Betonica fetida

Stachys glutinosa presso monte Linas

Si tratta di un endemismo sardo-corso-tirrenico: vegeta in Sardegna (e relative isole minori), Corsica e isola di Capraia. 
Nomi comuni alternativi sono: Betonica fetida - Betonica glutinosa - Betonica spinosa - Stregona spinosa.

Piana perenne, Camefita fruticosa, della famiglia delle Labiatae (o Lamiaceae), alta mediamente mezzo metro: presenta il portamento di cespuglio tondeggiante, molto ramificato, con i vecchi rami secchi che tendono a divenire spinosi o pungenti, pur senza spine propriamente dette. 

Le foglie inferiori sono di maggiori dimensioni e di forma lanceolata con il margine crenato. Le foglie superiori sono più piccole, lineari-lanceolate e con il margine tipicamente senza la dentatura di quelle inferiori.

I fiori generalmente bianchi sono spesso disposti in coppie e con infiorescenze allungate e irregolari all'apice dei rami. Calice campanulato suddiviso in cinque denti lanceolati asimmetrici. Corolla dal un caratteristico labbro inferiore trilobato, molto più sviluppato e appariscente di quello superiore. Il colore dei fiori può variare presentando sfumature rosate o violacee o (più raramente) con il lobo superiore dotato di particolari striature violacee.

 

Extra:

Pianta resiliente agli incendi: è in grado di ricacciare con polloni radicali a rapida crescita, dopo il passaggio del fuoco. 
Per l'utilizzo nella "bruciacchiatura" delle setole del maiale è conosciuta come bruschiadinu, bruschiarinu, abbruschiadinu (nomi comuni in sardo, riferiti anche ad altre specie usate per lo stesso scopo).

Fenologia:
Il periodo di fioritura è molto lungo e perdura dalla primavera fino all'autunno.
Habitat:
Si adatta a suoli degradati, aridi e soleggiati, anche battuti dal forte vento. Non tollera l'ombreggiamento quindi non cresce nella macchia alta e nel bosco; vegeta nelle garighe, e in pendii rocciosi, dal livello del mare fino alle garighe montane alte.
Etimologia:
Emana un aroma penetrante, che in genere è ritenuto sgradevole (da cui l'aggettivo "fetida" associato al nome comune). L'appellativo scientifico di "glutinosa" si deve al fatto che la parte erbacea della pianta è assai appiccicosa per l'abbondante presenza di ghiandole resinose di colore giallognolo.
Somiglianze e varietà:
Secondo il Pignatti (Flora d'Italia. Volume secondo. Edagricole, Bologna 1982) farebbe parte di un raggruppamento di dieci specie, nell'ambito della famiglia delle Lamiaceae, accomunate dal portamento arbustivo-spinoso. Le altre specie, di cui altre due appartenenti al genere Stachys, sono presenti rispettivamente nell'isola di Creta, in Grecia, nella regione del Caucaso e nell'Asia occidentale (dall'Iran alla Turchia). La betonica fetida sarebbe pertanto l'unica specie di questo raggruppamento presente nel bacino centrale e occidentale del Mediterraneo. Un'altra singolarità, citata dallo stesso autore, è la frequente associazione, nei crinali battuti dal vento, della betonica fetida con l'Astragalus sirinicus, che presenta analogie con altri astragali orientali. Secondo l'autore questa fitocenosi sarebbe da considerare come una flora relitta originatasi prima delle glaciazioni e, quindi, anteriormente al Pleistocene. La sopravvivenza di questa flora nell'attuale areale sarebbe da attribuirsi alle condizioni climatiche e di isolamento instauratesi con il ritiro delle glaciazioni.
Curiosità:
Utilizzata in passato quale repellente, appesa in mazzi nei pollai per allontanare i "pidocchi delle galline". Inoltre nella tradizione popolare la betonica fetida era usata, con altre specie aromatiche della macchia, per abbrustolire i maiali dopo la macellazione (s'abbruschiadura) per bruciare le setole aromatizzando, al contempo, la cotenna.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Stachys glutinosa
Nome sardo:
Bruschiadinu, bruschiarinu, abbruschiadinu
Flora:
Approfondimenti

Contenuti correlati

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Arbusto o alberello di 5-6 metri molto spinoso e ramificato, utilizzato sia come ornamentale che per la formazione di siepi autoctone insieme ad altre essenze...
  • L'Eucalitto (o Eucaliptus ) è un albero sempreverde che può raggiungere i 30 metri di altezza . Le foglie sono pendule, coriacee e aromatiche e presentano una particolarità sono...
  • Pianta erbacea perenne, foraggera appartenente alla famiglia delle leguminose , che cresce spontanea in quasi tutti i paesi del bacino del Mediterraneo. Specie spontanea nel...
  • Albero caducifoglio alto fino a 20 m. a portamento eretto, ramificato in alto, con chioma globosa e raccolta nella parte superiore. La corteccia è grigio-verdastra inizialmente,...
  • Pianta arbustiva con portamento lianoso, rampicante; fusto flessibile e delicato, ma cosparso di spine acutissime . Cresce spontanea nei boschi e nelle macchie , essenzialmente...
  • Albero che non supera i 10 metri, con un fusto dritto, talora un po’ sinuoso, che sostiene una chioma arrotondata ed espansa. Corteccia omogeneamente e finemente rugosa,...
  • Camefita suffruticosa (dotata di fusti legnosi solo alla base, generalmente di piccole dimensioni) è endemica delle Baleari e del sistema Sardo-Corso ed Arcipelago Toscano (isola...
  • Piccola pianta erbacea, alta fino a 50 cm, con fusto robusto e foglioso sino all’infiorescenza. Ogni pianta possiede non più di 3-5 foglie con caratteristiche nervature parallele...
  • Suffrutice pulvinoso, molto ramificato alla base, con fusti legnosi sub-eretti o striscianti. Emana una forte profumazione aromatica, molto apprezzata, così come il miele...
  • Piccolo albero (alto fino a 10 metri) o arbusto, poco longevo. Il caratteristico ed intenso profumo delle foglie e dei frutti lo ha reso, nel tempo, anche un simbolo di "gloria"...
  • Col nome comune ( mimosa ) sono spesso indicate le infiorescenze gialle e profumate, simili all'altra specie presente in Sardegna ( Acacia saligna ) detta però " mimosa a foglie...
  • Pianta vascolare con fiori e semi ( Angiospermae ). Colori dominanti della fioritura: blu/violetto/celeste. Questa pianta endemica della Sardegna centrale è inserita nelle...