Digitale rossa

Digitalis Purpurea (foto C.Mascia)

Pianta erbacea alta da 40 fino a 150 cm.
Il fusto è semplice, ovvero non ramificato, con foglie ovato-lanceolate direttamente inserite su di esso tramite un picciolo, quelle inferiori, o senza, quelle superiori. 

I margini delle foglie hanno dentellatura arrotondata (crenate). Sulla pagina inferiore hanno colore grigio-feltroso.
L’infiorescenza è situata in cima al fusto ed è composta da fiori (lunghi 3-5 cm) tutti rivolti sullo stesso lato con corolla tubolare a forma di campana il cui margine ha 4 lobi.
Il colore dei fiori è porpora con macchie rosso scure e screziature di bianco all’interno.

Digitale purpurea è anche il titolo di una poesia di Giovanni Pascoli, contenuta nei Primi poemetti.  Racconta l'incontro tra due donne compagne di studi in convento che riferiscono la loro esperienza di vita. Il titolo della poesia deriva dal nome della pianta. 
(fonte: wikipedia).

 

Extra:

Attenzione: tutte le parti della pianta, in particolare le sue foglie, sono velenose per la presenza di diversi principi attivi tossici.  L'intossicazione da digitale, per sovradosaggio, può causare visione itterica (giallo) e comparsa di contorni confusi (aloni) e bradicardia (battito lento); i sintomi comprendono nausea e vomito. Ad alti dosaggi, se ingerita, l'intossicazione da digitale può condurre ad arresto cardiaco e morte. Non esattamente un fiorellino tranquillo!

Corologia:
Principalmente Europa occidentale.
Fenologia:
La fioritura avviene fra giugno e agosto in relazione all’altitudine e alla latitudine.
Habitat:
Boschi di montagna soprattutto lungo i sentieri (più luce), margine dei boschi e luoghi disboscati brughiere e montagne rocciose. È specie calcifuga.
Forma biologica:
Emicriptofita bienne o perenne (H).
Etimologia:
Il nome significa “ditale” e infatti il fiore ricorda questo utensile per cucire. Il termine specifico (purpurea) significa rosso purpureo e deriva dal latino.
Somiglianze e varietà:
Esistono in Natura varietà in cui il fiore è rosa, giallo o bianco. Sono note principalmente le seguenti sottospecie o varietà: bocquetii Valdés (Spagna) - Rouy (Corsica) - heywoodii (Penisola Iberica) - Mariana (Penisola Iberica)
Curiosità:
Viene anche coltivata per le proprietà medicinali ma il principio attivo contenuto nelle foglie può essere mortale superate certe dosi.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Digitalis purpurea L.
Nome sardo:
Panderedda, Zàcca zàcca, Zoccadore, Poddigàle, Ditali, Erba de Santu Leonardu, Alba di santi linaldu, Pittioleddu, Istrachiddadore, Oggia 'e vidale,
Flora:
Ordine:
Famiglia:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Pianta alta 5-25 cm. Foglie inferiori a rosetta, ovato-lanceolate con apice ottuso, le superiori avvolgenti. Fusto angoloso superiormente; infiorescenza lassa, composta da 2-8...
  • Piccolo arbusto sempreverde alto fino a 50cm. Condivide il nome comune di " erba dei gatti " o " erba gattaria " con la Nepeta cataria e la Valeriana officinalis : il nome è...
  • Noto anche come cisto marino , anche perchè vegeta dal livello del mare fino alle aree montuose. Arbusto sempreverde , con fusto cespuglioso e molto ramoso , vischioso e aromatico...
  • Suffrutice sempreverde, alta non più di 1,50 m . Rami eretti e corteccia scura con radice lunga, fittonante e lignificata. Foglie sempreverdi lanceolato-lineari, coriacee, glabre...
  • Piccolo albero (alto fino a 10 metri) o arbusto, poco longevo. Il caratteristico ed intenso profumo delle foglie e dei frutti lo ha reso, nel tempo, anche un simbolo di "gloria"...
  • Arbusto o albero di 10-15 metri con tronco dritto e slanciato e chioma globosa. Rami giovani con corteccia lucida, bruno-rossastra. Gemme piccole, globose, glabre, con perule...
  • Albero caducifoglio alto fino a 30 metri con tronco diritto e spesso nodoso, molto ramificato, con chioma globosa-espansa o colonnare. Corteccia profonda, lacerata, scura. Rami...
  • Detto anche Pino da pinoli o Pino italico , il Pinus pinea è albero maestoso , alto fino a 15-20 metri, ramificato in alto, chioma espansa verde intenso ad ampio ombrello...
  • Albero caducifoglio alto fino a 20 m. a portamento eretto, ramificato in alto, con chioma globosa e raccolta nella parte superiore. La corteccia è grigio-verdastra inizialmente,...
  • Arbusto a portamento eretto, alto dai 30cm al metro. Rami giovani densamente lanosi. Foglie opposte, ovali o ellittiche, brevemente picciolate, che ricordano vagamente quelle...
  • il rovo selvatico (spesso chiamato anche "comune" benchè sia più propriamente il nome del R.fruticosus ) è uno dei "rovi da more". Pertanto si indica diffusamente: Rovo comune ,...
  • Una diffusa specie endemica della Sardegna e della Corsica, tipica della macchia mediterranea e caratteristica (con il suo colore giallo) del paesaggio primo-primaverile (marzo-...