Digitale rossa

Digitalis Purpurea (foto C.Mascia)

Pianta erbacea alta da 40 fino a 150 cm.
Il fusto è semplice, ovvero non ramificato, con foglie ovato-lanceolate direttamente inserite su di esso tramite un picciolo, quelle inferiori, o senza, quelle superiori. 

I margini delle foglie hanno dentellatura arrotondata (crenate). Sulla pagina inferiore hanno colore grigio-feltroso.
L’infiorescenza è situata in cima al fusto ed è composta da fiori (lunghi 3-5 cm) tutti rivolti sullo stesso lato con corolla tubolare a forma di campana il cui margine ha 4 lobi.
Il colore dei fiori è porpora con macchie rosso scure e screziature di bianco all’interno.

Digitale purpurea è anche il titolo di una poesia di Giovanni Pascoli, contenuta nei Primi poemetti.  Racconta l'incontro tra due donne compagne di studi in convento che riferiscono la loro esperienza di vita. Il titolo della poesia deriva dal nome della pianta. 
(fonte: wikipedia).

 

Extra:

Attenzione: tutte le parti della pianta, in particolare le sue foglie, sono velenose per la presenza di diversi principi attivi tossici.  L'intossicazione da digitale, per sovradosaggio, può causare visione itterica (giallo) e comparsa di contorni confusi (aloni) e bradicardia (battito lento); i sintomi comprendono nausea e vomito. Ad alti dosaggi, se ingerita, l'intossicazione da digitale può condurre ad arresto cardiaco e morte. Non esattamente un fiorellino tranquillo!

Corologia:
Principalmente Europa occidentale.
Fenologia:
La fioritura avviene fra giugno e agosto in relazione all’altitudine e alla latitudine.
Habitat:
Boschi di montagna soprattutto lungo i sentieri (più luce), margine dei boschi e luoghi disboscati brughiere e montagne rocciose. È specie calcifuga.
Forma biologica:
Emicriptofita bienne o perenne (H).
Etimologia:
Il nome significa “ditale” e infatti il fiore ricorda questo utensile per cucire. Il termine specifico (purpurea) significa rosso purpureo e deriva dal latino.
Somiglianze e varietà:
Esistono in Natura varietà in cui il fiore è rosa, giallo o bianco. Sono note principalmente le seguenti sottospecie o varietà: bocquetii Valdés (Spagna) - Rouy (Corsica) - heywoodii (Penisola Iberica) - Mariana (Penisola Iberica)
Curiosità:
Viene anche coltivata per le proprietà medicinali ma il principio attivo contenuto nelle foglie può essere mortale superate certe dosi.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Digitalis purpurea L.
Nome sardo:
Panderedda, Zàcca zàcca, Zoccadore, Poddigàle, Ditali, Erba de Santu Leonardu, Alba di santi linaldu, Pittioleddu, Istrachiddadore, Oggia 'e vidale,
Flora:
Ordine:
Famiglia:

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Il vischio deve il suo nome alla sostanza viscida contenuta nelle bacche che è, in forma concentrata, potenzialmente letale (la viscumina, una proteina citotossica) ed è un...
  • Pianta erbacea perenne, alta 10-40 cm., con rizoma strisciante, legnoso, avvolto da guaine scure e fusti cespugliosi, ascendenti o striscianti, più o meno ramificati. Le foglie...
  • Liana sempreverde, rampicante spinoso dai fusti cilindrici, legnosi, glabri, con spine rivolte all'indietro e quindi particolarmente offensive. I rami sottili sono di colore verde...
  • Albero a portamento arboreo con chioma espansa e globosa, alta, non raggiunge i 20 metri di altezza. Presenta un fusto generalmente diritto, con branche sinuose e rami giovani...
  • Piccolo albero (max. 10 metri) con chioma larga ed espansa, generalmente bassa. Pianta a foglia caduca , semplice, trilobata. Coloratissimo in autunno : dove è presente si scorge...
  • Albero di medie dimensioni , altezza tipicamente sui 12-15 metri; chioma piramidale densa, tronco dritto o arcuato ascendente, corteccia scura solcata irregolarmente...
  • Arbusto prostrato con corteccia bruno-rossastra, rami contorti e intricati. Rami giovani glabri e angolosi. Foglie aghiformi lunghe 8-14 mm., rigide, mucronate, pungenti con una...
  • Lo zafferano minore (o Croco ) è una specie endemica di Sardegna e Corsica, assai affine allo Zafferano vero ( Crocus sativus L.) pianta di origine asiatica che trova ampio...
  • Arbusto o alberello di 5-6 metri molto spinoso e ramificato. Corteccia liscia color cenere. Foglie caduche, alterne, profondamente lobate, con tre o cinque lobi dentellati, lunghe...
  • Arbusto caducifoglio alto 0,5-4 metri, con chioma assai rada ed irregolare, ramosissimo, molto spinoso. Rami e fusti color bruno-grigiastro più o meno scuri. Foglie
  • Aromatica, perenne, suffruticosa, alta 30-50 cm, molto ramificata fin dal basso, con base lignificata. I fusti appena formati sono ricoperti da una peluria argentea. Presenza di...
  • Arbusto o alberello di 5-7 metri. Corteccia grossolana, grigiastra. Rami giovani grigio-tomentosi con peli corti. Gemme rossastre, glabre o pelosette. Foglie oblungo-ellittiche...