro una pala eolica. L’incidente si era verificato nella periferia di Macomer e l’animale, nonostante il pronto intervento della locale stazione forestale era deceduto a causa di gravi lesioni riportate nell'urto. Si trattava di un giovane individuo (Juvenilis di sesso maschile) che è stato consegnato ormai morto al personale veterinario del centro fauna di Bonassai dopo l'intervento della stazione forestale nel territorio del Marghine-Planargia.

I problemi causati dagli impianti eolici possono essere per l'avifauna decisamente pesanti, come documentato da molteplici studi effettuati in Spagna, paese che vanta la più alta concentrazione di grandi rapaci in Europa: qui la collisione con pale eoliche costituisce attualmente la seconda causa di morte per i Grifoni dopo quella per avvelenamento. Chiaramente gli animali esposti all'impatto contro turbine eoliche sono principalmente i volatili, sia di grandi che di piccole dimensioni: come gli uccelli migratori (in particolare rondini e rondoni) che urtano direttamente contro le pale delle turbine in movimento procurandosi lesioni generalmente letali.

Problemi importanti sono stati registrati anche a carico dei chirotteri (pipistrelli). Questi piccoli volatori notturni subiscono traumi mortali, anche senza l'urto diretto con le pale eoliche. Il danno registrato, in questo caso, è generalmente riconducibile ai cosiddetti barotraumi: lesioni degli organi interni causati dalla depressione dell’aria (conseguente al movimento delle grandi pale) che determina un vero e proprio schiacciamento degli organi interni di questi piccoli animali.

(ds - Ente Foreste, Redazione Web)

Categoria:
Condividi:

Notizie ed eventi

19 Novembre 2022
A Galtellì la manifestazione nazionale inaugura domenica 20/11 il percorso di 13 km realizzato da Forestas

Il monte Tuttavista ha finalmente il suo posto nella Rete Regionale dei sentieri della Sardegna (RES): nelle foto i lavori relativi a tutto...

11 Novembre 2022

L'Agenzia Forestas aveva pubblicato un avviso per acquisire la disponibilità, da parte dei dipendenti di categoria B , all’assegnazione di mansioni di tipo amministrativo (n.16) e amministrativo/autista...

07 Novembre 2022

Si informano gli utenti che i canali URP della Direzione Generale di Cagliari - Forestas saranno indisponibili nelle giornate dal 7 al 11 novembre.

Sportello, canale telefonico, canali whatsapp/telegram ed email saranno nuovamente...

09 Novembre 2022

A due anni dall'avvio del progetto FOR.Italy , che in Sardegna ha interessato le attività formative condotte dall'Agenzia Forestas, un incontro conclusivo è organizzato dalla Regione...

02 Novembre 2022

Lavori per rimettere in sicurezza i sentieri che partono dalla splendida cascina Mannironi di Jacu Piu , ora pregiato compendio forestale sul versante Est del Monte Ortobene di Nuoro. Ospiti CAI e Liceo E.Fermi di Nuoro, è stata...

28 Ottobre 2022

Su Casteddu , colle che sovrastava il paese di Gultudofe , era castellato. A monte dei ruderi del paese, abitato da caprari, sono i ruderi delle chiese di S.Maria ( Itria ) di Gultudofe e di S.Giacomo già sede di monastero...

19 Ottobre 2022

Nodu 'e Taculas è in territorio di Pattada (foresta di Monte Lerno ) - area naturale caratterizzata dalla presenza di mufloni e cervi, oltre ad alcuni lembi di foresta di grande pregio. Una ripresa aerea realizzata con drone fotografico dell'...

19 Ottobre 2022

Iniziativa per dimostrare come - con semplici azioni replicabili anche a piccola scala - sia possibile favorire una grande varietà di specie vegetali e animali con riguardo alla piccola fauna (insetti, rettili e...

18 Ottobre 2022

Le tramudas - antiche vie dei pastori - diventano occasione di recupero dei valori, della storia e dei saperi della nostra terra: un'opportunità di sviluppo turistico attraverso la RES . Anche di questo si è parlato a ...

17 Ottobre 2022

Si informa che la linea telefonica del Servizio Territoriale di Sassari afferente al numero 079 2018200 è fuori uso per un problema tecnico. Sarà ripristinata, presumibilmente, entro mercoledi...

13 Ottobre 2022

Si rende noto che tutti gli uffici dell'Agenzia Forestas resteranno chiusi per la giornata di lunedì 31 ottobre 2022 e la giornata di venerdì 9 dicembre 2022 salvo attività e/...

07 Ottobre 2022

Conclusa la messa in sicurezza della parete rocciosa del famoso tacco , interessato da un fenomeno franoso un anno fa: si è finalmente risolto il problema del versante sud-orientale del Monte Novo San Giovanni , sito interamente nel presidio...