Vespertilio mustacchino

Vespertilione mustacchino-Foto M.Mucedda
Areale di distribuzione:
Entità eurasiatico-maghrebina, segnalata in tutti i Paesi europei con l’eccezione dell’Islanda. I dati disponibili confermano quasi con certezza che la specie in Italia sia presente in tutto il territorio nazionale.
Identificazione:
E’ il più piccolo dei Myotis europei. La specie ha il labbro superiore molto peloso, il muso appuntito, l’orecchio più lungo che largo, il trago sviluppato per più di ¾ dell’altezza del padiglione auricolare. La lunghezza testa-tronco è di 35-48 mm e l’apertura alare di 190-225 mm. La colorazione dorsale varia dal bruno scuro al nerastro ed il ventre è bianco-grigiastro. Si distingue facilmente dagli altri Vespertilioni per la colorazione scura presente nelle parti nude della pelle.
Habitat:
Generalmente frequenta ambienti forestali sia in pianura che in montagna, aree aperte e zone umide. Attualmente lo ritroviamo anche nei parchi e nei giardini prossimi ai centri abitati. I rifugi estivi sono situati generalmente nelle soffitte, all’interno delle spaccature dei muri talvolta sfrutta anche le cavità degli alberi. e spesso si trovano nelle vicinanze dei corsi d’acqua. Nei mesi invernali si rifugia spesso nelle grotte. La caccia ha inizio subito dopo il tramonto e in alcuni casi si può osservare in volo anche nelle ore diurne. Si nutre prevalentemente di Ditteri (soprattutto Tipulidi), Aracnidi e Lepidotteri, catturati in volo ad altezze generalmente inferiori ai 6 m oppure direttamente sulla vegetazione o al suolo. Il volo è piuttosto rapido e agile.
Riproduzione:
Le colonie sono formate da un piccolo numero di individui e gli accoppiamenti hanno luogo dall’autunno alla successiva primavera. La gestazione dura attorno ai 50 giorni e le femmine partoriscono un unico esemplare, eccezionalmente due, tra giugno e luglio. Le femmine raggiungono la maturità sessuale generalmente a 15 mesi.
Status di conservazione:
A minor rischio (preoccupazione minima).
Fattori di minaccia:
L’alterazione dell’habitat ed il disturbo nei rifugi possono rappresentare una minaccia per la specie.
Grado di protezione:
Convenzione di Berna, All. II; DIR. CEE 43/92, All. IV; L. 157/92; L.R.23/98.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Myotis mystacinus
Nome sardo:
Tutturréddu, alaepèdhe, pinnedhu, pibiristedhu
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:

Potrebbe interessarti anche:

  • Immediatamente riconoscibile per avere le estremità con dita ben visibili e tra loro unite da una membrana natatoria; il carapace ha contorno ovale, liscio e leggermente convesso...
  • Il carapace è convesso, simile alla Testuggine greca, dalla quale si differenzia per avere un astuccio corneo all’apice della coda e per la presenza di due placche sopracaudali...
  • Un falconide di taglia media, nidificante nel bacino del Mediterraneo. In Sardegna sono presenti due delle colonie più importanti di questa specie. Si tratta di un migratore:...
    Il Falco della Regina (Falco eleonorae) è un falco di taglia media, dotato di un'apertura alare che va dai 110 ai 130 cm...
  • Anatra di media grandezza. Lunghezza di 60 cm, un’apertura alare 100-125 cm ed un peso che oscilla tra i 640-1300 g. La colorazione è nera con riflessi verde metallico sul capo e...
  • Uccello dalle piccole dimensioni lungo 15 cm., con zampe giallastre e becco nerastro. Molto simile al Corriere grosso dalla quale differisce per la mancanza della barra alare...
  • Piccola aquila di dimensioni simili a quelle della Poiana, ma con ali più lunghe e più strette.
    La coda è lunga e squadrata. Testa e collo non particolarmente sporgenti. Femmina leggermente più grande del maschio. Apertura alare di 110-130 cm. Sessi simili. Due fasi di...
  • Di dimensioni minori del Cormorano, con una lunghezza di circa 75 cm, il collo più sottile e più corto, il becco più piccolo e la testa più sottile. Il corpo si presenta di un...
  • Sessi simili. La coda si presenta con una banda scura all’apice e due bande di identico colore alla base. Grande variabilità nella colorazione del piumaggio, ma generalmente si...
  • L’upupa è un uccello inconfondibile per via del suo splendido piumaggio colorato e per la cresta molto appariscente, che spesso resta bassa sulla testa ma che in alcuni momenti...
    L'upupa è un uccello caratterizzato dal piumaggio piuttosto vistoso, con colori vivaci osservabili soprattutto durante il volo. Possiede un lungo becco sottile e leggermente...
  • Il Merlo è un uccello abbastanza noto, con i suoi 25 cm di lunghezza, peso gr 80-100 e un’apertura alare di 30-40 cm. Il piumaggio del maschio è nero lucente con becco e rima...
  • Il Grillaio è un piccolo falco, somigliante al Gheppio, ma che, a differenza di questo, frequenta le nostre zone solamente durante il periodo di nidificazione. Presenta uno...
  • Possibile varietà Sardo-Corsa della più diffusa Podarcis sicula , rispetto alla quale risulta più piccola: raggiunge 25 cm inclusa la coda . Predata dai colubridi , micromammiferi...
    Le parti inferiori sono biancastre o con sfumature verdastre e manca spesso la punteggiatura scura, mentre superiormente la colorazione diventa verde, giallastra, marrone chiaro...