Cerambice della quercia

Cerambice (foto di Ron Verdonk - Opera propria, Wikimedia)

Una specie ombrello

Il Cerambice della quercia è un ingegnere ecosistemico (cioè crea microhabitat particolari, come cavità rifugio negli alberi) ed è inoltre una specie ombrello (cioè la sua conservazione serve a proteggere altre specie rare legate alle cavità ed al legno morto).   

La Direttiva Habitat vieta pertanto in tutto il territorio Europeo la cattura o uccisione di esemplari della specie, la perturbazione ed il deterioramento o distruzione dei siti di riproduzione, con possibilità di derogare a tali disposizioni solo per prevenire gravi danni ai boschi. 

CARATTERISTICHE UNICHE

Le lunghe antenne sono il tratto distintivo di questo splendido insetto: nodose e segmentate, superano la lunghezza del corpo (nel maschio) o la eguagliano (nelle femmine).

La superficie del torace è più o meno lucida e percorsa da rughe più o meno regolari (varia nelle sottospecie o tra le popolazioni).

Gli adulti si alimentano con linfa o frutti maturi (albicocche, pesche) e raramente sopravvivono per più di un mese.

Extra

L'adulto frequenta gli alberi sui quali si è sviluppato, non allontanandosene molto: attivo durante il giorno, percorre tronchi e rami in su e in giù alla ricerca della femmina.

Spesso i maschi si confrontano in lotte molto violente per il possesso della femmina: alcuni esemplari restano mutilati alle zampe o alle antenne.
 

Areale di distribuzione:
Questa specie è diffusa in Europa, Nord Africa, vicino e medio Oriente.
Identificazione:
L’adulto, lungo fino a 7 centimetri, ha un corpo slanciato di colore nero. Le antenne nodose e filiformi sono rivolte all'indietro e molto lunghe, fino a 11 centimetri nel maschio.
Habitat:
Nei boschi di Querce e altre latifoglie con vecchi alberi. Nelle ore crepuscolari vola, e durante il giorno il maschio cammina sui tronchi e i rami alla ricerca della femmina. Gli adulti si nutrono di linfa o frutti maturi che si trovano nel bosco, ma sono attratti anche da frutti succosi come albicocche e pesche. Le larve divorano il legno, spesso causando danni all’albero ospite. L’adulto vive poco, tra giugno e agosto, ma la vita larvale dura fino a 3-5 anni.
Riproduzione:
Le uova, in numero di 2-3, sono deposte fra le fessure della corteccia.
Condividi:
Scheda
Nome latino:
Cerambyx cerdo
Nome sardo:
Corrittolu, Sei-sei, Brohà, Currantolu, Mammadriga, Coipira
Classe:
Ordine:
Famiglia:
Fauna:
Approfondimenti

Galleria immagini

Potrebbe interessarti anche:

  • Si tratta di un pipistrello di taglia medio grande, la cui lunghezza è di circa 55-65 mm e apertura alare di 31-34 cm. Il Rinofolo di Mehely presenta una sorta di disegno scuro...
  • La trota mediterranea nativa ( Salmo macrostigma o Salmo cettii ) è un salmonide endemico dell’area mediterranea; si trova in uno stato di conservazione sfavorevole, tendente al...
    Appare molto simile alla trota fario, rispetto alla quale le principali differenze sono: macchie ovali scure sui fianchi, piuttosto indistinte, simili a quelle che altri salmonidi...
  • La lunghezza testa-tronco è di (40) 45-55 (60) mm con un’apertura alare di 240-275 mm. La colorazione del dorso assume una tonalità color bruno rossastro mentre nel ventre è più...
  • Piccolo mammifero, nota anche come toporagno dai denti bianchi maggiore , è un toporagno diffuso in Europa e Nord-Africa. Frequenta soprattutto prati e zone boscose. Come il...
    Misura da 9 a 13 cm di lunghezza totale e pesa da 7 a 15 gr da adulto. Ha una pelliccia piuttosto folta di colore bruno-rossiccio sul dorso mentre nel ventre sfuma nel grigio...
  • I Mutillidi sono una famiglia di imenotteri vespoidei . Vengono comunemente chiamati "formiche" di velluto per il corpo ricoperto di peluria e l'aspetto che ricorda una formica...
    Il corpo è lungo 10-16 millimetri e ha aspetto vellutato. La testa, il torace e le zampe sono di colore rosso brillante, l’addome è nero e presenta cinque macchie bianche. I...
  • Tra i rapaci più diffusi, il Nibbio bruno è un rapace di dimensioni medio grandi ed è una delle specie più longeve (oltre 20 anni). Facilmente distinguibile dal " cugino " Nibbio...
    Apertura alare 175-195 cm. Corpo snello, ali lunghe e moderatamente larghe. La coda lunga identificazione in volo, tenendo presente che la forma biforcuta è invece caratteristica...
  • Si tratta del più piccolo fra i chirotteri europei. I peli del dorso assumono una colorazione bicolore: scuri e nerastri alla base e più chiari all’estremità, mentre il ventre è...
  • È una farfalla di piccole dimensioni con un’apertura alare di circa 15-16 millimetri. Il corpo è tozzo, le ali sono di color bruno scuro, con delle macchie bianco-giallastre al...
  • <body/>
    L’adulto, che ha un’apertura alare di 65-85 millimetri, ha il corpo e le ali anteriori di colore crema con bande biancastre. Le ali posteriori, più scure, hanno una larga banda di...
  • Il Mestolone si distingue dalle altre anatre per avere il becco smoderatamente grande a spatola e grosso. Il maschio è bianco con losanga scura superiormente con lo specchio...
  • Apertura alare 55-70 cm. Specie caratterizzata da coda lunga ed ali ampie e arrotondate. Dimorfismo tra i due sessi. La femmina è circa 1/3 più grande del maschio. Il maschio è...
  • Ha il corpo lungo 15-20 millimetri, il dorso di colore rosso-marrone screziato, e gli occhi grandi e rossi. Le zampe posteriori, adatte al nuoto, sono lunghe, appiattite e orlate...